Connect with us

Generico

Poli opposti

Pubblicato

:

Oggi è arrivato il momento della verità, quello dove si potrà capire chi andrà a completare la lista dei partecipanti al mondiale. Gli spareggi iniziano oggi, ed una delle due sfide è Irlanda del Nord-Svizzera. Due stili di gioco e due motivazioni tutt’altro che simili. I britannici mancano al mondiale da ben 32 anni e proveranno a raggiungere il sogno scavalcando la Svizzera. Gli elvetici dal canto proprio hanno quasi toccato con mano il mondiale per poi essere beffati. La partita di oggi si disputerà nell’inferno del Windsor Park di Belfast, il ritorno invece sarà Domenica al St Jacob-Park di Basilea.

SPENSIERATEZZA E SOLIDITÀ

Dopo l’ottima prova all’Europeo francese, l’Irlanda del Nord è pronta a tornare a disputare un mondiale dopo ben 32 anni di astinenza. L’ultima volta fu in Messico, dove capitò nello sfortunatissimo girone con Spagna, Brasile e Algeria. L’unico punto conquistato fu ovviamente il pareggio contro gli africani, mentre con Spagna e Brasile, invece, avvenna una debacle piuttosto dichiarata ed incontrovertibile. Tornando all’attualità, lo spareggio è già un traguardo per i nordirlandesi che certamente non ambivano al primo posto del girone a causa di una Germania schiacciasassi. La spensieratezza fa da padrona nella mente degli irlandesi. Contro la Svizzera non vi è nulla da perdere, ma solo molto da guadagnare. A loro modo il sorteggio è stato estremamente favorevole, poiché hanno evitato Svezia, Italia ed un sanguinosissimo derby con l’Eire.

A CARTE SCOPERTE

Michael O’Neil ha già scoperto le sue carte in conferenza stampa. Secondo il ct nordirlandese bisognerà evitare di subire gol in casa per sperare di passare lo spareggio. Questa tattica è molto congeniale alla fisionomia della squadra. L’Irlanda del Nord ha sempre messo in campo il fisico a discapito del gioco, per antonomasia è una selezione rocciosa e ostica soprattutto negli scontri diretti. La squadra giocherà con un baricentro basso che porterà il centrocampo a stringersi verso la difesa, così da non lasciare molti spazi agli avversari. Il dubbio nella mente di O’Neil è lo schieramento difensivo, non è certo che giocherà con una difesa a quattro, infatti si sta ragionando sulla possibilità di aggiungere un altro nella linea difensiva.

Da qui ovviamente si diramerà poi tutta la disposizione della squadra, le certezze ovviamente sono: McGovern in porta, supportato dalla coppia difensiva McAuley-Evans, la stella a centrocampo sarà Davis con il terminale offensivo rappresentato da Washington. Lafferty sarà il jolly a partita in corso per provarla a sbloccare. Occhio chiaramente ai calci piazzati, dove l’Irlanda del Nord è estremamente pericolosa e organizzata.

MAGGIOR QUALITÀ ED ESPERIENZA

La Svizzera è chiaramente la favorita per il pass mondiale. La squadra del ct Petkovic ha disputato un girone di qualificazione pressoché perfetto. Il tutto è stato macchiato all’ultimo dal Portogallo che ha scippato il primo posto grazie alla differenza reti. Gli elvetici dovranno sorpassare la delusione di un mondiale quasi conquistato per provar a mettere in riga i britannici e volare in Russia. Petkovic lo abbiamo conosciuto piuttosto bene nel nostro campionato e con il giusto mix di qualità e fisicità, le sue squadre possono far paura a tutti. L’aspetto mentale, però, non sarà da sottovalutare. La paura di non giungere al mondiale può giocare dei brutti scherzi. La Svizzera si gioca tutto avendo i favori del pronostico. Nella bolgia che però sarà il Windsor Park potrà accadere di tutto. L’esperienza di molti elvetici dovrà padroneggiare nel campo per evitare di farsi prendere alla sprovvista.

Nel frattempo la formazione è quasi nota a tutti: Sommer tra i pali, difesa a quattro con Lichtsteiner e Rodriguez terzini. Al centro ci saranno Schar e probabilmente Akanji a sostituire Djourou. Sulla mediana Xhaka e Freuler/Behrami, sulla trequarti invece ci saranno Mehmedi, Dzemaili e la stella Shaqiri a supporto del bomber Seferovic. Questo modulo ed il tasso tecnico a disposizione suggeriscono un gioco piuttosto offensivo e di alta qualità ,dove la mediana dovrà fare legna per consentire alla trequarti di creare gioco. Va fatta attenzione, perciò, ad ogni giocatore dalla cintola in su. Ci sarà da osservare anche quel Ricardo Rodriguez che tornerà a fare il terzino nella difesa a quattro. Anche lui ha una licenza di uccidere non di poco conto con quel sinistro.

BEHRAMI AFFAIRE

Al fianco di Xhaka, come già scritto, ci sarà un ballottaggio in salsa “italiana”. Il favorito è Behrami ma ci sono dei fattori legali, oltre a quello fisico che possono impedirgli di giocare. Il centrocampista dell’Udinese ha subito una lesione al bicipite femorale della gamba sinistra contro l’Atalanta. Attualmente dovrebbe trovarsi ancora in fase di riabilitazione. La nazionale elvetica, tuttavia, lo ha convocato lo stesso seppur in ritardo rispetto ai regolamenti FIFA e dunque l’Udinese ha contestato il tutto con questo comunicato:

“Udinese Calcio comunica di aver inviato all’Associazione Svizzera di Football formale comunicazione riguardo la convocazione del calciatore Valon Behrami per le partite di Play Off della Nazionale Svizzera in programma per il 9 e il 12 novembre. Nella nota si evidenzia come la convocazione del giocatore sia stata formalizzata in data 27 ottobre, in ritardo di cinque giorni rispetto alle tempistiche obbligatorie previste dalla normativa, che ponevano come termine ultimo quello del 22 ottobre. Questo dato di fatto rende quindi non valida la convocazione del giocatore per il quale il club chiede il rientro immediato a Udine.

Udinese Calcio ricorda inoltre di aver già comunicato all’ASF in data 3 novembre che il giocatore risulta attualmente infortunato, non in condizione di disputare le partite della propria nazionale e impegnato nel percorso terapeutico determinato dallo staff medico della società.  L’interruzione del percorso riabilitativo prestabilito inciderà negativamente sulle condizioni di salute del giocatore. Se l’ASF non rilasciasse il giocatore o decidesse di impiegarlo nelle partite in programma nonostante quanto sopra evidenziato, Udinese Calcio si riserva il diritto di procedere di fronte a tutti gli organi competenti di giustizia civile e sportiva nei confronti dei rappresentanti dell’AFS per violazione dei regolamenti FIFA e per qualsiasi eventuale danno alla salute del giocatore”

La FIFA sarà costretta a decidere sul da farsi, nel caso Freuler è pronto a gettarsi nella mischia, in un ambiente che è già infuocato prima di entrare realmente nel match.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

L’Italia scopre Buchanan: tre italiane si fanno sotto

Pubblicato

:

Una delle nazionali che maggiormente si è guadagnata la simpatia e gli apprezzamenti di tifosi e addetti ai lavori nel corso di Qatar 2022 è stata senza dubbio quella del Canada; nonostante gli zero punti conquistati dai nordamericani nel girone possano far pensare il contrario, Davies e soci hanno infatti messo in mostra un calcio audace e propositivo, peccando probabilmente di ingenuità contro squadre ben più esperte ed attrezzate come Croazia Belgio, che al Mondiale precedente avevano addirittura raggiunto il podio finale.

Tuttavia, come di consueto, la rassegna iridata è stata un’ottima occasione per diversi talenti in rampa di lancio di mettersi in mostra; tra di essi spicca il nome di Tajon Buchanan, ala classe ’99 attualmente in forza al Club Brugge, che in Qatar ha impressionato per la sua facilità nel saltare l’uomo e per la sensibilità del suo piede destro. Tali doti non sono sfuggite solo alla dirigenza del Napoli, al cui interessamento si era già accennato nei giorni scorsi, ma neanche a quelle di Milan e Juventus, che secondo alcune indiscrezioni provenienti dal Belgio avrebbero deciso di iniziare a monitorare il 23enne canadese.

Continua a leggere

Flash News

Il Barcellona è pronto a farsi avanti per Martinelli dell’Arsenal

Pubblicato

:

Il Barcellona sta preparando il colpo di gennaio per assicurare a Xavi un nuovo innesto in zona offensiva.

Il nome è quello di Gabriel Martinelli, attualmente in forza all’Arsenal. Il giovane talento brasiliano sta partecipando al mondiale in Qatar con la nazionale verdeoro e si sta mostrando una valida alternativa la davanti nonostante gli svariati fuoriclasse che ha il Brasile in attacco.

Per il classe 2001 questo è l’anno dell’esplosione definitiva, al momento in Premier League ha già collezionato 5 gol e 2 assist in 14 partite, ovvero la sua squadra parte 1-0 una partita su due.

Potrebbe quindi essere il profilo giusto per il Barcellona attualmente primo in classifica e con un’Europa League da vincere a tutti i costi.

 

 

Continua a leggere

Flash News

Inzaghi esalta il Frosinone: “Per batterlo servirà la miglior Reggina”

Pubblicato

:

Brescia Lopez

Scontro ad alta quota in Serie B, dove si affrontano Reggina e Frosinone. Nella conferenza della vigilia Filippo Inzaghi, tecnico dei calabresi, ha presentato così la sfida contro la capolista:

“A inizio ho sempre detto che Genoa, Cagliari e Parma hanno squadre superiori rispetto alle altre, ma non scopriamo il Frosinone. Noi siamo un po’ il Frosinone dello scorso anno. Hanno azzerato, hanno lottato e così si ritrovano ai vertici”.

Entrando nei particolari del match:

” A loro piace comandare la partita, esattamente come noi, credo che sarà una bella partita. Non mi preoccupo degli avversari, penso alla grande occasione che abbiamo davanti al nostro pubblico. Per vincere servirà la miglior Reggina“.

Ha poi parlato anche del possibile 11 titolare:

” Ci attendono due gare ravvicinate, 4-5 giocatori tra domani e il fine settimana li cambierò, ma ho ancora questa notte per pensarci. Menez? Ha lavorato bene e si merita quello che ha. Ho un gruppo fantastico, mi si spezza il cuore a lasciare qualcuno fuori“. Infine un’ultima battuta anche sulla classifica: “Si sta chiudendo il girone di andata e, nonostante qualche battuta d’arresto non mi sono mai scoraggiato. Servono solo stimoli ulteriori per mantenere la classifica che, se abbiamo, è perché ce la siamo meritata”.

Continua a leggere

Generico

Salernitana, Iervolino a sorpresa: “Saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato”

Pubblicato

:

Salernitana

Ospite della trasmissione Si gonfia la rete su Radio CRC, è intervenuto il presidente della Salernitana Danilo Iervolino. Il patron dei campani, tra le varie domande, riportate da SalernoSport24, ha espresso il proprio parere sul cammino della squadra e sul campionato di Serie A.

Sulla Salernitana

“Non vorrei essere troppo mieloso, ma penso che il nostro campionato sia straordinario, ricordo che quando ero piccolo vi era un grande dislivello mentre oggi anche le squadre meno facoltose si scontrano a viso aperto con le prime della classe. Dobbiamo continuare su questa strada, cercando di ottenere punti anche con le big”.

Sul campionato

“Penso che non si debba perdere la concentrazione e l’impegno, e al riguardo la sosta sicuramente non avrà tale effetto. Le squadre che hanno fatto bene continueranno a fare bene. Noi saremmo contenti come Salernitana, di avviare il progetto della città della Sport a Salerno. L’obiettivo è quello di creare una vera e propria cittadella dello sport salernitano. Non ci cambierebbe l’entusiasmo, arrivare decimi o dodicesimi, ci importa fare bel gioco e saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969