Connect with us
I Top e Flop del weekend

La nostra prima pagina

I Top e Flop del weekend

Pubblicato

:

L’estenuante pausa delle nazionali è terminata ed i campionati europei sono iniziati con il botto, infatti durante il weekend sono andati in scena due importanti big match, come Chelsea-Manchester United e il derby di Milano. Numero Diez come ogni settimana ha stilato la Top e Flop delle gare del fine settimana appena trascorso.

TOP

“LA ZONA INTER”

Il derby di Milano si è concluso con un’incredibile vittoria dell’Inter nei minuti di recupero per 1-0, a siglare il risultato è stato il solito Mauro Icardi sempre più uomo derby (da quando si è sbloccato ad aprile 2017 ha segnato 5 gol in 5 partite). La squadra nerazzurra si è contraddistinta soprattutto per il cinismo degli ultimi minuti di gioco, infatti sono ben 7 le reti avvenute nei restanti 15 giri di orologio, nessuna squadra in serie A quest’anno ha fatto meglio della “beneamata”. Senza poi contare il gol di Vecino all’Olimpico nella passata stagione che ha permesso all’Inter di qualificarsi in UCL ai danni della Lazio, oppure l’avvincente rimonta nella prima gara di Champions League contro il Tottenham. Da quando c’è Spalletti in panchina la solidità dei nerazzurri in fase offensiva è decisamente migliorata rispetto al passato, ritornando ad essere una squadra combattiva fino alla fine, il che farà molto felici i tifosi perché la “pazza” Inter dopo un avvio incerto sta dando molte più gioie che dolori, soprattutto in “zona Cesarini”, anzi in “zona Inter”.

icardi-gol-derby-inter-milan-ottobre-2018

Il gol dell’ 1-0 di Icardi che regala la vittoria ai nerazzuri nei minuti finali.

BENTORNATA DEA!

A Verona hanno giocato il Chievo, dopo l’approdo di Ventura come allenatore, e l’Atalanta in piena crisi con appena 6 punti raccolti in 8 partite. I ragazzi di Gasperini dopo essere usciti contro il Copenaghen nei preliminari di Europa League non sono più riusciti a far rivedere il loro pratico gioco che esaltava in maniera particolare gli interpreti offensivi come esterni ed attaccanti. I 5 gol rifilati al Chievo, non sono una vera e propria dimostrazione di rinascita, ma è un buon inizio per tornare a fare paura come l’anno passato. Una delle chiavi di lettura della partita è stata la grandissima prova di Josip Ilicic, che con 3 gol ha affossato il Chievo. All’idea di gioco dell’allenatore è mancato in questo inizio di stagione proprio il fantasista sloveno che, grazie alle sue capacità, riesce a rendere più fluido lo sviluppo dell’azione. Chissà se sarà proprio lui a far risalire l’Atalanta in classifica.

 

BOMBER DI PROVINCIA

Nel lunch match di ieri si è disputata una partita per la zona salvezza tra Frosinone ed Empoli. La gara del Benito Stirpe si è conclusa con il punteggio di 3-3, risultando molto divertente. Il ritorno del Frosinone in Serie A coincide anche con il ritorno di un bomber particolare, Daniel Ciofani. Il capitano dei ciociari si era già fatto notare durante la prima apparizione dei canarini nella massima serie, siglando 9 sigilli nel vano tentativo di raggiungere la salvezza. Nella gara di ieri è tornato a segnare in A, il primo su rigore e il secondo con un bel sinistro ad ingannare il portiere sul suo palo, riuscirà questa volta a salvare grazie ai suoi gol il Frosinone?

4052764_1421_soccer_serie_a_asdadadada.jpg

 

FLOP

ALTALENA GIALLOROSSA

L’anticipo della 9° giornata ha visto affrontarsi Roma e Spal. Nonostante la Roma fosse in piena ascesa dopo la vittoria nel derby, la vittoria in Champions contro il Viktoria Plzen e quella prima della sosta contro l’Empoli, è ricaduta di nuovo contro una delle compagini più insidiose del campionato. I giallorossi sembrano aver perso delle certezze soprattutto sul piano del gioco, mancando molto spesso di compattezza in mezzo al campo, dove N’zonzi è lasciato solo, mentre in fase offensiva la manovra appare molto confusa con troppa improvvisazione e pochi schemi. Alla squadra capitolina serve più ordine e ora Di Francesco si ritrova costretto a dover ricominciare da capo per ritrovare la compattezza della scorsa stagione.

Roma-Spal-cristante-under-fazio-dzeko.jpeg

UNA CRISI MOLTO REAL 

I Blancos ripartono dopo la sosta nazionali nel peggiore dei modi, perdendo contro l’umile Levante per 2-1 al Bernabeù. L’allenatore del Madrid, Julen Lopetegui traballa sempre di più con le voci di un suo esonero che si fanno insistenti. Purtroppo i risultati raccolti fino a qui sono davvero scarsi: 14 punti in 9 gare e 7° in classifica, 3 punti in 2 partite in Champions League e un gioco che risulta tutt’altro che spettacolare ( nelle ultime 5 gare solo un gol realizzato per le Merengues). La prossima gara è contro il Viktoria Plzen, mentre in Liga li aspetterà il Barcellona per il Clasico di Spagna, inutile spiegare come saranno cruciali queste due partite per la permanenza dell’ex C.T. della nazionale spagnola.

 

USCITA A VUOTO PER IL MILAN (E DONNARUMMA)

Mentre la Milano nerazzurra festeggia, quella rossonera si dispera. Perdere una stracittadina è sempre molto dura da accettare, ma in questo modo diventa impossibile. La prestazione del Milan è stata molto deludente, non solo in termini di risultato, ma di gioco perché la squadra di Gattuso sembra essersi fin da subito fatta schiacciare da un’Inter tutt’altra che dominante. Durante lo sviluppo della gara sono stati i nerazzurri a mantenere il possesso del pallone con il Milan che si accontentava di sfruttare le occasioni di ripartenza che i padroni di casa gli lasciavano una volta ogni tanto. Oltre alla prestazione del Diavolo abbastanza deludente per le qualità che possiede, c’è la situazione Donnarumma. Il portiere classe ’99 ha condannato i suoi alla sconfitta a causa di un’uscita scellerata e il dilemma è questo: può un portiere come lui commettere ancora errori così grossolani? Ormai Gigio è un titolare nel club da ben 3 anni, è diventato titolare in nazionale e guadagna 6 milioni a stagione come un top player, ma spesso commette ancora errori importanti. È possibile un periodo di panchina con Reina al suo posto?

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio Internazionale

Dramma in Bordeaux-Guingamp: Elis è in coma farmacologico

Pubblicato

:

Alberth Elis Bordeaux Ligue 1

Al 10′ di gioco di Bordeaux-Guingamp, partita valida per il 26° turno della Ligue 2 – la serie B francese – 2023/24, il mondo si è fermato. In quel momento sono cresciute paura ed apprensione per Alberth Elis. Lala destra honduregna classe 1996 dopo uno scontro di gioco con Donatien Gomis del Guingamp, ha riportato un trauma cranico.

Le condizioni del calciatore sono diventate critiche col passare delle ore, come anche dichiarato dal club. Infatti il calciatore è stato portato fuori dal campo in barella, per poi essere trasportato al Pellegrin, un ospedale situato a Bordeaux. In quel momento era cosciente. Poi però le sue condizioni si sono aggravate, tanto che i medici hanno escluso la prima ipotesi di frattura facciale e lo hanno messo in coma farmacologico.

Nel mentre Elis lottava tra la vita e la morte, la sfida continuava il proprio corso. Il Bordeaux ne esce vincitore da essa. La sfida si è conclusa col risultato di 1-0. A segnare il gol decisivo è stato al 40′, Žan Vipotnik. Con questa vittoria, i girondini raggiungono proprio il Guingamp in classifica. Infatti ambedue le squadre si trovano a pari punti in 11ª posizione, assieme anche al Paris FC, che ieri ha pareggiato 0-0 contro il Rouen. 

Il Bordeaux però, assieme a tutti i suoi sostenitori, guardano meno la classifica ma monitorano anche loro le condizioni di Alberth Elis, sperando che migliorino.

Continua a leggere

Flash News

Buongiorno sta per tornare: “Ci siamo quasi, torno presto”

Pubblicato

:

Alessandro Buongiorno Torino Serie A Coppa Italia

Alessandro Buongiorno ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Il difensore del Torino, capitano dei granata, è attualmente infortunato alla spalla. Ma sta svolgendo delle terapie, nel segno di una vera e propria corsa contro il tempo per recuperare e tornare in campo al più presto. Nel frattempo, si racconta alla Rosea.

LE PAROLE DI BUONGIORNO

MOMENTO PIU’ BELLO – “Il momento più bello, più intenso della mia esperienza qui al Toro è stato quando, a Superga, il capitano Rodriguez mi ha detto che avrei letto io i nomi dei giocatori, delle vittime di quella tragedia. In quel momento ho vissuto il punto più alto di un’appartenenza che sento molto. Essere del Torino non è come essere di un’altra squadra, con tutto il rispetto. Noi siamo stati grandi, abbiamo vinto molto, ma abbiamo anche sofferto tanto. Il fato si è accanito con noi cancellando dalla faccia della terra la squadra più forte di quel tempo, quella di capitan Mazzola, e poi il giocatore più significativo, più simbolico, degli anni Sessanta, Gigi Meroni. Noi siamo dolore e gioia, siamo tragedia e festa. Noi siamo il Torino. Mentre leggevo quei nomi, sentivo il peso e l’onore di questa identità”

RINNOVO – “Abbiamo parlato molto in quei giorni, il presidente Urbano Cairo e io, e ci è sembrato che restare fosse la scelta più giusta. Per me e spero anche per la squadra. Io qui sto bene, sono contento. Noi sappiamo di dover far leva sul collettivo, sul senso di squadra. Siamo un’orchestra, non un gruppo di solisti”.

RITORNO DALL’INFORTUNIO – “Ci siamo quasi, torno presto. L’infortunio alla spalla per fortuna mi ha consentito comunque di allenare le gambe, di correre. Ma non ce la faccio più. Durante le terapie ogni tanto ho calciato una palletta di gomma. Mi manca il campo, stare con i compagni e tornare a giocare”

Continua a leggere

Flash News

Le probabili formazioni di Milan-Atalanta: torna Leao titolare

Pubblicato

:

Rafael Leao, calciatore del Milan - Serie A, Coppa Italia, Champions League, Europa League

LE PROBABILI FORMAZIONI DI MILAN-ATALANTA – A chiudere la domenica di Serie A, ci sarà la sfida Milan-Atalanta. La sfida è valevole per il 26° turno di Serie A 2023/24 ed in ballo c’è un posto per accedere alla prossima edizione della Champions League. Fischio di inizio previsto per le ore 20:45.

QUI MILAN

Il Milan, terzo in classfica con 52 punti raccolti, vorrà tornare alla vittoria in campionato dopo lo stop esterno subito contro il Monza nel turno precedente. Rispetto alla sfida contro il Monza, l’allenatore rossonero Stefano Pioli cambia molte unità.

La difesa dovrebbe modificarsi di due sole unità. Si tratta del ballottaggio a destra tra Calabria e Florenzi col primo favorito sul secondo; ma anche dei dubbi su chi affiancherà Gabbia. A contendersi quel posto ci saranno Thiaw e Kjaer. 

A centrocampo ballottaggio tra Adli e Bennacer, al fianco di Reijnders. Invece cambierà profondamente, rispetto alla sfida del U-Power Satdium, il reparto offensivo. Loftus-Cheek unico confermato, al suo fianco ci saranno Pulisic e Leao. I tre sosterranno la punta Giroud, che sostituirà lo squalificato Jovic.

QUI ATALANTA

L‘Atalanta è in un momento positivo. Stasera la Dea vorrà ottenere la sesta vittoria consecutiva così da rimanere ancora in gioco per conquistare il 4° posto, che le consentirebbe un posto per la prossima Champions League.

Gian Piero Gasperini procede per il mantenimento di 9/11 della squadra che ha giocato titolare contro il Sassuolo settimana scorsa. Dovrebbero cambiare infatti, solo l’esterno a sinistra, dove Ruggeri sembra in vantaggio su Zappacosta, ed una pedina a centrocampo, perchè chi affiancherà Ederson sarà molto probabilmente il rientrante Marten De Roon.

Ancora titolare l’ex della sfida, Charles De Keteleare, che giocherà come prima punta. Alle sue spalle, il solito Koopmeiners e Miranchuk. Panchina, quindi, per Scamacca. Così come non ci sarà Lookman, ancora in ripresa dalle fatiche di Coppa d’Africa.

LE PROBABILI FORMAZIONI

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Thiaw, Gabbia, Theo Hernandez; Reijnders, Bennacer; Pulisic, Loftus-Cheek, Leao; Giroud. All. Stefano Pioli

ATALANTA (3-4-1-2): Carnesecchi; Scalvini, Djimsiti, Kolasinac; Holm, De Roon, Ederson, Ruggeri; Koopmeiners, Miranchuk; De Ketelaere. All. Gian Piero Gasperini

Continua a leggere

Flash News

Le probabili formazioni di Lecce-Inter: out Sommer giocherà Audero

Pubblicato

:

Emil Audero portiere Inter Serie A Coppa Italia Champions League

LE PROBABILI FORMAZIONI DI LECCE-INTER – Allo Stadio Via del Mare, il Lecce ospiterà la capolista Inter. La sfida valevole per la 26 giornata di campionato, si giocherà oggi alle ore 18:00.

QUI LECCE

Dopo 25 partite il Lecce è 13° in classifica ed ha raccolto solamente 24 punti, frutto di 5 vittorie, 9 pareggi ed 11 sconfitte. I salentini non vincono dal 2 febbraio, dalla sfida contro la Fiorentina. Nelle ultime due partite giocate, contro Bologna e Torino, sono arrivate due sconfitte, con 6 reti subìte e 0 segnati.

Roberto D’Aversa per la sfida contro i nerazzurri è pronto a cambiare l’undici titolare visto nell’ultima sfida contro il Torino. Il modulo sarà sempre il 4-3-3, ma con cambi in tutti i reparti. In difesa, vista le squalifiche di Pongracic e Dorgu, spazio a Touba e Gallo. Il primo affiancherà Baschirotto che, anche se fino a ieri era influenzato, dovrebbe ugualmente farcela. Cambiano 2/3 del centrocampo. Al fianco di Ramadani, confermato, ci dovrebbero essere Kaba e Joan Gonzalez.

In attacco, soprattutto, cambia ancora il vertice centrale che riceverà sostegno da Almqvist ed Oudin. Al posto di Piccoli, infatti, ci sarà Krstovic. Da segnalare che tra i convocati di D’Aversa rispunta il nome di Lameck Banda, che però partirà dalla panchina.

QUI INTER

L’Inter è una schiacciasassi quest’anno. In 24 partite, con ancora una da recuperare, ha ottenuto la bellezza di 63 punti. I nerazzurri, in questo 2024, non hanno mai perso o pareggiato e sicuramente oggi vorranno continuare su questo trend.

Simone Inzaghi opterà oggi per un po’ di turnover, essendo che la squadra, martedì, ha giocato un ottavo di finale di Champions League. Non cambierà il modulo, ma molti uomini in campo sì. Innanzitutto, oggi a difendere i pali del Biscione ci sarà Emil Audero e non Yann Sommer, rimasto a Milano. Difesa a 3 con Bisseck, De Vrij, che ha giocato anche la precedente sfida contro la Salernitana, e Carlos Augusto. 

Rispetto a quanto visto contro la Salernitana, il centrocampo varierà di sole due unità. Infatti al posto di Barella giocherà Frattesi, mentre sull’esterno di sinistra, al posto di Carlos Augusto giocherà Federico Dimarco. 

In attacco ad affiancare Lautaro Martinez, molto probabilmente ci sarà Alexis Sanchez, al posto dell’infortunato Marcus Thuram. Ma attenzione sia a Marko Arnautovic, in fiducia dopo il gol all’Atletico, sia alla “doppia sostituzione“: cileno e austriaco entrambi in campo in Lecce-Inter, con un turno di riposo per capitan Lautaro.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI LECCE-INTER

LECCE (4-3-3): Falcone; Gendrey, Baschirotto, Touba, Gallo; Kaba, Ramadani, Gonzalez J.; Almqvist, Krstovic, Oudin. All. D’Aversa

INTER (3-5-2): Audero;  Bisseck, De Vrij, Carlos Augusto; Dumfries, Frattesi, Calanhoglu, Mkhitaryan, Dimarco; Lautaro, Sanchez. All. Inzaghi.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969