Connect with us
Sergio Ramos fa volare la Spagna

Flash News

Sergio Ramos fa volare la Spagna

Pubblicato

:

Quando una partita sulla carta già delineata assurge a match di fondamentale importanza emotiva e statistica Sergio Ramos scende in campo. Ieri sera la Spagna era impegnata nella terza delle partite di qualificazione al prossimo Europeo contro le Isole Far Oer e, se il risultato di uno a quattro è solo la logica conseguenza dei valori in campo, il record conquistato da Sergio Ramos è la ciliegina su una partita di ben altra importanza.

DEDICA E RECORD

Proprio come postato sul proprio profilo ufficiale Instagram, il capitano della Spagna ha dedicato il goal con il quale ha aperto le danze allo stadio Tórsvøllur di Tórshavn a José Antonio Reyes, calciatore tragicamente scomparso la scorsa settimana ed ex compagno dell’andaluso al Real Madrid.

 

Detto della dedica, il record che Sergio Ramos ha ottenuto segnando il goal del momentano 0-1 e vincendo la partita contro le Isole Far Oer lo eleva come giocatore più vincente nella storia delle nazionali di calcio superando Iker Casillas, suo ex compagno in nazionale e al Real Madrid. Sono 122 i trionfi in campo internazionale conquistati dallo spagnolo, a cui vanno aggiunti i 18 goal segnati in 163 partite. Uno score degno dell’uomo campione di tutto con Real e Spagna.

LA PARTITA

Il match, dall’andamento prevedibile, ha visto la Spagna dominare in lungo e in largo con un possesso attestato sul 72% e un numero di tiri pari a ventidue verso la porta difesa da Gestsson. I goal, giunti con Sergio Ramos al 5′, Navas al 19′, Gestsson in autogoal al 34’e Gaya in chiusura al 71′, hanno vissuto un momento di stop tra il 25′ e il 32′ quando le Isole Far Oer hanno respinto gli attacchi iberici e hanno risposto con uno splendido goal di Olsen alla pressione degli uomini di Luis Enrique. Una vittoria che prepara la Spagna alla gara controla Svezia in programma Lunedì, dove la Roja cercherà di fare punteggio pieno per assicurarsi il primo posto provvisorio nel gruppo F in vista dei prossimi Europei.

 

(Fonte immagine di copertina: profilo ufficiale Instagram del calciatore)

Flash News

Palladino in conferenza stampa: “C’è rammarico, ma prendiamo il lato positivo delle cose”

Pubblicato

:

Palladino

Al termine di una sfortunatissima partita contro la Juventus, il tecnico del Monza Raffaele Palladino è intervenuto in conferenza stampa dalla pancia dell’U-Power Stadium. Queste le sue parole

RAMMARICO – “C’è tanto rammarico. Affrontavamo i primi in classifica che venivano qua con grande forza di vincere la partita. Il primo tempo è stato interpretato bene, ma non siamo stati pericolosi. Siamo andati sotto dopo il rigore. Nel secondo tempo abbiamo fatto una grande partita e li abbiamo messi in difficoltà. Abbiamo avuto coraggio e pazienza, cambiando assetto tattico. Il pareggio era meritato, ma c’è rammarico per il gol finale. Siamo stati leggeri nel farci saltare sul gol finale. Dobbiamo essere orgogliosi perché hanno dato tutto”.

EFFETTO – “Non parlo mai di cose personali. Mi fa piacere che si parli di me, ma l’attenzione è tutta rivolta verso la squadra. Stasera sono tanto rammaricato. I ragazzi hanno dato tutto quindi si meritavano una soddisfazione. L’attenzione la rivolgo a loro perché lavorano sempre tanto. Cerco sempre di migliorarmi soprattutto per il bene dei ragazzi”.

CAMPO PESANTE – “Non ci ha svantaggiati perché eravamo padroni del campo per tanto tempo. Se il campo avesse danneggiato noi non avremmo avuto tutta questa mole di gioco. Secondo me la Juve è partita meglio, ma nel secondo tempo siamo andati molto meglio. Non era facile perché non lasciavano spazi. Siamo stati bravi a trovare il pareggio”.

DANY MOTA E CARBONI – “Sul gol finale, Mota è stato leggero. Non doveva farsi superare li perché sa quanto ci tengo a queste cose. Io a lui tengo molto ma può fare molto di più. Deve capire il peso di queste circostanze, ma non abbiamo perso per colpa sua. Carboni ha un grande talento, è un gioiello che va piano piano messo in campo. È un grande calciatore, che sta crescendo molto, ora gioca anche per la squadra. Avrà un grande futuro davanti”.

DI GREGORIO – “Sta dimostrando di essere un grande portiere. Nella passata stagione è stata una sorpresa, quest’anno una conferma. Ogni giorno arriva al campo prima: ha grande mentalità, vuole arrivare ad alti livelli e ci riuscirà. Bisogna dare meriti anche allo staff e a tutti gli altri portieri”.

GIOCARE SPORCO – “Non abbiamo quelle caratteristiche, perché non abbiamo giocatori strutturati fisicamente. Proviamo a entrare dentro l’area con dei concetti. Ci vuole più tempo, perché con le palle alte è più facile. Non mi piace questo gioco”.

DUE GOL DOPO DUE MOMENTI DI ESALTAZIONE – “Bisogna sempre prendere il lato positivo delle cose. Abbiamo avuto tanto coraggio nell’affrontare una squadra forte. Prendiamo il lato positivo: abbiamo messo nella sua metà la Juve e abbiamo messo in campo tutto quello che avevamo. Ora archiviamo la partita e poi pensiamo a quella con il Genoa, dove dobbiamo fare risultato”.

 

Continua a leggere

Flash News

Palladino: “Il Monza ha dimostrato grande maturità, meritavamo il pareggio”

Pubblicato

:

Palladino conferenza, le parole del tecnico prima della gara tra Monza e Juventus

PALLADINO – Il Monza ha tentato fino all’ultimo minuto di agganciare la Juventus per ottenere un risultato utile da questa gara. Sebbene Valentin Carboni abbia illuso la squadra e i tifosi brianzoli, il gol negli ultimi istanti di match di Federico Gatti ha distrutto ogni sogno, abbattendo psicologicamente i biancorossi.

La delusione di non aver ottenuto neanche un punto è evidente anche nelle parole di Raffaele Palladino, tecnico del Monza, il quale ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di DAZN, riportate in seguito.

LE DICHIARAZIONI DI PALLADINO NEL POST-GARA

SUL MATCH – “Io non partirei dai minuti finali, ma partirei da una grande prestazione della squadra. Il gol finale è solo un gol anche fortuito, perché mi sembra di aver visto che Gatti abbia ciccato anche la palla. Peccato, perché davvero avevamo dato una grande dimostrazione di maturità. E sono orgoglioso dei miei ragazzi, dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo dimostrato stasera. Ci abbiamo messo davvero cuore, anima in campo, tutto, qualità tecnica, qualità fisiche. La squadra ha dato davvero tutto e a mio avviso meritavamo anche il pareggio“.

SULLE SCELTE DI FORMAZIONE “Volevamo semplicemente non dare riferimenti alla Juventus, che comunque ha tre difensori molto fisici, molto forti. Siamo stati un po’ sterili perché la Juve si difendeva anche molto bene, anche bassa. Però abbiamo sofferto solo da rimesse laterali e da calci d’angolo, dove abbiamo preso il gol. I cambi hanno dato una sterzata ovviamente, anche a livello fisico, abbiamo cambiato anche sistema di gioco, siamo passati a 4 dietro. Direi che abbiamo fatto un’ottima partita, quindi peccato, peccato perché ci credevamo fino alla fine”.

SUI PROSSIMI IMPEGNI – “Mi aspetto quello che hanno fatto semplicemente stasera, ma quello che facciamo dallo scorso anno. Semplicemente giocarcela con tutti, con questa mentalità, con quest’atteggiamento, con i nostri principi di gioco. Giocare a calcio, perché noi non dobbiamo mai snaturarci in base all’avversario. Una vale l’altra, ce la giochiamo con tutte e proveremo a fare bene anche in questo mese”.

Continua a leggere

Flash News

Allegri: “Reazione importante dopo il gol subito, per lo Scudetto ci sono squadre più attrezzate”

Pubblicato

:

allegri juventus

Massimiliano Allegri è intervenuto in conferenza stampa post-partita del match vinto per 2-1 contro il Monza.

SCUDETTO“Non si può sdoganare la parola scudetto. Sappiamo che abbiamo dei limiti e che ci sono squadre più attrezzate di noi. Ora stiamo lavorando per arrivare a giocare il prossimo anno la Champions. Stasera abbiamo fatto bene, potevamo fare anche due gol nel primo tempo. Abbiamo anche rischiato di buttare via due punti nel finale e dobbiamo migliorare su questo”.

SQUADRA PIÙ SOLIDA“Non ho fatto niente di straordinario. Abbiamo lavorato bene e con unità d’intenti. La società ha lavorato bene in estate. Dobbiamo ancora migliorare perché nelle ultime 5 partite abbiamo 4 trasferte, di cui due scontri diretti. Vincere oggi non era facile e bisognava fare una prestazione del genere. Abbiamo fatto un bel primo tempo. Nel secondo non abbiamo subito tanto, ma potevamo fare un po’ meglio sul gol”.

GRUPPO“È bello allenarli perché hanno capito che per vincere bisogna fare fatica. Se uno non fa fatica non porta a casa nulla. Ad oggi i ragazzi si sono dimostrati maturi e responsabili. L’obiettivo è tornare a giocare la Champions l’anno prossimo e per farlo stiamo lavorando bene”.

VLAHOVICHa fatto una buona partita. Il rigore non contava niente perché abbiamo fatto gol subito dopo. Siamo riusciti dopo 10 partite a fare due gol al Monza, cosa non facile. Difendono bene, abbassandosi. Potevamo fare meglio chiudendoci di più nel secondo tempo”.

ILING-JUNIOR“Lasciar fuori i giocatori è difficile. Io devo fare delle scelte. Giocando una sola partita devo fare scelte. Abbiamo tante partite ancora da giocare e questi ragazzi giovani quando vengono chiamati sono tranquillo che faranno bene”.

CORSARI NEL PRIMO TEMPO“Siamo stati abbastanza corsari nel primo tempo, ma non potevamo tenere quei ritmi lì per tutta la partita. Dobbiamo migliorare nella gestione della palla. Abbiamo avuto una reazione importante dopo il gol subito”.

Continua a leggere

Flash News

Barone torna sullo stadio: “Vogliamo sapere dove giocare”

Pubblicato

:

Barone sul nuovo Franchi

Intervenuto a Radio Sportiva, il direttore generale della Fiorentina Joe Barone si è soffermato sul progetto della ristrutturazione futura dello stadio Franchi. Queste le sue parole:

STADIO – Da quando abbiamo comprato la Fiorentina abbiamo provato a fare uno stadio nuovo. Commisso voleva farlo con i suoi soldi: come prima cosa volevamo fare lo stadio nuovo ma non ci è stato permesso, perciò ci siamo concentrati sul Viola Park. Il comune di Firenze ha in mano più di tutti il futuro del Franchi e noi siamo disponibili a metterci al tavolo con il comune e il governo per trovare una soluzione rapida e certa. Vogliamo anche sapere quanto prima dove andrà a giocare la Fiorentina la prossima stagione, perché manca poco ed è importante saperlo in tempi brevi“.

SEDI TEMPORANEE – Abbiamo chiesto ad Empoli e Bologna ma non si sa ancora, anche se noi dobbiamo avere certezze. Si parla anche dello Stadio Padovani, ma al momento non abbiamo certezze e bisogna capire chi mette i soldi e quali saranno gli spazi. Prima di parlare di un restyling la Fiorentina vuole capire dove andrà a giocare“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969