Connect with us
Singapore è Rossa: trionfo Vettel, Leclerc secondo

Flash News

Singapore è Rossa: trionfo Vettel, Leclerc secondo

Pubblicato

:

Dopo la straordinaria doppietta Spa-Monza siglata da Leclerc, per la Ferrari arriva un terzo, straordinario trionfo. Questa volta sul gradino più alto del podio ci finisce il tedesco Vettel che si gode una giornata da eroe: la vittoria gli mancava da più di un anno.

DELUSIONE MERCEDES

Il tempio della velocità, il circuito di Monza, è già un lontano ricordo. A Singapore è soprattutto l’astuzia e la strategia farla da padrona, con il tentativo di undercut da parte di Vettel che va a segno e permette al pilota ferrarista di sorpassare il compagno Leclerc. Il monegasco però non ci sta e fino agli ultimi giri tenta il sorpasso, poi nel finale le gomme iniziano a cedere e il giovane è costretto a mollare il colpo e accontentarsi del secondo posto.

Per Verstappen è solo un mezzo sorriso. Il terzo posto è sicuramente un buon risultato per l’olandese che in questa pista avrebbe però dovuto tentare di agguantare la vittoria, lontanissima in questo duro weekend.

La grande delusione di giornata è sicuramente Hamilton: l’inglese resta in pista troppo tempo dopo l’uscita ai box delle due Ferrari e la scelta non si rivela azzeccata perché il crollo verticale delle gomme soft gli impediscono di guadagnare tempo sulle rosse. A fine gara per lui arriva solo un quarto posto, comunque buono in ottica Mondiale.

Infine nota di merito per Giovinazzi che riesce a rientrare nella top ten e strappa il punto del decimo posto che potrebbe convincere la Ferrari e l’Alfa Romeo a confermagli ancora il posto in F1 il prossimo anno.

(Fonte immagine copertina: profilo Instagram Ferrari)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

“Grande con le grandi, piccola con le piccole”: il bilancio del pazzo gennaio dell’Inter

Pubblicato

:

Inter

La vittoria di misura (ma meritata e convincente) contro l‘Atalanta ha confermato un avvio di 2023 estremamente altalenante per l’Inter. Il gennaio nerazzurro, in perfetta continuità con la tradizione interista, si è dimostrato assolutamente pazzo. A confermare quanto abbiamo appena detto ci sono alcune statistiche, messe in evidenza da Corriere dello Sport. 

GRANDE CON LE GRANDI

Grande con le grandi, piccola con le piccole” è la frase proposta dal quotidiano romano e che riassume perfettamente i primi trentuno giorni del nuovo anno interista. In effetti il bilancio del mese è positivo, soprattutto se si considera il bottino negli scontri diretti, tallone d’Achille dell’inizio di stagione. Prima è arrivato il solido 1-0 contro il Napoli fino a quel momento imbattuto, poi il secco 3-0 in Supercoppa contro il Milan e infine il convincente 1-0 di ieri contro l’Atalanta. Tre ottime prestazioni, che sono valse alla banda di Simone Inzaghi i complimenti, un trofeo e forse tanto autocompiacimento. I risultati contro le big parlano chiaro: l’Inter si esalta nelle difficoltà e – soprattuto – non prende gol, una statistica piuttosto particolare se si considera una difesa che (sin qui) è stata tutt’altro che impeccabile.

PICCOLA CON LE PICCOLE

A fare da contraltare a questi grandi risultati, però, ci sono le difficoltà riscontrate contro le cosiddette “piccole” del campionato e del calcio italiano in generale. L’apoteosi di quanto abbiamo appena detto è la partita di Coppa Italia contro il Parma. Da Campione in carica, l’Inter è rimasta sotto di un gol fino al minuto numero 88 che è coinciso con il pareggio di Lautaro Martinez. I meneghini sono riusciti comunque a passare il turno, ma solo dopo i tempi supplementari e soffrendo contro un club di Serie B.

Ma non è tutto, la prima delusione dell’anno nuovo era arrivata qualche giorno prima del Parma nel derby lombardo contro il Monza. Alla fine di un secondo tempo a tratti inguardabile, l’Inter è stata raggiunta al 93esimo dal colpo di testa di Caldirola che ha incollato il match sul clamoroso 2-2. E ancora, l’unica sconfitta del 2023 (ma la sesta in campionato) è quella contro l’Empoli di Paolo Zanetti. I toscani sono sicuramente una buona squadra, ma la verità è che Caputo e compagni non avevano mai vinto contro nessuna delle prime sei squadre in classifica. A San Siro, invece, i nerazzurri spenti e in dieci dopo l’espulsione di Skriniar, si sono clamorosamente arresi ad un gol di Tommaso Baldanzi.

Riguardandosi indietro, il bilancio di gennaio, ribadiamo, parla chiaro. Cinque gol fatti e zero subiti contro Napoli, Milan e Atalanta; sette reti realizzate, ma quattro subite contro Monza, Parma, Verona e Cremonese. Numeri che fanno riflettere e su cui dovrà lavorare Simone Inzaghi per provare a migliorare la sua Inter.

 

Continua a leggere

Calciomercato

I nomi per la difesa dell’Inter della prossima stagione senza Skriniar

Pubblicato

:

Skriniar

La questione che ha tenuto e terrà ancora banco in casa Inter è inevitabilmente quella legata a Milan Skriniar. Il difensore slovacco rimarrà a Milano fino al termine della stagione, ma è stato fatto di tutto per provare ad anticipare la sua partenza direzione PSG.

Il Corriere dello Sport analizza la situazione proiettandosi già su quali saranno le mosse dell’Inter in estate.

DIFESA INTER, CHI PARTE E CHI RESTA

Gli unici sicuri di rimanere sono Alesssandro Bastoni e Matteo Darmian; De Vrij e D’Ambrosio vedono il loro contratto scadere a giugno, mentre Acerbi farà ritorno alla Lazio a meno di sorprese. Il nome forte su cui puntava la dirigenza in caso di addio del numero 37 era quello di Demiral, dunque molto probabilmente rimarrà sul taccuino degli obiettivi per la prossima stagione.

Andando a pescare all’estero, i nomi su cui starebbe lavorando Marotta sarebbero quelli di Benjamin Pavard e di Tiago Djalò del Lille. Il primo dopo l’arrivo di Cancelo dal City vede ancora meno spazio a sua disposizione, mentre per il secondo era già stato fatto più di un sondaggio nelle scorse settimane.

È ancora presto per parlarne, ma una cosa è certa: la difesa dell’Inter per la prossima stagione avrà un volto quasi totalmente nuovo rispetto a come la conosciamo oggi.

 

Continua a leggere

Calciomercato

Verdi e il mancato ritorno dal Verona alla Salernitana: cosa filtra sul ricorso

Pubblicato

:

Tonali Verdi

Le ultime ore, anzi gli ultimissimi minuti, del calciomercato invernale hanno visto protagoniste Hellas Verona e Salernitana riguardo al possibile ritorno con i granata di Simone Verdi. I due club, secondo la ricostruzione di TMW, non sarebbero riusciti a consegnare i documenti relativi al trasferimento del trequartista a causa di un problema tecnico, cercando di ovviare tramite una PEC inviata alla Lega Serie A per comunicare l’avvenuta firma dei documenti necessari da entrambe le parti.

La deadline, ovvero le 20:00 di ieri, sarebbe dunque stata rispettata, ma la modalità di comunicazione non sarebbe ritenuta valida al fine di convalidare un trasferimento.

IL RICORSO DELLA SALERNITANA C’È , MA LE SPERANZE SONO POCHE

La Salernitana avrebbe subito presentato ricorso, e sebbene nella serata di ieri sia granata che Verona sembravano positive riguardo alla riuscita della trattativa, questa mattina sono decisamente meno le probabilità che Verdi possa tornare in Campania. L’ex Empoli dunque, a meno di clamorose novità che potrebbero arrivare in mattinata, sembra destinato a rimanere in gialloblu fio a fine stagione.

 

Continua a leggere

Flash News

Ferlaino, ex presidente del Napoli: “Aspetto solo la matematica per lo Scudetto”

Pubblicato

:

Napoli

Corrado Ferlaino, presidente nel Napoli vincitore di due Scudetti nel 1987 e nel 1990, è stato intervistato dal Corriere dello Sport visto lo straordinario stato di forma della squadra di Spalletti che viaggia a vele spiegate verso lo Scudetto. Queste le parole di Ferlaino:

EMOZIONI – “Non è cambiato nulla. Il sentimento è identico, si chiama amore. Poi, all’epoca, alla fine del primo tempo me andavo via dallo stadio, mentre ora al 45′ spengo tutto e comincio a girare per casa. Se il Napoli sta vincendo, quando immagino sia finita, riaccendo la tv; e se però le cose stavano andando male, provo a vedere se funziona cambiare il televisore“.

SCARAMANZIA -“Cosa prevedo? Quello che tutti pensano e nessuno dice, per ovvi motivi: ma io ora posso derogare, so che non ci sono avversari, né pericoli. Ragionando freddamente: il Napoli ha vinto il campionato. Si può scrivere, senza tema di smentita. E l’unica risposta che ora aspettiamo è la data in cui arriverà l’aritmetica conquista: secondo me, a sette o a cinque giornate dalla fine, sarà possibile cominciare i festeggiamenti“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969