Connect with us
Lo Spezia pensa a tre nomi per il post Kiwior

Calciomercato

Lo Spezia pensa a tre nomi per il post Kiwior

Pubblicato

:

Con Kiwior partito questa mattina in direzione Londra, nella sponda Gunners, lo Spezia cerca un erede capace di coprire la mancanza lasciata dal forte difensore centrale polacco che aveva attirato le attenzioni di mezza Europa. Ieri sono uscite le prime indiscrezioni per quanto riguarda un primo interessamento per Wisnieski del Venezia.

Oggi sono arrivate dalla Polonia voci di un possibile sondaggio della società ligure per Ariel Mosòr, difensore centrale polacco classe 2003, considerato una vera e propria promessa del calcio polacco. Ha appena 19 anni, alto 182 cm, dotato di un fisico importante e gioca nel Piast Gliwice nella PKO Ekstraklasa, il massimo campionato di Polonia. In questa stagione ha totalizzato 12 presenze con 1 espulsione in campionato. É cresciuto nel settore giovanile del Legia Varsavia con 36 partite e 2 reti con la formazione riserve e 2 gare in Prima Squadra. Secondo i media polacchi, la sua carriera ricorda proprio quella dell’ormai ex Jakub Kiwior. La quotazione attuale del giocatore è di circa 1,5 milioni di euro, cifra certamente spendibile dalla società di via Melara.

Un altro nome sondato dalla società bianconera è quello di Pape Abou Cissé, difensore dell’Olympiakos classe ’95, nazionale del Senegal con 16 presenze e 1 rete e vincitore dell’ultima Coppa d’Africa. Difensore centrale dotato di un grande potenza fisica, alto 198 cm e veterano della squadra greca con cui ha totalizzato 146 presenze con 17 reti e 2 assist, vincendo due campionati ellenici e una Coppa di Grecia. La quotazione attuale è di circa 6 milioni di euro.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Luca Pellegrini alla clinica Paideia per le visite mediche con la Lazio

Pubblicato

:

pellegrini

Il nuovo acquisto della Lazio, Luca Pellegrini, è arrivato questa mattina alla clinica Paideia, come riportato da TMW, per sostenere le viste mediche con la società biancoceleste. L’ex Cagliari arriva in prestito dalla Juventus, dopo che nella giornata di ieri è stato risolto il suo contratto con l’Eintracht Francoforte dove stava disputando la stagione sempre in prestito.

La formula dell’operazione è quella del prestito con dirito di riscatto, che in caso dovesse essere attivato costerà alla Lazio 15 milioni da versare nelle casse della Juventus. Questione di tempo dunque per la prima foto ufficiale di Luca Pellegrini con la sua nuova maglia, quella della Lazio di Sarri.

Continua a leggere

Calciomercato

Il pagellone del calciomercato della Serie A dalla sesta alla decima in classifica

Pubblicato

:

pagellone

La fine del calciomercato invernale coincide con il tempo dei bilanci e dei voti. Per Numero Diez ho redatto il pagellone del mercato di ogni squadra di Serie A.

ROMA 7

Non posso non ritenermi assolutamente ed esageratamente soddisfatto del calciomercato giallorosso. Partendo dal pugno duro con Zaniolo, dove il calciatore rifiuta di andare dove la Roma percepirebbe soldi, fino ad arrivare ai movimenti operati. Esce Shomurodov in prestito secco oneroso di 2.5 milioni, un’impresa, passando per l’arrivo al suo posto di Solbakken, colpo interessante, esotico e in prospettiva. Parte Vina, che a Roma non ha mai convinto, venendo prontamente sostituito da Diego Llorente, che farà il braccetto di difesa e che, prima degli ultimi mesi, si era dimostrato un validissimo titolare al Leeds. La Roma ne esce rinforzata? Si.

UDINESE 7

Solito calciomercato intelligente, portato a compimento facendo leva sul doppio impiego presidenziale col Watford. In mezzo al campo la cessione di Makengo al Lorient non peserà così tanto, vista la tanta qualità presente, da Samardzic a Lovric, passando per Wallace a Arslan. In avanti l’infortunio di Deulofeu è stato subito compensato con l’arrivo del colpaccio esotico Thauvin, che mai ci saremmo immaginati di vedere in maglia Udinese. Di seconda fascia, ma nemmeno troppo, gli acquisti di Matheus Martins e Diawara del Genk, di cui in futuro risentiremo parlare.

TORINO 8

Solo un semplice movimento che però basta a giustificare il voto: la cessione di Lukic a 10 milioni è un motivo sufficiente per fare i complimenti, ma l’averlo sostituito con Ilic, potenzialmente addirittura più forte, non ha fatto altro che rendere la compagine granata rinforzata alla fine del mercato. Juric chiedeva un centrocampista così e a prezzo stracciato hanno preso un calciatore che già oggi poteva ambire a giocare l’Europa. Vicino a Ricci, formerà un centrocampo di tutto rispetto.

BOLOGNA 6.5

Movimenti assolutamente saggi, quelli dei rossoblu, che arrivano a fine girone d’andata con la consapevolezza di aver assorbito i dettami tattici di Thiago Motta. Serviva un giocatore duttile di fascia ed è arrivato dal Sassuolo Kyriakopoulus che potrà essere impiegato sia da terzino che da ala. Bene aver trattenuto Arnautovic ancora una volta.

EMPOLI 5.5

Il problema è solo l’ultimo giorno. Perché la partenza di Lammers era comprensibile, soprattutto se comminata con l’arrivo di Ciccio Caputo, che a suo modo ha scritto la storia dell’Empoli ed è arrivato già subito a dettare legge. Non comprendo però la cessione di Bajrami, assolutamente evitabile. I toscani di solito dicono di cedere solamente a giugno e con il sostituto già pronto. Stavolta non credo abbiano fatto abbastanza, non con l’arrivo di Vignato.

Continua a leggere

Calciomercato

Carnevali a sorpresa: “Il Bornemouth voleva Traoré prima di Zaniolo”

Pubblicato

:

Carnevali

È terminata con una cessione eccellente la sessione di calciomercato invernale del Sassuolo. I neroverdi hanno ceduto Hamed Junior Traoré al Bournemouth per una cifra molto vicina ai 30 milioni di euro. Per gli emiliani si tratta dell’ennesimo eccellente colpo in uscita che dimostra ancora una volta l’abilità di Giovanni Carnevali e della dirigenza. Proprio l’amministratore delegato del Sassuolo è intervenuto ai microfoni di Sky Sport e ne ha parlato.

BILANCIO SUL CALCIOMERCATO – “Abbiamo ceduto Traore, un altro giocatore che approda in Premier. Questa operazione ci ha permesso di fare altri acquisti come Bajrami a titolo definitivo e Zortea in prestito con diritto di riscatto. Traore aveva il contratto in scadenza nel 2024, la trattativa con il Bornemouth era partita da alcune settimane e abbiamo ottenuto quello che volevamo, mentre nei giorni precedenti gli inglesi non ci stavano accontentando. Non so se avrebbe rinnovato con noi. Il Bournemouth lo voleva prima di Zaniolo, abbiamo detto no, e per questo magari si sono rifatti sotto per il giocatore della Roma. Poi sono tornati a bussare alla nostra porta. Non abbiamo avuto richieste importanti per i nostri giocatori da parte dei club italiani, stiamo vendendo in Premier ma mi auguro che presto si possa tornare a fare operazioni importanti anche in Italia”.

Continua a leggere

Calciomercato

Il pagellone del mercato di Serie A dalla prima alla quinta in classifica

Pubblicato

:

Pagellone

La fine del calciomercato invernale coincide con il tempo dei bilanci e dei voti. Per Numero Diez ho redatto il pagellone del mercato di ogni squadra di Serie A.

NAPOLI 7

L’unica squadra che non aveva bisogno di muoversi in Italia è tra quelle che lo ha fatto meglio. Dispiace che io non comprenda a pieno la mossa Gollini-Sirigu, in cui mi sembra perdano entrambe, ma oggettivamente vista anche l’età e l’ambizione ci guadagna assolutamente il Napoli. Per la poca convinzione di Spalletti nei confronti di Zanoli, c’era bisogno di un terzino destro ed è arrivato Bereszynski, che conosce alla perfezione il nostro campionato, vista l’esperienza e che, aldilà dello spazio che avrà, concederà al mister di Certaldo una scelta in più. Bene.

INTER 5

In realtà il voto è un po’ così. L’Inter oggettivamente non fa nulla ne in entrata e ne in uscita. Ma va considerata la cessione di Skriniar. L’Inter lo doveva vendere o rinnovare, invece non fa nessuna delle due cose, senza contare che avrebbe dovuto già pensare ad un rimpiazzo dello slovacco. A giugno la difesa sarà una polveriera: oltre Bastoni, De Vrij sarà over 30, Skriniar andrà via a zero ed è ancora da definire il riscatto di Acerbi.

LAZIO 6.5

Ha fatto esattamente ciò che gli veniva chiesto. Non aveva bisogno di rinforzarsi, visto che Sarri è stato bravissimo a valorizzare ciò che aveva. L’unico acquisto fatto è Luca Pellegrini, portato a casa in extremis e che darà una chance a Sarri nella scelta sulla fascia sinistra, lì dove Sarri aveva necessario bisogno. Era nell’aria ed è arrivato. Attenzione a Lui.

ATALANTA 6

Sufficienza striminzita per la Dea, che ha scelto di non fare nulla in entrata nel mercato di riparazione. L’unica nota da considerare è la cessione di Malinovskyi al Marsiglia, che ha permesso di produrre una plusvalenza interessante ma che lascia l’amaro in bocca. Non c’era alcun bisogno di sostituirlo vista la recente attesissima esplosione di Boga.

MILAN 5

Se la linea dirigenziale era quella di non comprare calciatori dove servisse, per attendere i nuovi acquisti, da Vranckx a Thiaw, è concepibile, ma sarebbe stato opportuno lavorare sul discorso portiere. Tatarusanu non convinceva e per questo è stato preso Mirante. Quest’ultimo, provato solo in amichevole, non ha mai giocato. È quindi arrivato Devis Vasquez, ma nonostante l’estremo difensore romeno continui a commettere errore, il nuovo arrivato non vede mai il campo. Se il problema è così grave, andava investito subito su un titolare che prende il posto di Maignan immediatamente. Che fosse un Gollini, un Cragno o uno Sportiello. Male nella programmazione.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969