Connect with us

La nostra prima pagina

La crescita di giovani talenti italiani

Pubblicato

:

Tonali

Cala il sipario sulla regular season di uno dei più emozionanti campionati di Serie B degli ultimi anni. Tante sono state le sorprese e i colpi di scena dall’inizio alla fine, fino all’ultimo minuto. Dopo un periodo di incertezza in vetta alla classifica l’Empoli ha preso il largo ed è volato in Serie A. A seguirlo il Parma che ha ottenuto la promozione, la terza di fila, dopo il suicidio sportivo del Frosinone. Retrocesse in C invece Pro Vercelli, Ternana e Novara.

In attesa di play-off e play-out che daranno gli ultimi verdetti abbiamo selezionato tre giovani talenti italiani che si sono contraddistinti nelle 42 partite.

SANDRO TONALI (BRESCIA)

Sandro Tonali è il fiore all’occhiello della classifica dei migliori giovani di questa Serie B. Basta guardare la sua fisionomia e il modo di giocare per ricordarsi di qualcuno.

Il ragazzo appena 18enne assomiglia molto ad Andrea Pirlo. I tratti caratteristici comuni tra i due sono tanti, fa quasi impressione questo. Oltre all’aspetto fisico, a quei particolari capelli lunghi, e alle caratteristiche tecniche Tonali condivide con l’ex Milan e Juventus di conseguenza anche il ruolo. Non solo perché di mezzo c’è anche il Brescia. Qui è esploso il rarissimo e straordinario talento del Maestro, ventisei anni dopo al Rigamonti si ammirano di nuovo delle doti tecniche incredibili. Merito di un ragazzino che porta il 34, questo sì diverso dal numero 21 di Pirlo, sulle spalle.

Nato l’otto maggio del 2000, manco a dirlo lo stesso mese di nascita del campione del mondo 2006, ha iniziato nel settore giovanile proprio del Brescia. Il 26 agosto scorso ha esordito in cadetteria e da quel giorno non si è più fermato: diciannove presenze, diciassette da titolare.
Tonali può occupare tutti e tre i ruoli di un centrocampo a tre, ma è in cabina di regia che si adatta meglio. È la posizione in campo dove riesce a mostrare al meglio visione di gioco, disciplina tattica, capacità di creazione del gioco con il suo raffinato piede destro (media di precisione del 43.2% di lanci lunghi). Con il pallone tra i piedi ci sa fare eccome e ha completato a partita il 67% dei dribbling tentati.

https://youtu.be/nFnc6fTtL0g  

Uno dei suoi tanti allenatori che si sono alternati a Brescia, Boscaglia, su di lui si espresso con questi toni:

Tonali diventerà un grande giocatore. Non voglio azzardare paragoni ma nelle dinamiche di gioco ha qualcosa come Pirlo. Forse lo imita anche, ma noi gli abbiamo detto di essere sè stesso

Non esaltarlo troppo con paragoni pesanti, come quello con Pirlo è, e farlo restare concentrato sul suo percorso è l’obiettivo per cui stanno lavorando a Brescia.

Il suo agente Roberto La Florio ha però rassicurato:

Sta vivendo questo momento molto serenamente. Ha un grande pregio: non sente la pressione

Juventus, Inter, Genoa, Sassuolo, Bologna, Palermo e Fiorentina sono le squadre interessate a lui, ma ci sono anche importanti club europei. A breve dovrebbe prendere la patente, ma Sandro Tonali sta già volando. A 18 anni si appresta a essere uno dei pregiati uomini-mercato dell’estate che sta per arrivare.

EMIL AUDERO (VENEZIA)

Il Venezia ha chiuso la regular season con la terza miglior difesa, peggiore solo di quella del Parma e del Palermo. Uno dei principali punti di forza della squadra di Pippo Inzaghi è stato infatti la fase difensiva, con la quale i lagunari hanno centrato play-off. A risultare spesso decisivo per le sorti del club del presidente Tacopina è stato Emil Audero.

Il numero 1 degli arancioneroverdi, classe ’97, è cresciuto, manco a dirlo, nella Juventus. In bianconero ha fatto tutta la trafila del settore giovanile. Poi l’esordio in Serie A con la prima squadra da terzo portiere il 27 maggio scorso a Bologna. Aveva bisogno di un’esperienza di crescita e tale si è rilevata quella veneziana.

Nel campionato cadetto ha mostrato tutte le sue grandi qualità tecniche. Possiede un’importante reattività grazie soprattutto a una capacità intuitiva che sfrutta soprattutto sui calci da fermo. Una delle sue specialità è il tuffo, che ha messo in mostra più di una volta quest’anno. In un’intervista ha rivelato che Gigi Buffon, nella sua esperienza juventina, lo chiamava “gattone“. Un soprannome che descrive al meglio le sue spiccate doti da portiere.

Ha chiuso il suo primo campionato in Serie B con ben 13 clean sheet in 35 partite giocate. Un numero davvero importante. Dopo il play-off sicuramente tornerà alla base dalla quale potrebbe partire nuovamente per una nuova esperienza formativa. Questa volta però potrebbe essere nella massima serie. Si vocifera infatti del Genoa, in procinto di cedere Perin proprio al club campione d’Italia. Non sarebbe da scartare l’ipotesi di ritorno in Laguna in caso di promozione del Venezia. Ciò che è sicuro è che il portiere dell’Italia Under 21 è pronto per la Serie A.

MARCO VARNIER (CITTADELLA)

Marco Varnier è considerato il miglior giovane difensore del campionato cadetto. Classe ’98, ha calcato per la prima volta i campi di gioco con il Padova, squadra della sua città natale. Il fallimento del club veneto lo costringe a trasferirsi. Lascia dunque casa nel 2014 e approda al Cittadella. Parte dalla Primavera, ma dopo un paio d’anni, dodici mesi fa, arriva in prima squadra. Nelle sue prime quattordici partite mostra già qualità importanti. È in questa stagione però che si è imposto in maniera decisa. 31 partite su 31 in cui sono arrivati anche le prime due reti con altrettanti assist.

Il numero 13 della squadra di Venturato è un centrale difensivo di una retroguardia a quattro che sa adattarsi anche in una a tre. Sa sfruttare molto bene la sua fisicità con interventi puliti (5.58 intercetti ogni 90′) e facendosi valere nei duelli aerei (ne ha vinti il 59.5% a partita). La visione di gioco lo aiuta in fase d’impostazione, pure questa nelle sue corde, pur con qualche lacuna colmabile.
È inoltre dotato di una
forte personalità mostrando una maturità sempre più rara tra i giovani italiani. Proprio per questa nella Primavera granata era lui il rigorista della squadra.

https://youtu.be/yLZSgWoMWNY 

A lui si era interessata l’Inter che ora sembra essersi defilata a favore della Juventus, che sta studiando una sinergia con il Sassuolo, e della Roma.
Potrebbe essere adocchiato anche nei play-off che Varnier giocherà con il suo Cittadella.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Marocco, El Kaddouri: “Qualcuno ha rovinato la festa”

Pubblicato

:

Marocco

La vittoria ai rigori del Marocco ai danni della Spagna ha letteralmente fatto impazzire di gioia un intero popolo, che mai aveva visto la propria nazionale spingersi così tanto avanti in un torneo come la Coppa del Mondo.

Ai festeggiamenti, seppur con un po’ di amarezza, non può non prendere parte anche Omar El Kaddouri, centrocampista marocchino del PAOK Salonicco che ha legato la quasi totalità della sua carriera al calcio italiano (dove del resto si è formato), vestendo maglie prestigiose come quelle di Napoli Torino.

In un’intervista rilasciata a Sky Sport, El Kaddouri, ha espresso sentimenti contrastanti riguardo il Mondiale fin qui giocato dai Leoni dell’Atlante, che spaziano dalla mancata convocazione (non veste la maglia della sua nazionale da ormai più di 2 anni) agli incidenti verificatisi a Bruxelles nel corso dei festeggiamenti della comunità marocchina per lo storico trionfo:

In questo inizio di stagione purtroppo ho avuto diversi problemi fisici, e non avevo grandi aspettative sulla convocazione. Per tutti noi è qualcosa di incredibile arrivare ai quarti, ed è giusto festeggiare. Mi spiace che in Belgio ci siano stati degli incidenti, che fortunatamente in Marocco non si sono verificati; sono cose che non devono succedere, ma purtroppo qualcuno ha trovato il modo di rovinare la festa”.

Continua a leggere

Flash News

In casa Juventus si monitora la situazione di Pogba e Chiesa

Pubblicato

:

Pogba

In questo momento in casa Juventus i più attesi sono inevitabilmente Paul Pogba e Federico Chiesa.

I due sono stati infortunati per tutto questo inizio stagione ma dopo la sosta per il Mondiale dovrebbero tornare entrambi a disposizione per l’impiego in gara ufficiale.

Federico Chiesa ha già avuto l’opportunità di scaldare i motori contro PSG, Inter e Lazio ma non è ancora al top della forma. Paul Pogba invece dovrebbe tornare disponibile nel match del 13 gennaio contro l’attuale capolista Napoli.

Secondo quanto riporta Sky Sport l’ex United testerà il suo ginocchio in queste settimane.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Gakpo sui rumors dell’estate: “Ho aspettato lo United ma niente”

Pubblicato

:

Gakpo

Cody Gakpo è negli interessi del Manchester United già da tempo, ma i Red Devils non hanno mai presentato un’offerta né al PSV Eindhoven e né al giocatore.

Queste le parole del classe ’99 al medium olandese NRC in merito alla vicenda: “È stato un periodo duro, ma ho imparato. Adesso approccerò le cose in maniera diversa, ciò che arriva, arriva. Io ho pensato al Manchester United, poi però non sono arrivati. Ho iniziato a dubitare.. Poi è arrivato il Leeds, ma dovevo andare lì? Ora aspetto per tutto. Non ho più risentito nulla dallo United, quando si faranno vivi allora ci penserò. Ho sempre l’aiuto di Dio nel prendere questa decisione”.

Cody Gakpo sembra quindi molto concentrato sul presente, non vuole farsi aspettative o fantasie particolari, il presente adesso è l’Olanda e Qatar 2022.

Continua a leggere

Calciomercato

L’Empoli a caccia di rinforzi: spunta il nome di Piccoli

Pubblicato

:

Fantacalcio

Uno dei dati che meglio rende l’idea del campionato disputato fin qui dall’Empoli è quello dei gol segnati: in 15 partite di Serie A la squadra toscana ha gonfiato la rete avversaria in appena 12 occasioni.

Solo due squadre sono riuscite a fare peggio, ossia Cremonese e Sampdoria, che occupano ormai stabilmente la zona retrocessione.

In vista della seconda parte del campionato, Zanetti avrebbe dunque bisogno di irrobustire notevolmente il proprio reparto offensivo; oltre al nome estremamente suggestivo di Francesco Caputo, di cui si è già parlato nei giorni scorsi, in base a quanto riportato da PianetaEmpoli, si penserebbe all’acquisto di Roberto Piccoli, classe 2001 di proprietà dell’Atalanta (attualmente in prestito al Verona) che ancora non ha trovato sufficiente spazio per mostrare le proprie potenzialità.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969