Connect with us
È già tempo di Superclásico

Calcio Internazionale

È già tempo di Superclásico

Pubblicato

:

Mancano solo due giorni e mezzo (3 Gennaio ore 1:30, ndr) da quello che sarà il Superclásico del 2021 tra Boca Juniors e River Plate: a livello di precedenti, l’ultimo confronto in Superliga, nel 2019/2020, è datato 9 Settembre 2019, in una sfida terminata per 0-0. A livello di Copa Libertadores invece, dopo la “storica” finale di Madrid vinta 3-1 dal River Plate il 9 Dicembre 2018, il Superclásico si è già ripetuto altre due volte. Si trattava delle semifinali 2019, una doppia sfida in cui il River Plate, trionfando per 2-0 l’andata nel suo stadio, fu capace di reggere l’onda d’urto della Bombonera nella sfida di ritorno, perdendo solo per 1-0. A livello cronologico, la vittoria del Boca Juniors, datata 23 Ottobre 2019, è l’ultimo precedente assoluto tra i due clubs. Ma come giungono, ad oggi, i due colossi di Buenos Aires? Quali sono stati i traguardi raggiunti dopo l’ultimo confronto e chi rischia di subire maggior pressione dalla sfida?

QUI LA BOCA 

Se la doppia sconfitta di Copa Libertadores nel 2018 e nel 2019 metteva al Boca Juniors una pressione difficilmente reggibile nei confronti del rivale, la vittoria in campionato nel 2019/2020, giunta all’ultima giornata proprio ai danni del River Plate, sembra aver riportato tranquillità sulle sponde del Riachuelo. Il Boca, dopo le presidenziali di fine 2019, ha puntato su una società solida, in cui la presidenza di Jorge Ameal è coadiuvata sportivamente dalla gestione di Juan Román Riquelme e di vecchie glorie del club. In panchina, la scelta di Miguel Ángel Russo, l’ultimo allenatore che trionfò in Libertadores da queste parti nel 2007, ha già portato frutti: oltre al trionfo in campionato, il Boca ha ritrovato il Carlos Tévez dei giorni migliori, sapendo poi gestire la rosa ed alcuni casi spinosi con oculatezza ed attenzione. Riportare in Argentina un talento come quello del Toto Eduardo Salvio, mantenendo gli altri migliori giocatori in rosa, si è rivelata una carta vincente dell’ultimo semestre.

Gli Xeneizes hanno alternato ottime prestazioni a match deludenti: il ritorno degli ottavi di finale contro i brasiliani dell’Internacional (0-1 il 10/12, ndr) sancì una qualificazione solo ai calci di rigore, mentre il match d’andata dei quarti, persa per 1-0 il 17 Dicembre coi vicini del Racing Club, preoccupò l’ambiente salvo poi rovesciare le cose nella gara di ritorno per 2-0. Il 3-0 dell’ultima gara di campionato, giunto con molte riserve contro l’Huracán, ha fatto trapelare tranquillità e voglia di stupire nell’ultima gara. Nella seconda fase del campionato, composta da un girone a 6 squadre, il Boca è primo con 7 punti in 3 partite. Mentre in Libertadores sarà il Santos l’avversario in semifinale. Nonostante qualche assenza importante, il 4-4-2 di Russo per il Superclásico dovrebbe prevedere il seguente schema: la promessa Esteban Andrada tra i pali, seguito dai terzini Leonardo Jara e Frank Fabra e dai centrali Lisandro López e Carlos Izquierdoz. A centrocampo, la “dupla” centrale sarà probabilmente costituita da Jorman Campuzano e Nicolás Capaldo, mentre sarà compito del Toto Salvio e di Sebastian Villa spingere come ali. In attacco, assieme a capitan Tévez, sono molte le chances per Franco Soldano, che si è conquistato il posto con le ultime prestazioni.

DALLE PARTI DI NÚÑEZ

Discorso leggermente diverso per quanto riguarda il River Plate: la squadra che viene considerata una macchina perfetta da quando Marcelo Gallardo siede in panchina ha subito qualche leggera battuta d’arresto. Come la  finale persa nel 2019 contro il Flamengo nei minuti finali o il campionato ceduto al Boca Juniors all’ultima giornata nel Marzo 2020. I Millionarios hanno però le spalle larghe, con una piena fiducia nel proprio condottiero che va ormai al di là di qualsiasi nome importante. La capacità di Gallardo, oltre alle doti tecniche ed umane e di gestore, è stata quella di formare i giovani della cantera. Molti di essi sono poi diventati la chiave di volta di una strategia che punta a vendere bene (solo quando necessario) cambiando poi alcuni pezzi o tramite la cantera o tramite acquisti mirati. Anche quest’anno le partenze sono state importanti: da quella dell’eroe di Madrid, Juan Fernando Quintero, a quella di Lucas Pratto, ultimamente fuori dalle gerarchie del suo allenatore. Passando per la vendita di Lucas Martinez Quarta alla Fiorentina.

Nonostante ciò, Gallardo ha ritrovato la quadra senza tremare: il passaggio del turno contro Athletico Paranaense prima e Club Nacional poi hanno dirottato la squadra in semifinale di Libertadores, che si giocherà contro il Palmeiras. In campionato invece, proprio come il Boca, il River ha conquistato 7 punti in 3 incontri nel girone finale a sei squadre. Nell’ultimo incontro, vinto per 2-1 contro l’Arsenal Sarandì, il River Plate si è schierato con un 4-1-3-2 abbastanza atipico. Ma contro il Boca tutto porta a pensare ad un ritorno al classico 3-5-2: con Franco Armani in porta, Paulo Díaz, Robert Rojas e capitan Javier Pinola in difesa, Gonzalo Montiel e Milton Casco come quinti di centrocampo, Ignacio Fernández, Enzo Perez e Nico De la Cruz come interni e Rafael Santos Borré e Matias Suárez in attacco.

Cammini simili come gli obiettivi. Se in Copa Libertadores è prematuro pensare ad un replay del Superclásico in finale, la sfida tra Sabato e Domenica notte permetterà alle due squadre di confrontarsi e lottare per il campionato a ridosso di due importantissime semifinali. Guai a pensare che si tratti di una sfida banale, perché quando si tratta di Boca Juniors e River Plate è impossibile che uno non provi a primeggiare sull’altro.

(Fonte immagine in evidenza: profilo Twitter @BOCAJRSofficial)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio Internazionale

FLASH – Lewandowski gela il Maradona: 0-1 Barcellona al 60′

Pubblicato

:

Juan Jesus e Lewandowski, giocatori di Napoli e Barcellona, Serie A, La Liga, Coppa Italia, Champions League, EURO2024

Ecco il gol del vantaggio del Barcellona al Maradona. 0-1 più che meritato per gli uomini di Xavi e a segnare è il solito Robert Lewandowski. Difesa del Napoli non perfetta nelle letture difensive, con Pedri che serve tra le linee al limite dell’area il bomber polacco, poi abilissimo a girarsi, ad aspettare l’intervento di Di Lorenzo e a tirare con estrema precisione all’angolino basso alla destra di Meret, incolpevole.

Ora necessari dei cambi per Calzona, per provare ad abbozzare una reazione e non rendere totalmente arrendevole la prestazione del suo Napoli questa sera.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La DFL fa un passo indietro: annullato l’accordo per il passaggio dei diritti televisivi dopo le proteste

Pubblicato

:

Colonia

È un bel giorno per i tifosi tedeschi” ha detto Thomas Kessen, portavoce dell’Unser Kurve,

Mentre il Bayer Leverkusen allunga e consolida il primo posto con 8 punti di vantaggio e il Bayern Monaco sprofonda in una crisi, in Germania tiene banco anche la questione extra-campo che riguarda i diritti televisivi. Come riporta Eurosport, nelle ultime settimane si era raggiunto un accordo tra la Bundesliga e i fondi di private equity per i diritti televisivi del massimo campionato tedesco.

A maggio si è svolta una prima votazione, fallita, in merito alla questione, ma, in quella di dicembre, 24 dei 36 club di Bundesliga e Bundesliga 2 hanno votato a favore per il passaggio dei diritti televisivi a CVC, che avrebbe portato un indotto di circa un miliardo di dollari. La manovra prevedeva la cessione del 6-8% delle azioni, esternalizzando i diritti televisivi. Questo ha però scatenato l’ira dei tifosi, che hanno protestato a lungo, e, probabilmente, la DFL li ha ascoltati.

Oggi, infatti, la Lega Calcio Tedesca ha dichiarato l’annullamento dell’accordo con CVC per l’assegnazione dei diritti televisivi a partire dalla stagione 2025/2026. Hans-Joachim Watzke, portavoce della DFL, ha parlato e ha detto: “Considerando gli sviluppi attuali non è più possibile portare avanti con successo il processo”. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Formazioni ufficiali Napoli-Barcellona: riecco Osimhen dal 1′, titolare anche Cajuste

Pubblicato

:

Osimhen, Rrahmani e Natan, giocatori del Napoli, Serie A, Coppa Italia, Champions League

La prima del Napoli di Calzona è subito una sfida delicatissima di Champions. Al Maradona arriva il Barcellona di Xavi per l’andata degli ottavi di finale. Gli azzurri sperano di avere una scossa con il terzo cambio in panchina in stagione e quale occasione migliore per dimostrarlo contro una delle migliori squadre in Europa. Dall’altra parte, infatti, ci sarà un Barcellona determinatissimo a sfruttare il momento di disorientamento degli italiani.

Vediamo insieme le formazioni ufficiali di Napoli-Barcellona:

FORMAZIONI UFFICIALI NAPOLI-BARCELLONA

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Juan Jesús, Rrahmani, Olivera; Anguissa, Lobotka, Cajuste; Politano, Osimhen, Kvaratskhelia. All. Calzona

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Koundé, Araujo, Iñigo Martínez, Cancelo; Frenkie De Jong, Christensen, Gündogan; Lamine Yamal, Lewandowski, Pedri. All. Xavi

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Pioli in conferenza pre Rennes: “Qualificazione non ancora raggiunta, anche domani turnover”

Pubblicato

:

Milan

Le parole di Stefano Pioli, tecnico del Milan, in conferenza stampa alla vigilia del ritorno dei playoff di Europa League contro il Rennes. I rossoneri voleranno in Francia forti del 3-0 maturato a San Siro settimana scorsa.

DISCORSO AI RAGAZZI – “La partita l’abbiamo analizzato lunedì. Alla squadra ho detto che ci siamo presi un vantaggio, ma che la qualificazione non è ancora raggiunta. Il Rennes è una buona squadra“.

TURNOVER – “Non mi piace il termine turnover, è sola gestione della squadra. Dovremo giocare cinque partite in quindici giorni. Le scelte di domenica erano dovute alle condizioni dei giocatori e così farò anche domani e contro l’Atalanta”.

CONDIZIONE DEI GIOCATORI – “Stanno tutti bene, rispetto a domenica abbiamo avuto un giorno di riposo. Sono tutti in condizione di poter giocare“.

DIFFICOLTÀ MAGGIORE – “Il Rennes proverà a fare qualcosa di diverso rispetto a mercoledì, almeno nell’atteggiamento. Ci proverà a mettere in difficoltà e quindi dobbiamo prepararla bene“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969