Connect with us
Shevchenko e un futuro già scritto: il Genoa ha deciso

Calcio Internazionale

Shevchenko e un futuro già scritto: il Genoa ha deciso

Pubblicato

:

Genoa

3 punti in 9 partite di campionato, una sola vittoria (in coppa Italia contro la Salernitana), penultimo posto in classifica a -5 dalla salvezza (ma il Venezia ha 1 partita in meno, da recuperare contro la Salernitana, che di match da recuperare ne ha 2). Questi gli impietosi numeri della gestione Shevchenko.

Arrivato a Genova tra l’ottimismo generale, alla luce delle ottime annate da CT della nazionale Ucraina, doveva essere il fiore all’occhiello della nuova era targata 77 Partners. Ma dopo la terribile sconfitta di domenica con lo Spezia, che spedisce i rossoblù con un piede e mezzo nella serie cadetta, la sua avventura rossoblù è ormai già finita.

Divergenze ed esonero ad un passo

Alla base della decisione, che sarà ufficiale al 99% dopo la probabile sconfitta a San Siro con il Milan in Coppa Italia, forse addirittura prima, secondo l’autorevole giornalista rossoblù Gessi Adamoli ci sarebbe il malcontento della società per la mancanza di un’identità di gioco. A 3 mesi dal suo ingaggio, che non ha portato i frutti sperati. Decisiva sarebbe la volontà di Spoors, nuovo Ds, in contrasto con il mister sul mercato e nella gestione della squadra. Shevchenko paga la folle formazione di domenica, con 2 giocatori già ceduti (Fares ed Ekuban) e almeno 5 riserve schierate al posto dei titolarissimi che avevano convinto a Reggio Emilia.

Il sostituto e mercato che continua

A sostituire l’ex Milan sulla panchina del Grifone arriverà con ogni probabilità Bruno Labbadia, ex allenatore dell’Hertha Berlino, voluto fortemente da Spoors. L’ultima volta che l’ex Dt del Lipsia ebbe un ruolo diretto nell’esonero di un allenatore risale ai tempi dell’Amburgo. All’ora l’esonero di Hollerbach nella stagione 2018 non ha evitato la retrocessione dei Dinosauri. Intanto il mercato rossoblù continua, dopo i rifiuti di Piatek e Younes, con occhi sulla Bundesliga. Mentre si allontana Miranchuk, i riflettori sono puntati su Boetius del Mainz e Gavranovic dell’Hoffeneim, mentre sale a 6.5 milioni l’offerta per Raskin, centrocampista classe 2001 dello Standard Liegi.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Rui Costa sul trasferimento di Enzo Fernandez: “Non ha mostrato alcuna voglia di restare”

Pubblicato

:

Rui Costa

Il presidente del Benfica Rui Costa ha rilasciato un’intervista sul portale Bwin Portugal. L’argomento principale dell’intervista è stato il passaggio dell’ex centrocampista dei lusitani Enzo Fernandez al Chelsea.

Ha parlato in primis di come lui ha reagito al volere di Enzo Fernandez di trasferirsi. Rui Costa voleva evitare ciò, ma il ragazzo è stato inamovibile nella sua scelta:

“Si è fatto tutto perché non accadesse. Sono triste per aver perso il giocatore, ma ho la coscienza pulita di aver fatto il meglio per il Benfica. Enzo non ha mostrato alcuna voglia di restare. Temevamo che qualcuno superasse la clausola, abbiamo provato a offrirgli un aumento, ma la proposta che il Chelsea ha fatto ad Enzo per noi era irrealizzabile”.

Il numero 1 del Benfica ha poi proseguito:

 “Dal momento in cui ha capito che avrebbero pagato la clausola, Enzo è stato intransigente. Abbiamo insistito, ma non ha mostrato alcuna disponibilità a proseguire al Benfica. Ho proposto al Chelsea di farlo restare fino all’estate per poi averlo ad un prezzo inferiore. Il giocatore, anche così, non ha voluto continuare al Benfica. Ed è qui che tutto è cambiato. Un giocatore che, anche con la possibilità di non perdere un euro e con un contratto sicuro con il Chelsea, non vuole restare, non potrebbe mai continuare a giocare al Benfica. Enzo Fernandez non sarebbe più potuto entrare negli spogliatoi“.

Ancora triste per il trasferimento del classe 2001, ma Rui Costa ora pensa al futuro del club. Sia per le prestazioni in campo, che fuori, per la sua crescita:

“Speravo che volesse lottare con noi per il titolo. Quando ho capito che non voleva, non volevo nemmeno che indossasse di nuovo la maglia del Benfica. Al Benfica, e questo vale anche per le giovanili, ci sono solo giocatori orgogliosi di vestire la maglia del Benfica. L’impegno è non battersi il petto quando torna utile. L’impegno è ciò che abbiamo fatto ad Arouca”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Vidal ma che combini? Prima fa infuriare i suoi tifosi, poi si scusa

Pubblicato

:

Vidal serie a getty

Ancora una volta, Arturo Vidal è finito nell’occhio del ciclone.

Nell’ultima partita giocata dal suo Flamengo – finora dominatore del Campionato Carioca – contro il Boavista, vinta per 1 – 0 dai rossoneri, il centrocampista ex Inter e Juve, si è reso protagonista fuori dal campo. Il cileno non ha giocato nemmeno un minuto della partita, e ha scaraventato verso il campo un suo scarpino a fine partita sfogando in questo modo la sua rabbia.

La reazione non è stata ben accolta dai tifosi del Mengão. A questo gesto poi si aggiunge anche una frase detta in una diretta Twitch, riguardante un suo possibile ritorno in Cile, che ha fatto arrabbiare ancor di più, i tifosi del Flamengo:

“Se arrivasse il Colo Colo e volesse lottare per vincere la Copa Libertadores, ci andrei“.

Vidal ha scritto sui propri social, quindi, un messaggio di scuse verso i propri tifosi:

“Prima di tutto voglio scusarmi per la mia reazione durante la partita di ieri, quando non sono entrato in campo; preciso che ho sempre voluto giocare, visto che l’ho fatto in tutta la mia carriera, e so che a volte il mio istinto vince”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La trattativa tra Enzo Fernandez e Chelsea fa ricco anche il River Plate

Pubblicato

:

Milan, può arrivare Enzo Fernandez

Nell’operazione che ha portato Enzo Fernandez al Chelsea, ci ha guadagnato anche il River Plate, club che lo ha lanciato tra i professionisti.

Infatti, secondo quanto riportato da Fabrizio Romano dal proprio profilo Twitter, nella trattativa che ha portato il centrocampista classe 2001 a vestire la maglia del Benfica, nell’ultimo calciomercato estivo, il club argentino ha inserito anche una clausola della rivendita del 25 %. Oltre ai soldi incassati dalla sua cessione, dunque, il River incasserà altri 30 milioni circa.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

L’agente di Kiwior sicuro: “Premier League superiore alla Serie A”

Pubblicato

:

Tante squadre su Jakub Kiwior, ma l’Arsenal nel giro di pochi giorni chiude l’affare e l’ex Spezia approda in Premier League. Sasha Baranov, agente del difensore, è intervenuto a TV Play per raccontare la trattativa tra il club spezzino e i Gunners. Le sue parole:

INTERESSE ITALIANO – “Tante squadre in Italia erano interessate, dal Milan al Napoli passando per la Juventus ma non c’è mai stata occasione di chiudere l’affare con nessuna delle tre.”

PERCHÈ L’ARSENAL – “La Juventus era nella situazione in cui tutti sappiamo, il Napoli dato il campionato che sta facendo non aveva bisogno di cambiare la difesa. Poi diciamocela con tutta onestà, quando ti chiamano le squadre di Premier League… è tutt’un’altra storia.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969