Connect with us
Torino-Hellas Verona, le pagelle del match: Miranchuk risponde a Djuric

La nostra prima pagina

Torino-Hellas Verona, le pagelle del match: Miranchuk risponde a Djuric

Pubblicato

:

Torino-Hellas Verona, le pagelle del match

TORINO-HELLAS VERONA: LE PAGELLE DEL MATCH – Quest’oggi la Serie A è tornata in campo con il sedicesimo turno. Allo Stadio Olimpico Grande Torino è andata in scena la sfida tra Torino ed Hellas Verona. Ivan Juric ha ritrovato di fronte la sua ex squadra, alla prima di Marco Zaffaroni, il nuovo allenatore. La partita è terminata 1-1: il vantaggio iniziale di Djuric è stato raggiunto da una prodezza di Miranchuk.

PAGELLE TORINO

Milinkovic Savic 5.5: verso la fine della prima frazione rischia molto sul pressing di Kallon. I suoi lunghi lanci sono una chiara strategia organizzata da Juric, ma la precisione è da rivedere.

Djidji 5.5: in occasione della rete di Djuric, che ha sbloccato il match, non è esente da colpe. Per il resto gioca una partita anonima, macchiata da qualche sbavatura.

Schuurs 6.5: non è impeccabile in occasione della rete di Djuric, ma la sua presenza è fondamentale negli equilibri della squadra. In fase difensiva spesso rompe la linea per aggredire gli avversari nella metà campo avversaria, mentre in fase di costruzione, le azioni molto spesso passano per i suoi piedi. Il suo rendimento è decisamente migliorato nel secondo tempo, ma prende un’ammonizione evitabile.

Rodriguez 6: la classica prestazione senza infamia e senza lode. Svolge egregiamente i suoi compiti.

Lazaro 6.5: tanta corsa ed accompagnamento, ma la squadra arriva poco dalle sue parti. Con una pericolosa serpentina riesce a penetrare tra le maglie dell’Hellas Verona, ma la conseguente conclusione è ribattuta.

Lukic 5: ritmi bassi ed errori sistematici nella fase di costruzione. Non riesce a trovare le imbucate o i movimenti giusti. A pochi secondi dalla fine del match, su un’uscita rischiosa di Montipò, di testa non centra la porta.

Ricci 6: lavoro tattico importante. Funge da metronomo della squadra quando si abbassa al fianco di Schuurs, quando i due braccetti difensivi si alzano. (dall’89’ Linetty 6: gioca pochi minuti ma riesce a rendersi pericoloso in un paio di circostanze, sfruttando la sua freschezza per trovare spazi nella chiusa difesa avversaria).

Vojvoda 6.5: la sua intraprendenza è una costante per gli sviluppi offensivi della sua squadra. Taglia spesso in profondità per sorprendere i difensori avversari, dà ampiezza alla squadra, percorrendo con costanza la fascia destra, crossando più volte con entrambi i piedi.

Miranchuk 7: prima della rete la sua prestazione è stata opaca. Tuttavia, la sua prodezza mancina dalla distanza regala il pareggio al Torino: potenza e precisione nella sua conclusione, imparabile per Montipò.

Vlasic 6: i suoi movimenti da falso nueve attestano una straordinaria abnegazione per la causa, tuttavia ha ricevuto poco accompagnamento dai compagni di squadra.

Radonjic 5.5: il suo approccio al match è positivo, ma cala progressivamente con il passare dei minuti. I suoi dribbling ed i suoi guizzi vengono contenuti bene dai difensori scaligeri. (dal 65′ Sanabria 5.5: troppo statico. L’attaccante finisce per giocare troppo isolato dai compagni di squadra, partecipando poco al palleggio).

 PAGELLE HELLAS VERONA

Montipò 5.5: incolpevole sul gran gol di Miranchuk. Nei minuti finali esce a vuoto su un traversone di Lazaro, per sua fortuna viene graziato da Lukic.

Ceccherini 6.5: puntuale ed attento nelle chiusure difensive. La sua fisicità risulta importante per contenere gli attacchi del Torino.

Hien 6.5: gestisce adeguatamente il posizionamento della linea difensiva, annullando prima Vlasic, poi Sanabria.

Dawidowicz 6: prestazione ordinata anche per il centrale polacco.

Doig 5.5: qualche errore dovuto a disattenzioni macchia una prestazione tutto sommato ordinata. Da un suo traversone nasce una clamorosa occasione sprecata da Lazovic.

Sulemana 6.5: solidità ed attenzione caratterizzano la sua prova nella fase di non possesso. Quando l’Hellas Verona era in possesso palla si mette in mostra con precise e profonde verticalizzazioni. (dal 71′ Ilic 6: rientra in campo dopo una lunga assenza. Impatto ordinato e positivo, ma non esaltante).

Tameze 6: la sua prestazione è caratterizzata da solidità, compattezza, fisicità e tanta corsa. Il suo pressing è un costante fastidio per il giro palla del Torino, ma riesce poco ad incidere nella fase di possesso.

Depaoli 6.5: buona prestazione in fase di contenimento. Attento e puntuale nell’uno contro uno contro gli uomini offensivi avversari. Nel secondo tempo si rende pericoloso con un colpo di testa terminato sul fondo. (dall’86’ Hrustic s.v.).

Lazovic 5.5: il suo posizionamento sulla trequarti non dà punti di riferimento agli avversari, ma spesso non risultano funzionali alla manovra dei suoi. Da un suo preciso calcio d’angolo nasce la rete di Djuric. Poco dopo il pareggio del Toro, ha l’occasione di riportare in vantaggio l’Hellas Verona, ma sbaglia clamorosamente da distanza ravvicinata. (dall’80’ Terracciano s.v.).

Kallon 5.5: caparbio e determinato, si mette in mostra sia con un feroce pressing, sia nelle ripartenze dei suoi. Nonostante un atteggiamento encomiabile, non riesce ad essere impattante. (dal 71′ Verdi 6: l’ex di giornata prova a mettersi in mostra con qualche dribbling, ma trova pochi spazi).

Djuric 6.5: in seguito ad un primo tempo in cui ha battagliato con la retroguardia del Torino con il gioco di sponda, ha portato in vantaggio gli ospiti con un poderoso colpo di testa sugli sviluppi di un corner.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La nostra prima pagina

Juve Stabia, parla Lucenti: “Non era facile preparare la gara! Merito dei ragazzi”

Pubblicato

:

Juve Stabia

Ieri la Juve Stabia ha ottenuto un’importante vittoria sul campo della Viterbese. La rete di Andrea Silipo ad inizio partita ha deciso l’incontro. Sulla panchina del club di Castellammare di Stabia sedeva Giorgio Lucenti, vice del dimissionario Leonardo Colucci, in attesa del nuovo tecnico. Al termine del match, ha rilasciato queste dichiarazioni in conferenza stampa.

RISULTATO IMPORTANTE – “Nelle ultime prestazioni non è arrivato il risultato e oggi era importante farlo. I ragazzi hanno dato quantità e qualità. Il merito è tutto dei ragazzi perché in due giorni non ho potuto passare niente a loro. Non era facile preparare la gara”.

ALTOBELLI A CENTROCAMPO – “Ho deciso di far giocare Daniele Altobelli da regista ieri perchè volevo più esperienza in mezzo al campo, non perché Maselli non meritasse”.

PRESTAZIONE – “I ragazzi hanno continuato a fare quello che facevano in fase difensiva già prima ma sono stati bravi innanzitutto gli attaccanti a fare la prima pressione. Qualche rischio lo abbiamo corso ma nel secondo tempo abbiamo controllato bene e abbiamo anche rischiato di fare il secondo gol. Barosi è pronto anche per categorie superiori. Pandolfi ha fatto una gara di grande sacrificio e ha retto bene il confronto. Gli è mancato il gol ma è andato bene”.

Continua a leggere

Flash News

In Serie C finisce 0-0 fra Taranto e Gelbison, ma si attende un ricorso: la situazione

Pubblicato

:

Aquila Montevarchi

Nella giornata di ieri è andata in scena la sfida fra Taranto e Gelbison, valida per la 24a giornata del Girone C di Lega Pro. La partita è terminata con un pareggio a reti inviolate, ma il risultato potrebbe essere ribaltato. I pugliesi infatti faranno ricorso per un episodio avvenuto prima del fischio d’inizio.

Come riportato da Alfredo Pedullà infatti, un giocatore del club campano ha presentato, durante la procedura di riconoscimento, una fotocopia del proprio documento di identità, prendendo poi regolarmente parte al match. Questo però è contrario all’art. 71 delle NOIF (Norme Organizzative Interne della FIGC).

Se il reclamo dovesse essere accolto, il Taranto potrebbe vincere la partita 3-0 a tavolino, anche se ancora non è chiaro il motivo per cui il direttore di gara non abbia bloccato il calciatore. I due club sono in attesa di importanti aggiornamenti, ma la situazione è già di per sé al limite del paradosso.

Continua a leggere

Calciomercato

Il tabellone del calciomercato di gennaio di Serie A con acquisti e cessioni

Pubblicato

:

acquisti e cessioni

IL TABELLONE DEL MERCATO DI GENNAIO – Lunedì 2 si è ufficialmente aperta la sessione invernale di calciomercato 2023 che ci accompagnerà per tutto il mese di gennaio. Fino alle ore 20:00 di martedì 31 le 20 squadre di Serie A saranno infatti impegnate nelle trattative della campagna trasferimenti, volte a puntellare le rose in vista della seconda parte di stagione.

In questo spazio vi proponiamo tutti gli acquisti e le cessioni ufficiali dei club della massima serie italiana.

ATALANTA

ACQUISTI:

CESSIONI:

Malinovskyi (c, Marsiglia)

BOLOGNA

ACQUISTI:

CESSIONI:

Breza (p, Carrarese – p.)

CREMONESE

ACQUISTI:

A. Ferrari (d, Sampdoria – p.)

Benassi (c, Fiorentina – p.)

CESSIONI:

Baez (a, Frosinone – p.)

EMPOLI

ACQUISTI:

Caputo (a, Sampdoria)

CESSIONI:

Lammers (a, Sampdoria – p.)

Crociata (c, Cittadella – p.)

FIORENTINA

ACQUISTI:

Sirigu (p, Napoli)

Brekalo (a, Wolfsburg – def.)

CESSIONI:

Gollini (p, Napoli)

Maleh (c, Lecce – def.)

Zurkoswki (c, Spezia – p. o.)

Benassi (c, Cremonese – p.)

HELLAS VERONA

ACQUISTI:

Zeefuik (d, Hertha Berlino)

Braaf (a, Borussia Dortmund)

Ngonge (a, Groningen)

Duda (c, Colonia – p.)

CESSIONI:

Cortinovis (c, Cosenza – p.)

INTER

ACQUISTI:

CESSIONI:

F. Carboni (d, Monza)

JUVENTUS

ACQUISTI:

CESSIONI:

LAZIO

ACQUISTI:

CESSIONI:

Kamenovic (d, Sparta Praga – p.)

LECCE

ACQUISTI:

Maleh (c, Fiorentina – p.)

Cassandro (d, Cittadella – def.)

Kljun (a, Tabor Lezana – def.)

CESSIONI:

MILAN

ACQUISTI:

Vasquez (p, Guarani – def.)

CESSIONI:

MONZA

ACQUISTI:

F. Carboni (d, Inter)

CESSIONI:

Siatounis (c, Virtus Entella – def.)

NAPOLI

ACQUISTI:

Bereszynski (d, Sampdoria – def.)

Gollini (p, Fiorentina)

CESSIONI:

Zanoli (d, Sampdoria – p.)

Contini (p, Reggina – p.)

Sirigu (p, Fiorentina)

ROMA

ACQUISTI:

Solbakken (a, Bodo Glimt – def.)

CESSIONI:

Villar (c, Getafe – p)

Shomurodov (a, Spezia – p)

SALERNITANA

ACQUISTI:

Crnigoj (c, Venezia – p.)

Ochoa (p, América, def.)

Nicolussi Caviglia (c, Juventus – p.)

Troost Ekong (d, Watford – p.)

CESSIONI:

Micai (p, Cosenza – def.)

SAMPDORIA

ACQUISTI:

Lammers (a, Empoli – p.)

Nuytinck (d, Udinese – def.)

Zanoli (d, Napoli – p.)

Turk (p, Reggiana – p.)

CESSIONI:

Caputo (a, Empoli – p. o.)

A. Ferrari (d, Cremonese – p.)

Bereszynski ( d, Napoli – def.)

Villar (c, Roma – f.p.)

Verre (c, Palermo – p.)

SASSUOLO

ACQUISTI:

CESSIONI:

SPEZIA

ACQUISTI:

Joao Moutinho (d, Orlando City – def.)

Wisniewski (d, Venezia – def.)

Salvatore Esposito (c, Spal – def.)

Zurkowski (c, Fiorentina – p. o.)

Marchetti (p, svincolato)

Cipot (c, NS Mura – def.)

Krollis (a, Valmiera – def.)

Shomurodov (a, Spezia – p)

CESSIONI:

Aurélien Nguiamba (c, Jagiellonia Bialystok – p.)

Kiwior (d, Arsenal – def.)

Sher (c, Groningen – p.)

TORINO

ACQUISTI:

CESSIONI:

UDINESE

ACQUISTI:

Diawara (a, Genk)

Matheus Martins (a, Fluminense – , arriverà a luglio 2023)

Lozza (a, Atalanta –  def.)

CESSIONI:

Nuytinck (d, Sampdoria – def.);

Matheus Martins (a, Watford – p.)

Jajalo (c, Venezia – def.)

Continua a leggere

La nostra prima pagina

Solo Napoli – La rassegna del Diez

Pubblicato

:

rassegna

La rassegna stampa è senza alcun dubbio il miglior modo per iniziare la giornata. Ecco quindi le prime pagine dei principali quotidiani sportivi nazionali e internazionali per la giornata di oggi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

CORRIERE DELLO SPORT

TUTTOSPORT

QS QUOTIDIANO SPORTIVO

MARCA

AS

MUNDO DEPORTIVO

L’ESPORTIU

MIRROR SPORT

L’EQUIPE

RECORD

A BOLA

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969