Connect with us

Calcio Internazionale

Problemi muscolari per Theo Hernandez: i possibili tempi di recupero

Pubblicato

:

Theo

Theo Hernandez ha lasciato il ritiro della Francia a causa di un problema muscolare. Tramite un Comunicato Ufficiale, la Nazionale francese ha spiegato che il terzino del Milan soffre di una lesione all’adduttore destro, pertanto non sarà disponibile per i prossimi due impegni in Nations League.

Nei prossimi giorni degli esami stabiliranno con precisione l’entità dell’infortunio. Ad ogni modo le possibilità che non sia a disposizione di Pioli al rientro è più che concreta. Tendenzialmente i tempi di recupero per una lesione all’adduttore sono molto variabili: da 2-3 settimane fino ai 2 mesi. I tifosi del Milan tremano ed attendono con ansia gli esami strumentali a cui Theo Hernandez si sottoporrà una volta rientrato in Italia.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Il vice presidente del Barcellona: “Il ritorno di Messi si può fare”

Pubblicato

:

La storia d’amore tra Messi e il Barcellona potrebbe non essere finita nel giugno 2021. Dopo voci, indiscrezioni e speranze dei tifosi che rivorrebbero vedere nuovamente al Camp Nou il giocatore che ha segnato l’ultima era calcistica, arrivano le parole del vice presidente del Barcellona, Romeu.

Secondo quanto riportato dall’esperto di calciomercato Fabrizio Romano, queste sono state le parole di Romeu sul possibile ritorno di Messi nella prossima sessione estiva di mercato: “Sarebbe gratis, quindi sicuramente è qualcosa che si potrebbe fare. Ma sarebbe una decisione tecnica comunque”. 

Ha poi aggiunto: “C’è un tetto salariale, abbiamo fatto uno sforzo questa estate sugli ingaggi”. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Mancini: “Complimenti ai ragazzi, ma la Final Four è un brodino”

Pubblicato

:

Mancini

Con le vittorie contro Inghilterra e Ungheria l’Italia si è qualificata alla Final Four della Nations League. Ospite del Social Football Summit 2022, il ct Roberto Mancini ha parlato di questo traguardo. Queste le sue parole: “Stiamo lavorando, bisogna fare i complimenti ai ragazzi. É un brodino però rispetto a quello che è accaduto. L’eliminazione dai mondiali è stata ingiusta, non la meritavamo, ma queste cose vanno affrontate nel calcio”. 

Mancini ha inoltre parlato di quelli che non sono stati convocati per la Nations League:La porta della Nazionale è aperta per tutti, anche a chi non ha avuto un comportamento giusto. Abbiamo tanti giovani bravi. Sono rimasto alla guida della Nazionale perché vincere con l’Italia è stata la cosa più bella della mia carriera. Proveremo a vincere il Mondiale in America”. 

Sul palco c’era anche Daniele De Rossi, collaboratore di Mancini all’Europeo. Le parole dell’ex-Roma: “Il gruppo della Nazionale ha saputo rinascere dalle ceneri. Tra il pre e post-Europeo non è cambiato molto, i rapporti con Mancini persistono. Ha reso un piacere andare in Nazionale”. 

Inoltre ha parlato della mancanza di talenti del nostro calcio: “L’impoverimento è dovuto al fatto che si vive meno con il pallone tra i piedi in strada, al parco o in spiaggia. C’è meno materia prima, ma esiste. Grazie a Mancini ci sono giocatori di serie inferiori pronti per giocare. Bisogna aiutarli a farli uscire. Raspadori è un ragazzo da anni 70 e 80. Mi rende felice vederlo giocare”. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il Tottenham sostiene Richarlison, il messaggio social del club

Pubblicato

:

Tottenham

Dopo il vergognoso episodio accaduto nell’amichevole tra Brasile e Tunisia, il Tottenham prende posizione e le difese del suo attaccante, Richarlison.

L’episodio di razzismo inaccettabile è arrivato dagli spalti del Parco dei Principi, dove un tifoso ha preso l’iniziativa di lanciare una banana verso Richarlison mentre stava esultando per un gol segnato.

Non è la prima volta che la banana è gesto di offesa, ricordando l’episodio che ha coinvolto Dani Alves nella partita contro il Villarreal.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Llorente: “La Juve mi soffiò al Real, se Ancelotti mi chiamasse andrei gratis”

Pubblicato

:

Real Madrid

Dopo l’esperienza all’Eibar, Fernando Llorente è rimasto svincolato e all’età di 37 anni non ha nessuna voglia di smettere, bensì si sta continuando ad allenare aspettando un’offerta che lo soddisfi.

Lo spagnolo, in un’intervista al quotidiano spagnolo “El Larguero” ha parlato di progetti futuri, retroscena del passato ed ha strizzato l’occhio a Carlo Ancelotti e il suo Real Madrid:

“Mi sarebbe piaciuto vestirmi di bianco, ma ogni volta che il Real mi voleva ero vincolato all’Athletic e quando ho finito il mio contratto la Juve è stata più veloce. Se Ancelotti mi chiamasse per fare il vice Benzema? Ci andrei gratis

“Non so cosa succederà in futuro. Non vedo l’ora di continuare, anche se sono disoccupato da tre mesi. Continuo ad allenarmi, cerco qualcosa che mi entusiasmi”.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969