Connect with us

Calcio Internazionale

Chi è Sesko, il nuovo acquisto del Lipsia che ricorda Haaland

Pubblicato

:

Chi è Sesko

Dalle parti di Salisburgo, c’è un giovanissimo attaccante sloveno che sta conquistando tutti a suon di gol e prestazioni da giovane campione. Il suo nome è Benjamin Sesko e, a vent’anni non ancora compiuti, è considerato da molti addetti ai lavori una delle future promesse del calcio mondiale. Difatti, dopo un lungo corteggiamento da parte di diversi top club europei, il classe 2003 ha scelto il RB Lipsia come prossimo step della carriera.

DA RADECE A SALISBURGO

Benjamin Sesko nasce il 31/05/2003 a Radece, in Slovenia. Dopo aver tirato i primi calci ad un pallone nella propria città natale, va a giocare con il Kvsko, in seconda divisione under-15. In 23 presenze, nel corso della stagione 2017/18, Sesko segna ben 59 gol che gli valgono il salto di categoria attraverso il passaggio ad una società di livello nazionale come l’NK Domzale.

Siamo nell’estate 2019 e diversi top club europei, quali Juventus, Ajax, Manchester City e Borussia Dortmund, bussano alla porta del Domzale. A spuntarla è il RB Salisburgo che versa nelle casse del club sloveno 2,5 milioni di euro.

La società di proprietà della Red Bull decide di mandare il ragazzo a farsi le ossa all’FC Liefering, la società satellite del Salisburgo militante in seconda divisione austriaca. Nel corso della prima stagione, Sesko va a segno una sola volta su 15. L’anno dopo arriva il grande salto di qualità. Difatti, nel corso dell’annata 2020/21, la punta slovena colleziona 21 centri e 6 assist in 29 presenze. Oltre a ciò, arriva anche l’esordio con la prima squadra.

Nel corso della passata stagione, Sesko debutta, diventando prima il più giovane esordiente e poi il più giovane marcatore nella storia della propria nazionale, con la Slovenia, viene confermato in pianta stabile con il RB Salisburgo. Il minutaggio non è eccessivo ma nonostante ciò il giovane attaccante venuto da Radece riesce comunque a dimostrare le sue enormi potenzialità. In 37 presenze complessive arrivano 11 gol e 7 assist.

CHI È SESKO? CARATTERISTICHE TECNICHE

Sesko è un centravanti dotato di una fisico imponente, essendo alto ben 195 cm. Nonostante il fisico longilineo, lo sloveno è dotato di una notevole tecnica di base. Possiede uno spiccato senso del gol, oltre ad essere molto abile nei movimenti senza palla: segue il gioco con i giusti tempi d’azione.

La stazza fisica potrebbe far pensare ad un attaccante statico. Al contrario, Sesko è molto rapido e quando riesce ad andare in progressione, risulta molto rapido. Basti pensare che un paio d’anni fa, nel corso di un match contro l’FC Dorrnbirn, ha toccato i 36 km/h. Un dato molto simile a quello di un certo Kylian Mbappé…

Sesko è un giocatore dinamico e generoso, che sa mettersi a, servizio dei propri compagni grazie al gioco di sponda che sa sfruttare al meglio. Oltre ad essere spesso molto lucido sotto porta, e dominante nel gioco aereo, ciò che impressiona di questo giovane centravanti è il carattere. Possiede infatti una forte personalità e determinazione non comuni per un ragazzo della sua età.

È chiaro che ci sono ancora degli aspetti su cui può e deve ancora lavorare, come ad esempio il piede debole o un accrescimento ulteriore per ciò che concerne la massa muscolare, ma a 19 anni, Benjamin Sesko sembrerebbe possedere tutte le carte in regola per diventare un futuro campione.

PRESENTE E FUTURO

Da quando è approdato al Salisburgo, in molti lo hanno paragonato ad Erling Braut Haaland, non un nome qualunque passato da quelle parti. In merito a ciò si è espresso l’agente di Sesko, Elvis Basanovic:

“Direi che Benjamin è solo Benjamin Sesko, molti lo paragonano ad Haaland ma penso che lui sia diverso. Sono simili per fisico e velocità, ma hanno caratteristiche diverse. Benjamin gioca più con la squadra, forse è migliore tecnicamente, mentre Haaland è più energico e selvaggio, nel senso positivo del termine. Sesko è un ragazzo umile e lavoratore, non voglio mettergli ulteriore pressione. E’ ancora giovane e ha molta strada davanti a lui”.

Il campionato in Austria è già cominciato da tre giornate e Sesko si è fatto trovare più che pronto alla nuova stagione segnando già un gol e fornendo un assist. Nel frattempo, alla porta del Salisburgo hanno iniziato a bussare molti top club. Negli scorsi mesi si era parlato di Milan ma nelle ultime settimane, sul giocatore erano piombate Chelsea e Manchester United

In queste ore, al di la della richiesta fuori mercato da parte del Salisburgo di 50 milioni di euro, Sky Sports Austria aveva riportato la volontà da parte di Sesko di restare almeno un altro anno in Austria, per continuare il brillante percorso di crescita intrapreso negli ultimi anni. Alla fine, ad aggiudicarsi lo sloveno è stato il RB Lipsia. Attraverso la corsia preferenziale targata Red Bull, i tedeschi sono riusciti a raggiungere un accordo con il Salisburgo per il trasferimento a titolo definitivo di Sesko, a partire dalla prossima stagione. Dunque il Lipsia, oltre a versare nelle casse del Salisburgo ben 24 milioni di euro, lascerà che il ragazzo cresca un altro anno in Austria.

Queste le sue prime parole dopo la firma sul contratto che lo legherà al club tedesco fino al 2028:

“Il Lipsia è uno dei migliori club in Europa e lo sta confermando anno dopo anno. Una storia di successo è stata scritta in pochi anni e io voglio farne parte per quella che verrà. Ora voglio concentrarmi sul Salisburgo, dove ho la possibilità di crescere ulteriormente”.

Aspettando il suo approdo in Bundesliga, ciò che ci sentiamo di dire è che sentiremo parlare con una certa frequenza di questo giovane attaccante sloveno che di nome fa Benjamin e di cognome fa Sesko.

 

 

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Jude Bellingham, rottura e armonia per illuminare l’Inghilterra

Pubblicato

:

Inghilterra

C’è qualcuno a cui piace restare ancorato al passato, conservare ciò che di buono hanno fatto i nostri antenati e costruire da lì le basi per il futuro. Altri, invece, preferiscono distruggere tutto ciò che li precede e proiettarsi solo su ciò che verrà. I più illuminati trovano il modo di far coesistere le due realtà temporali. Erano bravi in questo i futuristi, che facevano riferimento alla classicità, ma deificavano il futuro e rifiutavano il passato.
Per trovare un esempio di futurista nel calcio di oggi, non serve scavare troppo nel profondo. Basta, infatti, guardare pochi secondi dell’Inghilterra per capirlo, perché Jude Bellingham è il primo che ti salta all’occhio.

Quando gioca, sembra il burattinaio che tiene in mano tutti i fili e dirige lo spettacolo. Solo quando l’inquadratura si avvicina e regala un suo primo piano, ci si può rendere conto che è ancora giovanissimo, perché dal modo di giocare sembra abbia trent’anni.

Omero lo avrebbe definito un “uomo dal multiforme ingegno”, ma per la sfortuna di Jude non esistono più aedi in grado di tessere lodi tanto accurate. Sembra essere il perfetto elemento di rottura e al contempo l’ingrediente che tiene tutto in armonia.

CENTROCAMPISTA DI ROTTURA

La parola “rottura” ha qui vari significati. Il primo è quello più calcistico, quindi un centrocampista in grado di fermare l’azione avversaria, di recuperare il pallone e lanciare il contropiede per andare a segnare.

Il secondo è più generale: si tratta di una rottura dalla tradizione e lui ne è l’emblema. L’Inghilterra, storicamente, non ha mai presentato una rosa formata da molti giocatori giovani nelle maggiori competizioni. Quest’anno, però, ha deciso di smentirsi, rifornendo il reparto centrale e quello offensivo di numerosi rising talents. A partire da Foden, passando per Mount e Saka, arrivando quindi a Bellingham. L’ex calciatore del Birmingham, però, è il più giovane di questa nuova generazione, essendo classe 2003.

Ha rotto anche il ghiaccio in questo Mondiale, essendo il primo calciatore nato nel nuovo millennio a realizzare un gol nella Coppa del Mondo. “Cambiando la competizione, il risultato non cambia”, citando una proprietà matematica. Nel calcio la matematica serve a poco, perché nulla è calcolabile, ma Jude è anche in questo caso un elemento di rottura. Sono 7 i gol realizzati e 3 gli assist forniti nelle prime 20 uscite stagionali con il Borussia Dortmund tra Bundesliga e Champions. Numeri molto importanti per un centrocampista centrale.

PLAYMAKER ARMONIOSO

E anche qui, l’armonia è da intendere in più modi. Sicuramente è una delle caratteristiche principali di Jude in campo: magari non sarà classicista come una sinfonia di Beethoven, ma è piacevole da ascoltare come il nuovo singolo di Tedua. Dopo aver rotto l’azione avversaria, riesce ad aggiungere uno step e a far ripartire i compagni. L’armonia la mette anche nell’ultimo passaggio, come dimostra l’assist no-look per Henderson nel match contro il Senegal.

È da intendere anche in senso più tradizionale, perché, oltre a legare il gioco in campo, intreccia anche la tradizione dei centrocampisti inglesi con il modo di vivere il calcio attuale. È un centrocampista di gamba, capace di ricoprire entrambe le fasi perfettamente. In Inghilterra va di moda dire “box to box” da circa vent’anni.

Ha tanto in comune con la sua terra nativa, alla quale piace differenziarsi. Lo dimostrano la Brexit o la sterlina invece dell’UE e dell’euro. Lui, allo stesso modo, è diverso dagli altri e lo dimostra ogni volta che scende sul rettangolo verde.

LA MAGLIA RITIRATA

Un premio alla carriera che solo poche leggende possono contare. La 10 di Maradona al Napoli, la 6 di Baresi e la 3 di Maldini al Milan o la 4 di Zanetti all’Inter. Nessuno potrà più indossare queste casacche per rispetto di questi pilastri. Lo stesso accade alla 22 del Birmingham, divisa indossata da Bellingham nei suoi primi anni di carriera.

In quella squadra, Jude ha mosso i primi passi da calciatore, ci ha speso 10 anni tra settore giovanile e prima squadra e ha salvato il club dal fallimento grazie alla sua cessione. I 25 milioni di euro versati dal Borussia Dortmund per acquistarlo hanno evitato il baratro alla squadra delle Midlands Occidentali. Per questo motivo, oltre che per i suoi meriti sportivi, il Birmingham ha deciso di ricompensarlo ritirando la sua maglia.

Anche qui, rompe con la tradizione, perché quella di ritirare la casacca di un minorenne è una decisione che non ha precedenti nella storia del calcio.

FUTURO SEMPLICE

Il futuro anteriore sarebbe stato esagerato, perché Jude Bellingham vivrà un cambiamento molto a breve. Già prima del Mondiale aveva attirato su di sé le attenzioni di tutti i top club europei. Con le solide prestazioni messe in mostra in Qatar, non ha fatto altro che confermare le impressioni precedenti.

Sarebbero già pronte a far follie per lui quattro squadre: Real Madrid, Liverpool, Manchester City e PSG. Probabilmente, le due inglesi farebbero maggiormente al caso suo proprio per quanto detto fino ad ora. Jude, infatti, sarebbe il perfetto elemento in grado di unire la tradizione dei centrocampisti britannici alla modernità del calcio attuale.

Phil Foden, trequartista del Manchester City, ha detto di lui che diventerà “il miglior centrocampista al mondo”. Che sia una frecciatina all’amico? Lo scopriremo solo vivendo. Prima, però, conviene godersi il quarto di finale che lo vedrà contrapposto alla Francia del fenomeno Kylian Mbappé.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Dalla Spagna: Luis Enrique aveva rifiutato tre volte il rinnovo prima dell’esonero

Pubblicato

:

Luis Enrique

Secondo quanto riportato da AS, Luis Enrique avrebbe rifiutato il rinnovo di contratto per ben tre volte nonostante le insistenze di Rubiales. L’ex allenatore del Barcellona, inoltre, avrebbe turbato la Federcalcio spagnola con le sue dirette su Twitch durante il Mondiale.

Il retroscena svelato dalla fonte spagnola è che, la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso, sarebbe stata proprio una di queste dirette fatta dopo la pesante e inaspettata sconfitta contro il Giappone. Questo comportamento oltre a non aver trovato il gradimento di Rubiales avrebbe anche diviso lo spogliatoio. La sconfitta contro il Marocco ai rigori, quindi, ha sancito l’addio definitivo di Luis Enrique, che però sembrava già maturato da tempo.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Croazia e Serbia multate dalla FIFA: le motivazioni

Pubblicato

:

Croazia e Serbia

La Croazia sta preparando il tanto atteso quarto di finale con il Brasile ma a turbare la vigilia della squadra di Dalic è una sanzione della FIFA. L’organizzazione del calcio mondiale, infatti, ha inflitto una multa di € 50.000 alla Croazia per gli insulti xenofobi di alcuni tifosi a Milan Borjan, portiere del Canada affrontato nella fase a gironi. L’estremo difensore della Stella Rossa, infatti, è nata propria in Croazia ma in una regione di etnia serba.

SERBIA MULTATA DOPO IL MATCH CON IL BRASILE

Anche la Serbia ha dovuto fare i conti con una multa di circa € 20.000 imposta dalla FIFA. La causa sarebbe il vessillo comparso nello spogliatoio della Nazionale di Stojkovic dopo il match contro il Brasile. Questo raffigurava la mappa del Kosovo, con sopra dei simboli serbi e la scritta “nessuna resa”. In questo caso è stata accolta la protesta del federcalcio kosovara.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Caso CR7, Otavio si espone: ”È un esempio per tutti noi”

Pubblicato

:

Cristiano Ronaldo

Mattinata turbolente per i tifosi di Cristiano Ronaldo e del Portogallo. Infatti, il quotidiano sportivo A Bola, aveva riportato l’abbandono dai Mondiali di CR7 dopo un presunto colloquio con il C.T. Fernando Santos. La lite sarebbe avvenuta non appena il campione ex Juventus ha saputo che non sarebbe stato titolare contro la Svizzera. Per fortuna, il tutto è stato smentito dallo stesso Ronaldo su Instagram e dalla Federcalcio portoghese su twitter.

A esporsi sul caso è stato anche il compagno di squadra Otavio, centrocampista del Porto e del Portogallo, che ha parlato del caso Cristiano Ronaldo, difendendo il suo capitano. Queste le sue parole:

Cristiano ha detto quello che ha detto, e secondo me ha ragione. Il gruppo è unito e queste notizie servono solo a farci male. CR7 non ha mai detto niente, e soprattutto non ha mai detto di voler lasciare la Nazionale. Anzi, lui è un esempio per tutti noi, è il nostro capitano e anche se sapeva che non avrebbe giocato contro la Svizzera, ci ha dato la forza e l’incoraggiamento giusto”.

”L’atmosfera era normale, come sempre. Nessuno ha visto una discussione o qualcosa del genere. È normale arrabbiarsi se non si gioca, ma non solo per Cristiano, vale per tutti i giocatori. Poi, tutto quello che fa o non fa Cristiano fa notizia e a volte le immagini mostrano solo il negativo e non il positivo. Sta di fatto che sono d’accordo con quello che ha detto Ronaldo. Il gruppo è unito e cercheremo di non farci colpire da queste cose esterne. Siamo tutti concentrati sullo stesso obiettivo: giocare a calcio e vincere per il Portogallo”.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969