Connect with us

Generico

Sogni di Coppa Italia

Pubblicato

:

La “coppa del popolo” che coinvolge i campioni della massima serie e i sognatori delle squadre cadette. Un evento che fa della tradizione e della continuità i suoi marchi di eccellenza. Capace di sopravvivere a due guerre mondiali, dal 1922 ad oggi la Coppa Italia ha subito continui cambiamenti, vivendo un ciclico susseguirsi di alti e bassi.

Competizione dall’esito molto spesso scontato (la Juventus ha vinto 13 edizioni, seguono Roma e Inter rispettivamente con 9 e 7 vittorie), la “Tim Cup” ha anche saputo regalare emozioni uniche ed appassionanti. Nel segno di clamorosi risultati e cammini di squadre capaci di trasformare i sogni in realtà.

Numero Diez racconta in questo articolo alcune delle storie di Coppa Italia più suggestive e romantiche.

PIACENZA-MILAN 1993 (1-0)

L’edizione della Coppa Italia 1993-1994 potrebbe essere riassunta con l’espressione “serie cadetta al potere“. La riscossa di provinciali in cerca di gloria. Dal Venezia che sconfisse ai quarti di finale la Fiorentina al sorprendente Ancona, che passò il secondo turno ai danni del Napoli e approdò in finale (perdendo poi contro la Sampdoria).

Ma un match in particolare merita attenzione. Il Milan di Capello e di Campioni del calibro di Maldini, Boban e Costacurta affronta agli ottavi di finale il Piacenza di Mister Cagni. Il risultato sembra già scritto. Del resto i rossoneri quell’anno vinsero la Serie A e la Champions League sconfiggendo il Barcellona per 4 a 0 in quel di Atene. Ma la Coppa Italia ebbe un finale ben diverso per il Diavolo.

La partita d’andata si conclude con un sorprendente pareggio a San Siro: solo 1 a 1 fra le due formazioni. Il match di ritorno ha invece il sapore di quelle grandi sfide che si ricorderanno a lungo. E così fu, sia per i milanisti che per i piacentini. La squadra di casa affronta con coraggio e a viso aperto l’incontro, nonostante i campioni che si trovano di fronte, idolatrati da milioni di tifosi che sognano ad ognuna delle loro giocate.

Il Calcio è bello ed emozionante perchè sa sorprendere, colpire ed far gioire, in un infinito susseguirsi di colpi di scena che hanno dell’incredibile. Al 90‘ il bomber piacentino Giampietro Piovani porta in vantaggio i padroni di casa. Il Leonardo Garilli esplode, i Campioni d’Italia sono sconfitti, quegli alieni intoccabili vengono battuti da chi ci ha creduto di più. Al turno successivo il Piacenza uscirà contro il Torino in un carambolante 4 a 3 per i piemontesi, ma il miracolo è già stato compiuto. Con gli appassionati di calcio che ringraziano per le emozioni offerte.

 

ROMA-SPEZIA 2016 (2-4 AI CALCI DI RIGORE)

Fra le diverse sorprese dell’edizione 2015-2016 due spiccano fra tutte. L’incredibile cammino dell’Alessandria, sconfitta in semifinale dal Milan, nel segno di un’eroica marcia verso lo Stadio Olimpico, e un match in particolare andato in scena proprio nello stadio della capitale. Roma-Spezia, ottavo di finale di Coppa Italia di qualche anno fa. Senza dubbio il punto più basso dell’era Garcia. Match tanto sottovalutato dai giallorossi quanto sofferto e combattuto dagli ospiti, i cui sforzi sono stati premiati.

Uno 0 a 0 durato ben 120 minuti nel segno della paura di alcuni e del sacrificio di calciatori dati alla vigilia per spacciati. Ma attenzione: la qualificazione dello Spezia è più che legittima e figlia di un atteggiamento tattico, quello di Di Carlo, prudente al punto giusto, senza dimenticare le puntate offensive.

Un nome su tutti. Gennaro Acampora, classe 1994, nato a Napoli: è lui che fa la storia. Alla lotteria dei rigori segna il gol decisivo e regala al suo pubblico i quarti di finale. L’inserimento dei titolari (Florenzi, De Rossi e Digne) non è servito a cambiare l’esito di un incontro nefasto per i giallorossi. Gli errori di Pjanic e Dzeko al dischetto entrano negli incubi dei romanisti, che vedono la propria squadra uscire clamorosamente agli ottavi di finale. Un qualcosa che non accadeva dal 2001.

Finisce 2 a 4 ai calci di rigore. Una lotteria tanto crudele agli uni quanto benevola agli altri, dove il Caso e la Fortuna divengono padroni della scena nel rettangolo di gioco. Ma il Calcio è figlio di una sola legge: quella del pallone, dall’esito incerto in ogni incontro, dal risultato prestabilito inesistente. Dopotutto è questo a renderlo speciale.

ANCONA-NAPOLI 1993 (3-2)

Torniamo all’edizione 1993-1994, una delle più incredibili della storia della Coppa. Il secondo turno di ottobre offre la sfida fra Napoli e Ancona. La squadra di Lippi è una formazione esperta e preparata ed è alla ricerca di emozioni vere in Coppa Italia. Ma l’Ancona di Vincenzo Guerini non è da meno e si prepara a vivere la stagione migliore della sua storia. Agostini contro Di Canio, Capitan Ferrara contro Bruniera, non c’è storia almeno sulla carta. Ma la carta a volte sembra esistere proprio per essere smentita e stracciata a pezzi, lasciando il posto alla sorpresa e all’emozione, che in questi casi prende il sopravvento.

Nell’incontro di andata conclusa senza reti la squadra di Guerini dimostra un’organizzazione di gioco sorprendente. I giocatori sono in perfetta sintonia col gioco del mister, attento nel rispetto della forza dell’avversario ma all’occorrenza capace di sorprendere e colpire. La squadra di Lippi si trova a che fare con un’avversario ostico, questo è certo. Lo 0 a 0 dà fiducia alla formazione cadetta in vista dell’altra gara.

Il ritorno vede il miracolo dei marchigiani cominciare a prendere forma, verso un sogno chiamato Finale impensabile per questa squadra, ma che diverrà realtà. Il ritorno è l’antitesi dell’andata: il Napoli in luna storta, l’Ancona in stato di grazia ma che rischia sul finale, in una pioggia di gol. E pensare che l’incontro si era messo sul risultato di 3 a 0 per i marchigiani, che sul finale rischiano il tracollo. Gadda e la doppietta di Agostini regalano il sogno ai ragazzi di Guerini, Caruso e l’autogol di Mazzarano sul finale rischiano di infrangerlo.

Ma il miracolo è servito. Passa l’Ancona, che verrà fermato nella sua cavalcata trionfale solo dalla Sampdoria, vincitrice per la quarta volta nella sua storia.

NAPOLI-SPAL 1962 (2-1)

L’edizione della Coppa Italia del 1961-1962 fu la quindicesima. Ciò che sorprende in questa annata è il cammino delle finaliste.

Il Napoli, al tempo nella divisione cadetta, è protagonista di un percorso straordinario: negli ottavi prima e nei quarti di finale poi, sbanca i campi rispettivamente di Torino e Roma, giungendo in finale. L’altra finalista, la SPAL, questa volta veste i panni della “big” militando in Serie A. La “provinciale” ferrarese giunge a sua volta inaspettatamente all’atto conclusivo, dopo aver eliminato in semifinale la ben più blasonata Juventus, sorprendendo e incantando tutti.

Il Napoli di Pesaola contro la SPAL di Montanari. Lo Stadio Olimpico è il teatro della prima finale in assoluto della competizione fra le due formazioni. La partita se la aggiudica il Napoli grazie ai gol di Corelli e Ronzon, inutile di fatto la rete di Micheli per la SPAL. Una vittoria che si trova ancora oggi negli almanacchi dei tifosi più romantici e tradizionalisti. Il Napoli infatti compì un’impresa storica vincendo la Coppa senza militare in Serie A. Lei e il Vado sono le uniche squadre a essere riuscite in questo traguardo che ha dell’incredibile. I partenopei lo stesso anno raggiunsero la promozione nella massima divisione, nel segno di un’annata eccezionale e indimenticabile.

VADO-UDINESE 1922 (1-0)

La più sconosciuta delle squadre vincitrici della Coppa Italia. La prima, vera vincitrice della competizione. Il Vado è il primo club ad aver vinto la coppa nazionale, trionfando contro un Udinese sulla carta lanciato verso la vittoria.

Il Vado finalista nel 1922.

Un miracolo calcistico a tutti gli effetti, quello della squadra rossoblù. Vado Ligure è diventata ormai la periferia industriale di Savona nonostante abbia caratterizzazioni storiche e etniche tutte sue, ma può vantare un traguardo raggiunto da un elitè scelta di squadre. Di certo questa fu la vittoria più sorprendente. Primo nel girone G della Promozione Ligure e nel girone finale, è promosso in Prima Categoria per la stagione successiva. E la raggiungerà portando con sè il trofeo col tricolore strappato ai friulani.

E’ il 16 luglio 1922 in piena epoca fascista. Al “Campo di Leo“, stadio ufficiale del Vado, va in scena una finale dall’esito scontato in teoria. L’Udinese è la grande favorita per la vittoria. Sotto sotto tutti speravano che i friulani, compagine della massima serie, strappasse il trofeo come da pronostico salvando il prestigio della nascente competizione. Ma non fu così. Dopo 90 minuti la partita è ancora sullo 0 a 0.

Succede tutto nei supplementari. I friulani sperano di poter concludere con un pareggio l’incontro, in modo da poter rigiocare la finale a Udine (al tempo non c’era la lotteria dei rigori).Ma al minuto 127 l’allora giovane Levratto fa partire un tiro che si infila in rete. Riporta la cronaca del tempo “la palla carica d’effetto saetta lungo lo specchio della porta, si infila alta nell’angolo sinistro, squarcia vistosamente la rete”.

 

L’Udinese finalista nell’edizione della Coppa Italia del 1922.

Fu addirittura scritto un libro sull’impresa dei liguri. “Il grande Vado” (Daner edizioni), scritto da Claudio Caviglia e Nanni De Marco con una prefazione di Gianni Minà, ricostruisce tutti i dettagli di quel torneo che portò i rosso-blu savonesi a comparire tra Juve e Inter, Samp e Roma nell’albo d’oro della Coppa Italia.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Genoa-Cittadella, le probabili formazioni: rischio turnover per Coda

Pubblicato

:

Genoa

Dopo una settimana decisamente movimentata in casa Genoa, il focus è ora tutto sulla sfida di domenica 4 dicembre contro il Cittadella. I rossoblù tornano al Ferraris, che si preannuncia gremito come al solito. La Gradinata Nord, per i primi 15 minuti, protesterà rimanendo in silenzio.

La protesta è rivolta non alla squadra, come la situazione di crisi potrebbe far pensare, bensì contro la giustizia sportiva che ha comminato severe sanzioni ad alcuni tifosi genoani rei di aver violato delle norme esultando in occasione del gol dell’1-2 di Yeboah in Venezia-Genoa. Garantito il massimo sostegno a giocatori e staff dunque, nonostante gli striscioni comparsi in settimana a Marassi e al Pio.

Dal canto suo, il gruppo ha soprattutto pensato a ricompattarsi in questi giorni di preparazione, come testimoniano le dichiarazioni di Bani e Strootman a margine della festa di Natale del settore giovanile. I due hanno dato ragione a Blessin riguardo alle pesanti critiche mosse dal tecnico per l’atteggiamento della squadra e si sono detti concentrati a migliorare il rendimento.

Bisognerà farlo in fretta, poichè dopo la sfida al Cittadella a Genova l’8 dicembre arriverà il Sudtirol. Il weekend seguente, poi, ci sarà la trasferta di Ascoli. Intanto, però, ecco le probabili scelte dei due allenatori per Genoa-Cittadella.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI GENOA-CITTADELLA

In ragione del tour de force in arrivo, Blessin pensa a un turno di riposo per Massimo Coda: al suo posto potrebbe giocare Puscas. Il rumeno non ha brillato nella trasferta di Perugia, ma la prima occasione da titolare in casa potrebbe galvanizzarlo. A centrocampo ancora indisponibile Badelj, mentre il ristabilito Sturaro si candida a una maglia dal primo minuto. Dopo l’esito negativo dell’esperimento in Umbria, si dovrebbe tornare al 4-2-3-1.

Nel Cittadella di Gorini sono tre le assenze pesanti: a Felicioli e Baldini si è aggiunto anche Beretta, che non partirà per un problema al polpaccio. Antonucci agirà alle spalle dei due attaccanti, centrocampo a 3 con Carriero, Pavan e Branca.

Genoa (4-2-3-1): Semper; Hefti, Bani, Dragusin, Sabelli; Strootman, Sturaro; Gudmundsson, Aramu, Jagiello; Puscas. All.: Blessin

Cittadella (4-3-1-2) Kastrati; Vita, Perticone, Frare, Cassandro; Carriero, Pavan, Branca; Antonucci; Tounkara,Varela. All.: Gorini

Continua a leggere

Flash News

Verso Turris-Avellino: Rastelli recupera Aya

Pubblicato

:

Turris Avellino

In casa Avellino, continua la preparazione verso il match contro la Turris in programma domenica alle 17:30. Gli irpini, dopo il pareggio casalingo contro la Juve Stabia, sono obbligati a vincere per sperare ancora nei playoff.

Il tecnico Massimo Rastelli però, dovrà ancora far fronte alla situazione infortunati. Aya ha recuperato definitivamente ed è tornato ad allenarsi in gruppo ma è l’unica nota positiva. Dall’Oglio e Di Gaudio infatti, stanno ancora smaltendo i fastidi lavorando a parte. Così come Ricciardi e Micovschi, che stanno continuando il programma di recupero prima del reintegro.

L’Avellino ha disperato bisogno di trovare punti lontano dal Partenio Lombardi. Il rendimento esterno, sino ad ora, è stato disastroso. Soltanto 4 punti conquistati in 8 uscite, frutto del pareggio contro il Foggia e della vittoria di Francavilla, alla prima in panchina di Rastelli.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram Us Avellino

Continua a leggere

ESCLUSIVE

ESCLUSIVA – Luca Toselli sulla Juve: “Giusto confermare Allegri”

Pubblicato

:

Juventus

La Juventus sta attraversando uno dei periodi di maggior difficoltà della sua storia. Risultati che faticano ad arrivare e dimissioni improvvise di tutto il C.D.A., situazioni che non fanno passare nottate tranquille ai tifosi bianconeri. In esclusiva per Numero Diez la voce di Luca Toselli, influencer grande esperto e tifoso della Vecchia Signora seguito da centinaia di migliaia di persone sui propri account social. Di seguito l’intervista.

L’ERA ANDREA AGNELLI

Nove Scudetti, cinque Supercoppe Italiane e cinque Coppe Italia, questi i successi della Juventus nei dodici anni di gestione Andrea Agnelli. Quali parole ti senti di rivolgere nei confronti dell’operato dell’ormai ex presidente?

“Un ringraziamento per gli anni che ci sono stati di vittorie e successi nonostante gli ultimi non siano andati bene. Probabilmente la presidenza di Andrea Agnelli era ormai giunta al termine. Il fatto che si sia arrivati alla divisione per altre cause è un dispiacere ma probabilmente ci stava dopo dodici anni un cambio in cima alla piramide della Juventus”.

LE PREOCCUPAZIONI DEL MOMENTO

Da tifoso che sente la maglia bianconera come una seconda pelle, quali sensazioni stai provando in questo periodo così delicato?

“Confusione e sorpresa. Non mi spaventa il fatto di avere un presidente, bensì la dinamica e le tempistiche nel quale è avvenuto questo cambiamento. Vista dalla nostra prospettiva viviamo questo avvenimento in modo confusionario e, come un qualcosa in continua evoluzione”.

LE POSSIBILI NUOVE FIGURE DIRIGENZIALI

Prima Del Piero poi Trezeguet: due leggende del club che si sono proposte di tornare per aiutare la loro vecchia squadra. Pensi che potrebbero contribuire alla rinascita del club?

“Vedo molto più adatto Del Piero a livello dirigenziale, Trezeguet penso sia maggiormente un uomo da campo. È ovvio che due figure del genere che nel momento più buio della storia bianconera hanno deciso di scendere all’inferno con la Vecchia Signora è un qualcosa che non può fare altro che piacere”.

IL RUOLO DI MASSIMILIANO ALLEGRI

L’unico mai messo in discussione in questi giorni così intensi è stato Massimiliano Allegri. Si è parlato di possibili dimissioni non accettate, condividi la scelta di tenere il tecnico o avresti optato per un altro profilo?

“Riguardo Allegri penso sia un discorso in continua evoluzione. In caso di dimissioni di Agnelli per un nuovo progetto tecnico avrei capito un immediato cambio in panchina ma, in questa situazione di confusione, cambiare anche l’allenatore sarebbe stato un problema per i giocatori. Allegri dovrà tenere il ruolo di collante in questo momento così delicato”.

LA POSSIBILE REAZIONE IN CAMPO DELLA SQUADRA

In conclusione, come credi possa reagire la squadra sul lato sportivo al rientro dalla sosta? Riusciranno i ragazzi a gestire il peso di giocare in queste condizioni?

“Questa è la mia più grande paura. Sicuramente il momento non è felice e, qualcuno, potrebbe avere delle preoccupazioni a livello di campo. Sappiamo tutti benissimo che all’interno del rettangolo verde di gioco la testa conta tanto e, tutta questa situazione extra-campo, potrebbe provocare dei malumori”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Barcellona, interesse per Onana: le ultime

Pubblicato

:

Onana

Il Barcellona, nonostante i problemi riguardo alla liquidità, agirà sul mercato di gennaio: sono infatti tanti i nomi di Inter e Milan e che piacciono al club blaugrana.

BARCELLONA-MILANO: ASSE CALDO

Al Barcellona piacciono tanti nomi dell’Inter: si comincia da Lautaro e Skriniar concludendo con Brozovic. Ma non si ferma qui, infatti passando all’altra parte di Milano piacciono molto sia Rafael Leao, che Bennacer.

Secondo Tuttosport, però, l’obiettivo principale del Barcellona per gennaio è un portiere che faccia da vice a Ter Stegen: tutti gli indizi portano ad Onana. L’ex Ajax è un obiettivo concreto dei blaugrana, che stanno preparando un piano per sferrare l’attacco finale a gennaio.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969