Connect with us
Sottili si presenta alla Torres: “L’obiettivo è la salvezza”

Calcio e dintorni

Sottili si presenta alla Torres: “L’obiettivo è la salvezza”

Pubblicato

:

Giuliano, il ds Amodio si esprime su stadio e mercato

SOTTILI TORRES OBIETTIVO – Alla luce degli ultimi risultati in casa rossoblù, la società sassarese ha deciso di sollevare Alfonso Greco dall’incarico di allenatore della prima squadra. Al suo posto Stefano Sottili, che ha parlato presso la sala stampa del Vanni Sanna, svariando su tanti temi: dagli obiettivi di squadra, accennando anche al mercato e chiudendo sul suo modo di giocare. Queste le parole, riportate da Centotrentuno:

LE PRIME SENSAZIONI

Non posso fare altro che ringraziare la società per la grande possibilità che mi ha dato. Al di là delle ambizioni bisogna essere realistici, ora il nostro obiettivo è quello di raggiungere la salvezza il prima possibile, poi potremo pensare al resto. Siamo consapevoli della posizione in classifica in cui ci troviamo, ma lo siamo anche sul tipo di prestazioni che ha fatto la squadra. Ora dobbiamo concentrarci per dare il massimo”.

SU SOTTILI ALLENATORE

Io sono un allenatore molto esigente, mi piacciono i progetti continuativi e mi piace andare alla ricerca del miglioramento. Non sempre in passato ho trovato società con la mia stessa mentalità. È stato facile scegliere di venire qua a Sassari. Dopo aver parlato con il direttore sportivo, la proprietà e il presidente è stato semplice buttarsi all’interno di questo percorso. Ho trovato persone con motivazioni importanti che vogliono veramente portare alla città tante cose positive”.

LE PRESSIONI DELLA SOCIETÀ

La pressione è il pane del nostro lavoro, dobbiamo crearcela da soli e non cercarla dall’ambiente esterno. Dobbiamo creare in noi quello che poi dovremo tirare fuori quando scendiamo in campo. Noi vogliamo essere in grado di farci applaudire dai nostri tifosi, questo dipenderà solo da noi, da come ci comportiamo in campo, dall’atteggiamento con il quale affrontiamo le partite. La mia squadra deve essere viva, non deve mai mollare e deve aver voglia di meritarsi gli applausi dei tifosi”.

SUI METODI DI ALLENAMENTO E SULL’INTENSITÀ

Io sono fatto così, lo facevo da calciatore e ancora di più lo faccio ora da allenatore, è nella mia indole. Credo di dover dare molto in allenamento per intervenire il meno possibile in partita. Tra il calore dei tifosi e la lontananza dei giocatori non è mai semplice farsi sentire durante le partite, quindi in allenamento cerco di essere il più presente possibile. Devo renderli consapevoli di quello che serve in partita, devo creare un modo di pensare collettivo. Intensità? Io alla mia squadra ne chiedo tanta.

Dovremo lavorare sia sull’aspetto mentale che su quello tattico. L’intensità non si trova solamente la domenica, se questo caratteristica non la alleni in settimana, quando scendi in campo non riesci a ottenerla. Ho trovato una squadra disponibile con tanta voglia di fare. Ho visto sicuramente un gruppo sano, di bravi ragazzi, a volte anche troppo”.

SUL MERCATO

Io ovviamente con presidente e direttore sportivo parlerò di mercato e faremo le considerazioni del caso. Ora mi devo focalizzare sulla squadra che ho a disposizione. Sul mercato avremo modo di pensarci più avanti, la dirigenza è consapevole di quello che serve a questa squadra, ora il mio pensiero è rivolto solamente alla prossima partita, saremo senza Antonelli e Salvato contro una diretta avversaria per la salvezza”.

SULLA SQUADRA E SUGLI OBIETTIVI

Penso che le ingenuità commesse dalla squadra nelle varie partite dipenda da troppi fattori. C’è bisogno che durante la partita qualcuno si prenda delle responsabilità sia in maniera silenziosa, come andare nella posizione giusta per ricevere palla, e altre verbali, come chi si occupa di incitare i compagni e guidarli durante la gara.

Al momento la squadra è salva però i playout non sono distanti, se c’è stato un cambio tecnico vuol dire che società e la proprietà non erano contenta dei risultati che sono arrivati in questo inizio di stagione. Molto probabilmente la dirigenza ha iniziato ad avere paura delle squadre che da dietro si stanno avvicinando. Se dovessimo riuscire a ottenere la salvezza con 2-3 giornate di anticipo allora ci potremo concentrare sugli obiettivi più importanti, ora non possiamo permettercelo. Credo che, al momento, sia sbagliato e illusorio nei confronti della piazza pensare ad altro di diverso dalla salvezza. Ora bisogna essere realisti”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio e dintorni

Dybala sul caso degli stipendi della Juventus: “L’accordo era diverso dal comunicato stampa”

Pubblicato

:

Dybala

Proseguono le vicende circa il caso stipendi della Juventus. Questa volta, il protagonista è Paulo Dybala che ha rilasciato la propria deposizione al pubblico ministero, in secondo luogo raccolta da Sportitalia:

DECISIONE – “Ci era stato proposto di non percepire lo stipendio di 4 mesi, non ricordo quali. Noi non eravamo d’accordo perché non volevamo rinunciare a così tanti mesi. In seguito, abbiamo trovato un’intesa che stabiliva che di quei quattro mesi ne avremmo percepiti tre nella stagione successiva ed uno lo lasciavamo come solidarietà. Quando ci hanno chiesto di rinunciare a quattro mesi, siamo rimasti stupiti e molti di noi hanno detto no. Tre ce li pagavano con certezza, senza condizioni l’anno successiva ed uno lo lasciavamo in solidarietà. Questo è l’accordo finale”.

COMUNICATO STAMPA – “Ricordo che prendemmo la decisione di decidere insieme, cioè di accettare o meno la proposta ma di farlo tutti insieme. Non ricordo di averne parlato personalmente con Paratici e Nedved. Io rammento solamente un comunicato stampa, dal quale tanta gente pensava che avessimo rinunciato a quattro mesi. Nessuno sapeva in quel momento che noi avremmo preso tre mesi ma pagati più avanti. L’accordo che avevamo raggiunto era totalmente diverso da quanto si leggeva da tale comunicato. Infatti, c’è scritto che rinunciamo a quattro mesi ma non c’è scritto che avevamo già l’accordo sulle tre mensilità, che erano certe”.

Continua a leggere

Business

Svelato il motivo dietro la rottura tra Jorge Mendes e Cristiano Ronaldo: la ricostruzione

Pubblicato

:

Cristiano Ronaldo

La seguente ricostruzione ha del clamoroso. Infatti, stando a quanto riportato da El Mundo, sarebbe giunta al capolinea la relazione tra Cristiano Ronaldo e il suo, ormai apparentemente, ex-agente Jorge Mendes.

Nonostante la notizia fosse nell’aria già da un po’, la situazione creatasi negli ultimi mesi avrebbe notevolmente ingigantito la crepa che intercorreva tra i due.

CR7 e il procuratore avevano affrontato anche in passato delle turbolenze, ma quello che è successo recentemente sembra non avere un punto di ritorno. Secondo la ricostruzione, il pomo della discordia sarebbero state le pretese estreme del calciatore dell’Al-Nassr che avrebbe dichiarato, quasi come un ultimatum, le seguenti fatidiche parole: “Mi devi portare al Bayern Monaco o al Chelsea, altrimenti rompiamo”.

Il numero uno dei procuratori, però, consapevole della richiesta complessa, avrebbe ribadito: “Cristiano, tu sei pazzo”. Sembra così essere giunta al capolinea una delle collaborazioni calciatore-agente più importante e potente della storia del calcio.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

La Sampdoria risponde alle accuse: comunicato nei confronti di Garrone

Pubblicato

:

Pronostico Sampdoria-Napoli

La situazione societaria continua a tenere banco in casa Sampdoria, che ha rilasciato un lungo comunicato stampa di risposta nei confronti di Edoardo Garrone. Presidente dei blucerchiati nel 2013 e nel 2014, l’imprenditore genoano aveva espresso di recente il suo senso di preoccupazione disappunto verso il Cda provvisorio della Doria, la cui risposta non si è fatta attendere. Nel comunicato ufficiale, il club ha spiegato le motivazioni del rifiuto verso la proposta di acquisizione del club da parte dello stesso Garrone, dichiarando: “il bene della Sampdoria viene prima di ogni cosa”. Sono stati evidenziati anche i pericoli della trattativa, che avrebbe messo a serio rischio il club. Nessuna novità, dunque, per il futuro della Samp, che resta ancora incerta dal punto di vista societario, nell’attesa di nuovi sviluppi, come si evince dal testo integrale, che proponiamo di seguito:

Il presidente Marco Lanna e i membri del Consiglio di Amministrazione di U.C. Sampdoria S.p.A. hanno letto con la doverosa attenzione la nota stampa pubblicata dal dott. Edoardo Garrone nella giornata di ieri. Pur convinti che i sempre più frequenti comunicati dei vari soggetti interessati all’acquisto della società debbano lasciare spazio ad interventi propositivi e concreti, non possiamo rimanere in silenzio perché direttamente e ingiustamente rimproverati di aver condannato al fallimento la proposta di Merlyn Partner. Posto che il bene della Sampdoria viene prima di qualsiasi cosa, accogliamo positivamente la disponibilità del dott. Edoardo Garrone (il quale mai ha smesso di seguire le vicende societarie del club) a far parte di progetti seri, sostenibili e ideati solo per il bene della Sampdoria, nell’ambito di un’iniziativa di primari investitori che sia compatibile con l’attuale scenario. In relazione alla proposta avanzata da Merlyn Partner, ci permettiamo di segnalare come l’unica richiesta di competenza del CdA era quella di azzerare il capitale sociale di U.C. Sampdoria, per poi consentire a Merlyn di procedere alla ricostituzione del capitale stesso sul presupposto (mai verificato) che le banche creditrici della società accettassero di ristrutturare il loro credito nei termini proposti da Merlyn Partner e che l’azionista di maggioranza deliberasse in sede assembleare la successiva ricostituzione dello stesso. Come rappresentato nella nostra Relazione agli Azionisti (inviata anche a Metis Sporting Sarl, società controllata da Merlyn Partner, in vista dell’Assemblea del 5 gennaio scorso), non si è acceduto a tale richiesta in quanto non sussistevano i presupposti richiesti dalla legge per l’azzeramento del capitale sociale, circostanza confermata da primari consulenti legali che assistono la società. Oltretutto, se il CdA avesse dato seguito alla richiesta del fondo Merlyn, in difetto di un previo accordo con l’azionista e con le banche in merito alle condizioni proposte dal fondo, il Consiglio avrebbe messo a serio rischio il club. Ricordiamo a tal riguardo come l’approvazione delle operazioni sul capitale sia di responsabilità e competenza esclusiva degli azionisti e non degli amministratori (che possono solo proporle). Siamo altresì certi che la preoccupazione del CdA e quella del dott. Edoardo Garrone abbiano identica matrice e contenuto. Tuttavia, se soli dobbiamo continuare ad operare, chiediamo almeno di non ricevere accuse completamente destituite di fondamento, ribadendo che i confronti e gli approfondimenti sulla situazione del club non devono trovare nei comunicati il luogo a ciò deputato, specie quando vi è un primario advisor, Banca Lazard, nominato dal trustee, che ha proprio il compito di agevolare il passaggio di proprietà del club e con il quale siamo certi si possano valutare le opportunità di supporto ai dialoghi ancora oggi presenti con possibili investitori di primario livello“.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Andrea Stramaccioni torna in tv: commenterà la Serie A su DAZN

Pubblicato

:

Stramaccioni

Dopo il grande successo riscosso durante il Mondiale di Qatar con le sue appassionate telecronache ad accompagnare le gesta di Iran e Marocco, Andrea Stramaccioni affronterà una nuova avventura da commentatore tecnico.

Già, perchè secondo quanto riportato da Calcio e Finanza, l’ex allenatore di Inter, Udinese e Al Gharafa entrerà a far parte della squadra di DAZN come seconda voce per le telecronache delle partite di Serie A ed Europa League. L’annuncio ufficiale arriverà probabilmente questa sera durante il post partita di Inter-Empoli.

Il tecnico romano inizierà la sua nuova attività da febbraio, terminando dunque il suo girovagare sulle panchine di squadre orientali, come da lui stesso anticipato negli scorsi mesi.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969