Connect with us

La nostra prima pagina

Il piano B

Pubblicato

:

Bari

Gli italiani dimenticheranno le amarezze mondiali con il campionato“, hanno affermato sino alla nausea radio e giornali nelle ultime due settimane per dimenticare uno scandalo ancora cocente che prenderà forma quando a Giugno dovremmo “farci l’amante” trovando una nazionale per cui simpatizzare. Il concetto, di base, non è sbagliato, soprattutto se si pensa alla riscoperta dei nostri campionati, oltre alla Serie A, da valorizzare e rendere appetibili al pubblico estero secondo un progetto accomunabile alla Championship inglese ed alla Ligue 2 francese, che nonostante alcune carenze tecniche è diventata una sorta di tendenza, favorita dallo svolgimento delle partite il Venerdì sera (alle 20:00). Una sorta di piano B per la nostra rinascita a cui il popolo italiano aveva largamente risposto ben prima delle delusioni nazionali.

Il record di affluenza del derby di Puglia tra Bari e Foggia, che non si giocava da 20 anni, segna un vero e proprio crocevia per la serie cadetta: al San Nicola erano presenti 30.000 persone, un’affluenza da far impallidire tante strutture di Serie A che non fa altro che confermare uno studio lanciato questo mese dal Guerin Sportivo, secondo il quale dallo scorso anno in poi, esaminando le prime nove giornate di campionato, 207.996 italiani in più hanno scelto la bellezza fuggente di una Domenica allo stadio invece della pay tv.

Tra queste 30.000 persone, la spinta della società foggiana, convinta della correttezza del suo pubblico e fermamente volenterosa di portare la propria rappresentanza nella struttura barese, ha portato 1290 ultras a potersi godere lo spettacolo dal vivo, così come avevano annunciato questore, prefetto e osservatorio nazionale mercoledì. I due sindaci hanno parlato di “festa dello sport comune”, condannando di fatto le scritte ingiuriose di alcuni tifosi baresi all’indirizzo dei foggiani.

LA PARTITA

Il gol del “foggiano” Galano.

 

Non è un caso che a simboleggiare la fantomatica ripresa cadetta siano le idee ed il gioco di un ex campione del mondo come Fabio Grosso, che a Bari sembra finalmente aver trovato la rampa di lancio ideale per una grande carriera in panchina. La partita si accende a tratti e risulta spesso spezzettata, ma l’idea di gioco dell’ex Palermo, quella di portare tanto gioco sulle fasce con un centrocampo rapido è stata ben chiara sin da subito. Esempio di come tanti giovani talenti italiani, da Galano a Petriccione passando per Improta, relazionandosi tatticamente con ottimi prospetti stranieri (Anderson, Cissé, Tello) possano davvero dar vita ad una realtà calcisticamente e culturalmente completa. Se poi in panchina hai l’usato sicuro della Serie A, con la batteria di tenori Brienza-Floro Flores-Nene, potrai sempre inventarti qualcosa. E’ quello che ha provato a fare ieri Grosso, che con un pizzico di fortuna, buttando dentro le tre volpi poc’anzi citate e sbilanciandosi in avanti durante gli ultimi dieci minuti (grazie all’espulsione del centrale difensivo Coletti al minuto 80) ed a nulla è servito un Foggia coperto ed attento grazie alle sentinelle di centrocampo Agnelli, Vacca e Gerbo che per ampi tratti hanno dovuto subire il palleggio barese. Bene il centravanti Beretta, anche se l’assenza del bomber Mazzeo era pesante, mentre ben coperti dai due terzini pugliesi l’ex Fedato e Calderini. Il pari, visto l’equilibrio della partita, sarebbe stato il risultato più giusto, ma proprio al 90esimo Floro Flores, imbeccato in area, centra di destro per Galano, che solo davanti alla porta appoggia tranquillamente in rete di sinistro ma si allontana verso il centrocampo senza festeggiare. Il motivo è presto spiegato: il 26enne è un nativo di Foggia, e nonostante si sia formato calcisticamente a Bari il suo è come un gol dell’ex.

COSA MIGLIORARE

Il gol di Galano allo scadere, dalle emozioni forti per i cuori biancorossi, non giustifica di certo il più classico dei derby giocato con la cosiddetta “paura di perdere” che ci accomuna da tantissimo tempo e che in parte non ci ha permesso di arrivare in Russia. Per rendere appetibili le partite ed i campionati nostrani bisognerebbe iniziare ad avere una visione più aperta alla “battaglia”, sportivamente parlando, per stravincere partite del genere invece di accontentarsi di un’ottimo schermo difensivo e di qualche sporadica ripartenza. Le realtà, soprattutto in Serie A, ci sono, ed è per questo che spesso il nostro calcio è stato valutato in maniera errata: chi lo ha fatto prima continua a farlo oggi parlando di “rifondazione”, quando basterebbe qualche piccola accortezza per far salire il gradimento del pubblico. Il modello inglese, da 600 milioni per 5 anni di contratto con Sky (con il campionato in cui il Mercoledì si gioca per prassi), è irraggiungibile ma può essere un ottimo spunto per migliorare, in Serie A così come in Serie B. Ma per i milioni dei diritti tv bisogna prima passare da una metamorfosi del gioco, soprattutto cadetto, che ci porti ad un sostanziale miglioramento.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Camerun, Onana potrebbe rimanere in gruppo: la notizia

Pubblicato

:

Onana

Dopo l’esclusione dalla gara contro la Serbia, a causa di un alterco con il c.t. Rigobert Song riguardo il suo stile di gioco, Andrè Onana aveva deciso di lasciare il ritiro della propria nazionale. Alla luce di tale decisione, l’estremo difensore dell’Inter avrebbe determinato la sua scelta di terminare anticipatamente il suo Mondiale in Qatar.

L’allenatore del Camerun Song, dopo il pareggio (3-3) contro la selezione di Stojkovic, ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo l’accaduto, aprendo al ritorno di Onana:

“Andrè è un calciatore importante, ma in quanto allenatore devo focalizzarmi sul gruppo. Adesso sta a lui decidere. Ci sono regole da rispettare: qualora le seguirà potrà rimanere con noi”.

Parole chiare quelle del c.t. dei Leoni Indomabili, il quale non ha chiuso le porte ad un verosimile rientro dell’ex Ajax. Adesso però la palla passa ad Onana, che dovrà decidere se rimanere nel ritiro con i compagni, accettando le condizioni precettate da Song, o dire addio definitivamente al Mondiale.

Continua a leggere

La nostra prima pagina

Portogallo-Uruguay, le formazioni ufficiali: CR7 c’è! La scelta su Suarez

Pubblicato

:

Portogallo

Il big match di giornata tra Portogallo e Uruguay chiuderà l’ottavo giorno di Mondiale. Dopo la vittoria contro la Corea, il Ghana prova a mettere pressione ai sudamericani impegnati stasera, ora terzi nel girone dopo il pareggio nella gara d’esordio contro gli asiatici. Dall’altra parte il Portogallo vuole chiudere immediatamente il discorso qualificazione agli ottavi e giocherà per vincere. Dopo il super sabato sera di Lionel Messi, tutti aspettano al risposta di Cristiano Ronaldo che guiderà l’attacco lusitano dal primo minuto. Affianco a lui ci sarà Joao Felix, mentre Leao potrà dare il suo apporto solo dalla panchina.

Dopo la deludente prestazione nel match d’esordio, Luis Suarez siederà in panchina e partirà titolare Edison Cavani. Gli occhi degli appassionati, però, si concentreranno sul centrocampo uruguagio, dove sarà regolarmente presente Federico Valverde.

LE FORMAZIONI UFFICIALI

PORTOGALLO (4-3-3): Costa; Cancelo, Dias, Pepe, Mendes; Bernardo Silva, Carvalho, Neves; Bruno Fernandes; Ronaldo, Joao Felix. CT: Fernando Santos.

URUGUAY (4-4-2): Rochet; Gimenez, Godin, Coates, Olivera; Valverde, Bentancur, Vecino; Varela, Cavani, Nunez. CT: Alonso.

Continua a leggere

Flash News

Ghana, il c.t. Addo: “Questo è il calcio, abbiamo avuto un po’ di fortuna”

Pubblicato

:

Dopo la sconfitta al debutto contro il Portogallo, il Ghana trova la prima vittoria in questo Mondiale contro la Corea del Sud. La gara valida per il secondo turno del gruppo G è terminata 3-2 in favore delle Stelle Nere: decide il match la doppietta di Kudus, oltre alla rete di Salisu; inutili ai fini del risultato le due reti realizzate da Gue-sung Cho per la selezione asiatica.

Al termine del match, il c.t del Ghana Otto Addo ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito ai tre punti rcimolati dalla propria squadra.

LE PAROLE DI OTTO ADDO

Il commissario tecnico del Ghana ha iniziato parlando della gara contro la Corea del Sud:

È stata una partita traboccante di emozioni. La Corea ha fatto un’ottima prestazione, ci ha messo molta pressione. Dopo i primi venti minuti abbiamo acquisito il controllo della gara, e da lì abbiamo sviluppato alcune buone azioni”.

Oddo quindi continua nella sua analisi:

“Dopo l’intervallo sono arrivati i veri problemi, ma i complimenti vanno fatti alla squadra: i ragazzi hanno trovato risorse e forza per segnare il terzo gol.  Lo ammetto, abbiamo avuto un po’ di fortuna ma questo è il calcio. Sono felice che la nostra voglia si stata ripagata”.

Continua a leggere

Calciomercato

Inter, discorsi aperti per il rinnovo di Dzeko: sarà addio di Gagliardini

Pubblicato

:

Inter

Arrivano notizie importanti da casa Inter. Secondo la Gazzetta dello Sport, i nerazzurri stanno fruendo della pausa Mondiale in Qatar per organizzare il futuro. Colpi in entrata ed in uscita, occhi sul calciomercato ma anche all’interno del proprio organico: Marotta e colleghi infatti sono al lavoro per valutare se rinnovare alcuni contratti vicini al termine della scadenza.

SITUAZIONE RINNOVI

Edin Dzeko, arrivato ad Appiano Gentile nell’estate 2021, è uno di quelli passati al vaglio dall’ex dirigente della Juventus: il contratto dell’attaccante bosniaco scadrà il prossimo 30 giugno 2023 e, come riporta la Rosea, i contatti tra le parti riguardo ad un prolungamento saranno approfonditi in futuro. L’accordo potrebbe essere trovato sulla base di un ingaggio da tre milioni di euro in aggiunta ad eventuali bonus.

Non solo Dzeko, probabili anche i rinnovi anche di due pedine fondamentali all’interno dello spogliatoio: Danilo D’Ambrosio e Alex Cordaz sono infatti vicini al rinnovo di contratto. Destino diverso per Roberto Gagliardini, indirizzato a dire addio al mondo nerazzurro. Samir Handanovic invece possiede carta bianca e sarà lui stesso a decidere il proprio futuro.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969