Connect with us

Generico

Top e Flop del weekend

Pubblicato

:

Il weekend si è da poco concluso nel segno della tristezza per l’improvvisa scomparsa di Kobe Bryant in seguito ad un tragico incidente in elicottero. Un ricordo speciale va dunque a lui, campione della NBA ed esempio sportivo a livello mondiale. Nel 1991 i Queen cantavano The show must go on e, seppur mestamente, non si può che dargli ragione. Non resta dunque che analizzare un fine settimana calcistico che ha dispensato conferme e sorprese.

TOP

(S)ANTE REBIĆ

Fonte immagine: profilo Instagram @anterebic

Il Milan inanella la terza vittoria consecutiva in campionato. Nonostante una prestazione sottotono, i rossoneri riescono comunque a portare a casa i 3 punti sull’ostico campo del Rigamonti di Brescia. Gol vittoria siglato da un Ante Rebić versione Re Mida. Dopo la doppietta all’Udinese, è ancora il croato a decidere il match entrando dalla panchina. Il numero 18 del Milan, a causa del suo scarso impiego nella prima parte di stagione, ha ora una media di un gol ogni 84 minuti. Dato che fa sorridere Pioli che trovato ha un’arma in più quando le partite non sembrano prendere i giusti binari. Tre reti consecutive che portano 6 punti importantissimi per la squadra di Pioli per morale e classifica. Ora il quarto posto, occupato dalla Roma, dista 8 punti.

LO SHOW DI JOSIP ILIČIĆ

La serata tennistica dell’Atalanta è stata illuminata dalle magie del suo attaccante Josip Iličić. Una tripletta memorabile rifilata al Torino di Mazzarri. Il secondo gol è da cineteca: lo sloveno sfrutta la disattenzione dei granata che lasciano il pallone fermo a metà campo a causa di un fallo fischiato; il fantasista orobico vede Sirigu fuori dai pali e calcia immediatamente segnando una rete pazzesca da distanza siderale. Una giocata davvero pregevole che ha impreziosito la prestazione sontuosa della squadra di Gasperini. Sono 13 gol per Iličić, dietro solo al trio Immobile-Lukaku-Ronaldo. Eccezionale.

GENERAZIONE Z

Torna alla vittoria il Parma che al Tardini piega l’Udinese per 2-0. Ancora una volta a segno Dejan Kulusevski: si tratta del 5º gol in Serie A per la promessa che passerà alla Juve a giugno. Questa rete permette allo svedese di entrare nella classifica dei giocatori con almeno 5 gol all’attivo nei top 5 campionati europei. Non male all’età di 19 anni considerando il fatto che più giovane di lui c’è solo sua maestà Erling Håland. Il norvegese ci ha messo solo due presenze, 59 minuti per la precisione, per mettere a segno una tripletta e una doppietta guadagnandosi il rispetto dei suoi nuovi tifosi. Subentrato al 65′ contro il Colonia, l’ex Salisburgo ha dato ancora spettacolo affossando gli ospiti e chiudendo il match sul 5-1. Devastante da quando è a Dortmund. Goleada anche per il Manchester United in FA Cup. Tra le 6 reti dei red devils figura anche quella di Mason Greenwood, attaccante classe 2001che raggiunge quindi quota 10 gol stagionali. La nuova generazione dà spettacolo, futuro assicurato.

RINASCITA PARTENOPEA

Fonte immagine: profilo Instagram @lorinsigneofficial

Già in Coppa Italia contro la Lazio c’erano stati segnali positivi. La partita di ieri del Napoli che batte 2-1 la Juventus ne è stata la conferma. La squadra di Gennaro Gattuso è rinata. Sono bastati 180′ per invertire la rotta. Non è un caso che il momento positivo sia passato da Lorenzo Insigne. Due gol nelle ultime due, un rapporto ricucito con il San Paolo tanto da convertire i fischi di una decina di giorni fa in fragorosi applausi. Il numero 24 degli azzurri ha chiuso ieri il match contro i rivali torinesi. Una grande beffa per l’ex Sarri che non sfrutta lo stop dell’Inter e torna alla Continassa ridimensionato. Esce invece tra i festeggiamenti la squadra di Ringhio che, per la prima volta, ha fatto vedere l’essenza grintosa e combattiva del suo allenatore fermando la capolista nonostante le 6 sconfitte consecutive negli ultimi match interni. La Zona Champions dista ancora 12 punti ma l’iniezione di fiducia può essere determinante. Tra poco meno di un mese sotto il Vesuvio arriverà il Barcelona e il Napoli dovrà farsi trovare pronto.

FLOP

PRIMO STOP PER SETIEN

Fonte immagine: profilo Instagram @fcbarcelona

Dopo la buona partenza con il Granada e l’insidiosa trasferta di coppa a Ibiza, il nuovo Barça di Quique Setien impatta contro un Valencia molto organizzato e capace di colpire al momento giusto. Il risultato finale recita 2-0 per la squadra ben orchestrata da Celades. Un risultato che, per quanto si è visto in campo, poteva anche essere più rotondo. Nel primo tempo soprattutto, quando Ter Stegen ha compiuto diversi interventi decisivi che hanno tenuto a galla i suoi. Il rigore parato a Maxi Gómez è solo uno dei miracoli del portiere tedesco. Il meccanismo blaugrana è apparso ancora in fase di rodaggio specie in fase di costruzione dove i catalani hanno subito il pressing del Valencia. Nel secondo tempo Maxi Gómez decide di farsi perdonare e prima provoca un autorete sfortunata di Jordi Alba e poi insacca il raddoppio. Difficoltà anche nella reazione emotiva della squadra di Setien che è sembrata spenta ad eccezione del solito Messi. La pulga ha provato a caricarsi tutta la squadra sulle spalle ma il risultato era ormai compromesso. Indicazioni importanti escono da questo match che vedeva affrontarsi le prossime avversarie europee di Atalanta e Napoli. Un Valencia ordinato e capace di mettere in difficoltà chiunque. Un Barcelona che fatica a trovare l’alchimia ma potrebbe essere solo questione di tempo.

DISASTRO GRANATA

Definire altalenante il rendimento del Torino sarebbe alquanto scontato. Ma la sconfitta di sabato contro l’Atalanta ha alimentato un malcontento generale che aleggia sulla squadra da qualche stagione. Subire 7 reti in casa è quasi un’umiliazione nonostante la Dea quest’anno abbia rifilato goleade anche a Milan e Parma. Il Torino è sembrato quasi senza uno scopo da raggiungere. I tifosi recriminano a Mazzarri errori nella scelta della formazione ma è chiaro che anche dal punto di vista motivazionale la squadra ha qualche deficit. Tutti i problemi sono venuti a galla nel match con la formazione nerazzurra e il risultato è stato impietoso. L’allenatore toscano ha annunciato il ritiro per preparare il match di Coppa Italia con il Milan a San Siro. Occasione di riscatto o debacle definitiva?

MIRACOLO SHREWSBURY

Fonte immagine: profilo Instagram @shrewsburytown

Il fascino della FA Cup è noto ai più. In questa competizione può accadere di tutto, per esempio una squadra di terza divisione può fermare la capolista della Premier League. È quanto successo al Shrewsbury Town, sotto 0-2 al termine della prima frazione di gioco contro un Liverpool in modalità turnover. Nel secondo tempo l’orgoglio dei padroni di casa è emerso e, con una doppietta dello scozzese Jason Cummings, hanno agguantato un pareggio insperato. Si può quasi parlare di miracolo sportivo e ciò non può che lusingare la società e i tifosi del Shrewsbury. Nel finale Klopp ha provato vanamente a riportare la partita verso i reds inserendo Oxlade-Chamberlain, Salah e Firmino. Nulla da fare, i cadetti hanno resistito e hanno conquistato il Replay. E chissà che non possa continuare il sogno, Klopp ha annunciato che giocherà l’Under 23 per concedere un periodo di riposo invernale alla squadra tanto che anche lui non sarà in panchina in questo “spareggio”.

(Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @lorinsigneofficial)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Salernitana-Bakayoko, affare complicato: la situazione

Pubblicato

:

Bakayoko

Molte squadre stanno approfittando della sosta Mondiali per sondare il terreno in vista della sessione invernale di calciomercato; la Salernitana starebbe pensando a Bakayoko, in partenza dal Milan.

Quello del centrocampista francese sarebbe il primo nome in cima alla lista degli esuberi e il club rossonero starebbe cercando di piazzarlo. A tal proposito, ci sarebbe stata una prima chiacchierata informativa con il ds dei granata Morgan De Sanctis. Le intenzioni della Salernitana sono chiare: la trattativa può andare in porto soltanto con un’eventuale cessione di Coulibaly o con l’ingaggio del centrocampista a carico del Milan. 

Bakayoko, quest’anno, non è mai sceso in campo. Il club campano rifletterà sulla proposta ma al momento sembrano non sussistere le condizioni necessarie affinchè la trattativa si concretizzi.

 

Continua a leggere

Flash News

Dida a 360 gradi: “Con l’Ajax la parata più bella; Ibra e Vieri gli attaccanti più forti mai sfidati”

Pubblicato

:

Ibrahimovic

Nelson Dida, ex portiere del Milan e attuale preparatore dei portieri, si è raccontato ai canali ufficiali della società durante la Milano Games Week.

L’ex portiere brasiliano si è espresso a 360 gradi, cominciando dagli attaccanti più forti affrontati:

Vieri e Ibra sono fra gli attaccanti più forti che ho affrontato, giocatori che possono risolvere una partita da soli”.

Poi su Maignan:

Mike è un amico ed è venuto al Milan con l’idea di vincere, e ha vinto subito. Faceva di tutto per migliorarsi in allenamento ed è cresciuto veramente tanto. Può crescere tanto e su tutto. Non aveva fatto tanto in senso di preparazione, ma il Milan ha tutto può far crescere questi ragazzi”.

Dida ha poi fatto un salto nel passato:

“Ho avuto una bellissima storia nel Milan, ho vinto due Champions e un campionato. Ho fatto tanto e sono soddisfatto. Serginho era mio amico, lui abita qua a Milano e quindi siamo sempre assieme. Abbiamo questa amicizia da quasi 20 anni”.

Infine sulla parata più bella:

Quella con l’Ajax, me la ricordo tanto, mi sono anche fatto male. Ho fatto il massimo che potevo e mi sono strappato un muscolo della schiena”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Rodri commenta il suo nuovo ruolo: “Da centrale mi trovo bene”

Pubblicato

:

Delph

Al termine del match contro la Germania, il centrocampista spagnolo Rodri ha parlato ai microfoni di La1.

Il calciatore del Manchester City si è soffermato sul suo nuovo ruolo di difensore centrale:

“Cerco di imparare ogni giorno, è un ruolo diverso ma mi trovo bene con i miei compagni. Capisco il ruolo e l’importanza che devo dare alla squadra”.

Poi, sulla partita:

Sul gol potevamo fare meglio, ma Musiala è stato anche fortunato sul rimbalzo. Sapevamo che sarebbe stato complicato: i tedeschi sono molto forti, ma abbiamo giocato bene e preso un punto che ci permette di arrivare alla sfida col Giappone con le massime garanzie”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Luis Enrique post Spagna-Germania: “Abbiamo cercato di fare il nostro gioco”

Pubblicato

:

Luis Enrique

Al termine di Spagna-Germania, il tecnico spagnolo Luis Enrique ha analizzato il match ai microfoni della RAI, commentando il pareggio maturato tra le due Nazionali.

L’ex allenatore di Barcellona e Roma ha dichiarato:

“Oggi è stata una partita molto difficile, i tedeschi giocano bene e pressano forte. Abbiamo cercato di fare il nostro gioco, abbiamo fatto degli errori sul risultato di 1-0. Siamo contenti perché siamo primi nel girone ma non abbiamo ancora fatto nulla”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969