Connect with us
Sinner trionfa ad Ortisei: è il n° 78 del mondo

Altri Sport

Sinner trionfa ad Ortisei: è il n° 78 del mondo

Pubblicato

:

L’ascesa di Yannik Sinner continua. Dopo la vittoria delle NextGen series un altro trionfo, al Challenger di Ortisei: il classe 2001 ha battuto in finale Sebastian Ofner col punteggio di 6-2, 6-4. Questo successo eleva il tennista di San Candido alla posizione 78 del ranking ATP, diventando così il sesto miglior tennista italiano dietro Berrettini, Fognini, Sonego, Cecchinato e Seppi.

(Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram di Yannik Sinner)

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri Sport

ESCLUSIVA – PADOVAN: “Napoli campione ormai da mesi, lotta serrata in Serie A solo per la Champions”

Pubblicato

:

Napoli

ESLUSIVA PADOVAN – Abbiamo avuto l’onore di poter ascoltare in esclusiva per NumeroDiez il noto giornalista ed opinionista Giancarlo Padovan, con cui abbiamo trattato diverse tematiche. I temi affrontati nel corso dell’intervista vanno dall’extra campo, con la vicenda plusvalenze che vede coinvolta la Juventus, per poi passare al calcio giocato e non solo.

L’INTERVISTA ESCLUSIVA A GIANCARLO PADOVAN

Innanzitutto partiamo dal caso plusvalenze. Lunedì sono state comunicate le motivazioni della Corte d’appello riguardo la penalizzazione inflitta alla Juventus. In base alle motivazioni rilasciate, crede che i bianconeri appellandosi al Collegio di Garanzia possano ricevere la revoca della penalizzazione, o è un ipotesi remota?

“È indipendente. Il Collegio di Garanzia entra nel metodo della sanzione applicata. Quindi si valuta se la sentenza è conferme al regolamento federale o meno. Non so se ci sarà una revoca o meno, però so per certo che la Juventus sta battendo due strade. La prima è il ricorso per la revocazione, la seconda è che la condanna sia stata eseguita in base all’articolo 6, mentre nell’imputazione viene richiamato l’articolo 4. Per come è stata gestita l’accusa da parte della Corte finora, non mi aspetto una revoca. Non mi aspettavo sicuramente il -15, che è una sanzione abnorme. La Juventus comunque è stata accusata di essere l’organizzatrice di un sistema criminoso sportivo in merito all’ambito delle plusvalenze”.

Parlando di campo, il Milan verte in un profondo stato di crisi. Quali sono i fattori di questa crisi e come può uscirne il Milan?

Il fattore principale è aver smarrito il gioco, con cui Pioli aveva fondato il successo nella scorsa stagione, anche grazie ai regali delle dirette concorrenti. Quando Pioli dice post Sassuolo che non importa come si gioca, l’importante è vincere, fa capire come non ne abbia più in questo momento. Al momento il più appannato è proprio Pioli, e lo si capisce anche dall’esclusione di Leao dai titolari contro il Sassuolo. Quando si smarriscono le idee di gioco e si perde il controllo dello spogliatoio, almeno a livello tecnico, come in questo caso, un allenatore come Pioli mostra tutti i suoi limiti“. 

Sicuramente anche i giocatori hanno le loro responsabilità, e ciò si dimostra nel fatto che abbiano smesso di aver fame di successo. La perseveranza e la determinazione che c’era in ogni giocatore è venuta meno in questo momento, mostrando come diversi giocatori siano già sazi dopo il successo della scorsa stagione. Poi il Milan ha dei buoni giocatori, qualcuno forse diventerà campione, ma non c’è alcun fuoriclasse, soprattutto dal punto di vista mentale. Il Milan dovrebbe avere dei “Djokovic”, ovvero dei giocatori che vogliono vincere sempre anche quando stanno male o hanno vinto tanto”.

Con la vittoria di ieri sera, il Napoli ha dimostrato di saper vincere anche quando crea poco rispetto al solito. Crede che ormai i giochi per lo scudetto siano chiusi?

Il Napoli per me già da mesi ha vinto lo scudetto, già a metà del girone d’andata. Non lo davo tra le favorite, soprattutto dopo la campagna estiva modesta. I partenopei hanno un grande allenatore in panchina come Spalletti, che ad oggi è un signor allenatore. L’anno scorso diverse volte si è detto Spalletti out, ma il tecnico è stato bravi a tramutarli in Spalletti in. L’allenatore toscano ha fatto crescere giocatori come Mario Rui, Meret, Lobotka, Lozano e Politano, che sono irriconoscibili rispetto alle loro annate precedenti. È una squadra che merita lo scudetto, e ad oggi c’è da chiedersi solamente con quanti punti di distacco vincerà il campionato e con quante giornate d’anticipo“.

Le due romane dopo diversi anni di alti e bassi sembrano aver trovato più costanza in questa stagione, crede che entrambe possano ambire alla zona Champions?

Credo che possano entrare entrambe, però devono giocare meglio. La Lazio deve fare meglio rispetto a quello mostrato contro la Fiorentina, mentre la Roma deve essere più cinica. Contro il Napoli è bastata una disattenzione difensiva di Smalling su Simeone a vanificare la buona prestazione offerta. Per la lotta Champions ci sarà una battaglia tra Inter, Roma, Lazio e Atalanta, almeno per il momento. L’Atalanta viaggia ad una velocità pazzesca, e potrebbe scavalcare una delle due romane per un posto in Champions. Però anche l’Atalanta probabilmente sarà giudicata in merito al caso plusvalenze, quindi bisognerà vedere se ci sarà un’eventuale penalizzazione che potrebbe risultare determinante. Ad oggi comunque l’Atalanta e le due romane potrebbero fare fuori le due milanesi, il Milan perché è in caduta libera, mentre l’Inter poiché è discontinua ed è dipendente da Lautaro Martinez“.

Infine una domanda sulle ultime tre in classifica, Hellas Verona, Sampdoria e Cremonese. Hanno diversi punti di distacco dalla zona salvezza, e faticano a trovare continuità di risultati, crede che proprio loro tre retrocederanno?

Io all’inizio affermai che per me in questa stagione sarebbero retrocesse Sampdoria e Verona. Sulla terza non mi ero espresso, ma vedevo una Cremonese in difficoltà. Queste squadre fanno pochi punti, e di conseguenza ci sarà una quota salvezza bassissima, ed è per questo che si salverà la Juve (ride, ndr). Il divario con le altre è alto. In qualche occasione c’è anche la prestazione, come nel caso della Cremonese, ma senza poi portare punti e risultati importanti a casa. Dal mercato estivo e anche in questa sessione nessuna è riuscita a rinforzarsi a tal punto da poter raggiungere la salvezza”.

Cambiando tema, prima lei parlava della mentalità di Djokovic. In merito a questo, domenica il serbo ha conquistato il suo 22 titolo Slam; lei si aspettava questa vittoria, soprattutto dopo la vicenda della scorsa stagione successa proprio in Australia? Per quanto riguarda i tennisti italiani, cosa si aspetta da loro nel prossimo futuro?

Mi aspettavo che vincesse Djokovic, perché l’anno scorso era stato privato della partecipazione agli Australian Open che probabilmente avrebbe lanciato il serbo verso il Grande Slam. Mi aspetto che Djokovic vinca ancora tanto. Come numero di vittorie e regolarità è a pari livello di Nadal e Federer. Degli italiani mi piace molto Sinner, ma aldilà di questo, il movimento tennistico italiano mai come in questo momento vanta diversi giocatori di livello assoluto. Siamo arrivati ad un passo dalla Finale di Coppa Davis nell’ultima edizione, e ciò fa ben sperare. È un momento fantastico per il tennis e mi aspetto tutto il meglio. L’auspicio è che un giorno dietro i vari Djokovic e Nadal ci sia un italiano, quantomeno stabilmente nei primi 10 al mondo”.

Continua a leggere

Altri Sport

Djokovic eterno: vince gli Australian Open e ritorna 1 nel ranking ATP

Pubblicato

:

Djokovic

Si è conclusa da poco la Finale degli Australian Open, e dunque l’edizione 2023 dello Slam Australiano. Oggi in campo si sfidavano TsitsipasDjokovic, in una finale attesissima, anche perché accessa dalle dichiarazioni dei due nei giorni scorsi.

LA FINALE DEGLI AUSTRALIAN OPEN: TSITSIPAS-DJOKOVIC

Il match ha mostrato tutta la supremazia di Djokovic, che ha sconfitto Tsitsipas in 3 set in modo abbastanza agevole. Il serbo si è imposto sul greco con il punteggio di 6-3, 7-6, 7-6. Con la vittoria di oggi Djokovic raggiunge Nadal a quota 22 Slam e centra la sua decima vittoria agli Australian Open.

Al termine del match Nole si è lasciato andare in un pianto liberatorio, complice anche la vicenda brutta che l’anno scorso lo ha costretto a non poter partecipare al torneo. Continua dunque la striscia positiva di Djokovic nello Slam in Oceania, dove con la vittoria odierna raggiunge quota dieci vittorie su altrettante finali disputate agli Australian Open. Oltre questo dato, il serbo prolunga a 28 la striscia di vittorie consecutive agli AO, che al momento è la più lunga di sempre.

Nella finale di oggi non c’era in palio solo il titolo dello Slam, ma anche la posizione numero 1 del ranking ATP, che difatti viene conquistata anch’essa da Novak Djokovic.

L’ANALISI DELLA FINALE

Il match ci ha dimostrato ancora quanto sia inarrivabile Djokovic a livello di gioco e mentale, poiché è stato capace di gestire la finale senza alcuna pressione. Nel match il serbo ha perso la battuta solo nel primo game del terzo set, salvo poi recuperarlo nel turno successivo.

Per Tsitsipas è sicuramente una sconfitta cocente, dato che ci si aspettava di più da lui vista la qualità messa in campo nel corso di queste due settimane. Per il greco quindi nessuna rivincita contro il serbo, dopo la Finale dell’edizione 2021 del Roland-Garros persa proprio contro Nole.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI FINO AL ROLAND-GARROS

Adesso il prossimo appuntamento con un torneo dello Slam è fissato al 28 maggio, quando prenderà il via proprio il Roland-Garros a Parigi. Nel mentre si chiuderà la prima parte di stagione su cemento con diversi tornei ATP 250, 500 e 1000, per poi passare alla stagione su terra con altrettanti tornei prima dell’Open di Francia.

 

 

Continua a leggere

Altri Sport

Australian Open: la finale sarà Tsitsipas-Djokovic, i due si contenderanno il titolo e non solo

Pubblicato

:

Australian Open, Djokovic passa il turno

Nella giornata odierna si sono disputate le Semifinali degli Australian Open. I due match in programma hanno visto sfidarsi KhachanovTsitsipas e DjokovicPaul.

MATCH KHACHANOV-TSITSIPAS

Nella prima sfida c’è stato un equilibrio per tutto l’incontro, con Khachanov che nonostante partisse sfavorito si è giocato la partita contro il greco al massimo delle sue possibilità. Ma nonostante ciò, Tsitsipas si è imposto sul russo, guadagnandosi un posto in Finale. Il greco si è aggiudicato l’incontro in quattro set, chiudendo con il parziale finale di 7-6, 6-4, 6-7, 6-3.

Va comunque reso onore a Khachanov, che ha disputato un torneo eccezionale, arrendendosi solo ad uno dei giocatori più in forma del circuito in questo inizio di stagione.

MATCH DJOKOVIC-PAUL

L’altro incontro invece ha visto prevalere in modo agevole Djokovic, come da pronostico. Il serbo ha sconfitto Paul in tre set, con il parziale di 7-5, 6-1, 6-2. Il serbo ha titubato solamente nel primo set, dove si è fatto recuperare i due break di vantaggio che aveva acquisito, ma successivamente ha lasciato solo le briciole al suo avversario.

Con la vittoria odierna Djokovic ha centrato la sua decima finale agli Australian Open, e nello specifico la trentatreesima a livello Slam. Finora non ha mai perso alcuna delle nove finali disputate nello Slam australiano, e vanta anche una striscia di ventisette partite consecutive senza perdere in questo torneo (striscia più lunga di sempre).

Domenica quindi si disputerà la finale dell’edizione 2023 degli Australian Open, dove si sfideranno Tsitsipas e Djokovic. I due vantano già un confronto in una Finale Slam (Roland-Garros 2021) dove Djokovic rimontò il greco da uno svantaggio di due set, imponendosi dunque al quinto set.

Nella Finale di domenica non c’è in palio solo la vittoria del primo Slam stagionale, ma anche il primato del ranking mondiale. Dunque chi vincerà la Finale degli Australian Open guadagnerà anche la posizione numero 1 nel ranking ATP.

Continua a leggere

Altri Sport

Australian Open: nessuna sorpresa nei Quarti, Tsitsipas e Djokovic approdano alle Semifinali

Pubblicato

:

Djokovic

Tra ieri e oggi si sono disputati i Quarti di finale degli Australian Open, che hanno delineato il quadro delle due Semifinali dello Slam. Non c’è stata alcuna sorpresa nei quattro match disputati, vinti in modo abbastanza agevole dai favoriti.

I QUARTI DI FINALE DI IERI

Ieri sono scesi in campo KhachanovKorda e TsitsipasLehecka, dove ci sono state le vittorie del tennista russo e del greco, che ora si affronteranno in Semifinale degli Australian Open. Khachanov ha beneficiato anche del ritiro forzato di Korda, causato da un problema al polso che non ha permesso all0 statunitense di proseguire il match. Il tennista russo si è imposto con un parziale finale di 7-6, 6-3, 3-0.

Per quanto riguarda il match tra Tsitsipas e Lehecka, il greco non ha avuto grandi problemi ad imporsi sul ceco, che comunque ha fatto il massimo possibile. Ma Tsitsipas è in uno stato di forma pazzesco, e l’ha dimostrato annullando anche le otto palle break concesse a Lehecka. Il greco ha chiuso il match con il punteggio di 6-3, 7-6, 6-4.

I QUARTI DI FINALE DI OGGI

Oggi invece si sono disputati i due restanti Quarti di finale, che hanno visto affrontarsi SheltonPaul e RublevDjokovic.

Nel Derby americano ha prevalso Tommy Paul, anche se Shelton ha comunque ben figurato nell’incontro come in tutto il torneo, dimostrando di essere pronto a giocare partite di un certo livello. Nonostante questa sia stata la sua prima partecipazione ad un torneo dello Slam, Shelton non ha sentito alcuna pressione, guadagnandosi comunque un traguardo importante come i Quarti di finale degli Australian Open. Però Paul ha messo in campo tutta la sua esperienza, contro cui Shelton ha pagato dazio. Paul infatti si è imposto con il punteggio di 7-6, 6-3, 5-7, 6-4.

Infine è sceso in campo il più atteso di tutti, ovvero Novak Djokovic, in un match in cui ci si aspetteva di più dal suo avversario Rublev. Per Nole è stata un vera e propria passeggiata, che gli ha permesso di conquistare l’ennesima Semifinale Slam. Il serbo ha inflitto a Rublev il parziale pesante di 6-1, 6-2, 6-4.

Venerdì sono in programma le due Semifinali dell’Australian Open, dove si sfideranno DjokovicPaul e TsitsipasKhachanov per un posto nella Finale dello Slam australiano. Djokovic e Tsitsipas cercheranno di ritornare in una finale Slam, mentre Paul e Khachanov proveranno ad approdare per la prima volta nella loro carriera in una delle Finali più prestigiose della stagione tennistica.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969