Connect with us
Tornare dalla Cina più forti di prima

Generico

Tornare dalla Cina più forti di prima

Pubblicato

:

Lo sviluppo e la crescita del calcio in Cina, e in generale in Oriente, è passato inevitabilmente attraverso l’acquisto di giocatori di grido dall’Europa, in grado di portare visibilità e competitività ad un campionato ancora distante anni luce da quelli sudamericani o del Vecchio Continente. I calciatori che hanno deciso di volare in Cina sono stati e, probabilmente saranno, tantissimi. Il biennio 2016-2018, ad esempio, ha visto arrivare nella Chinese Super League una quantità industriale di calciatori stranieri, allettati da stipendi da capogiro, che ha costretto la federazione cinese, su richiesta del Governo, di limitare il numero di stranieri a 4 per ogni squadra, nel tentativo di trovare il giusto equilibrio tra farsi pubblicità – grazie alla presenza dei top player provenienti dall’Europa – e la formazione di talenti locali in vista di una rinascita anche della Nazionale cinese.

(Fonte: profilo Twitter AFC Champions League)

In realtà le cose non sono andate proprio in questo modo. La Nazionale cinese, nonostante la presenza di Marcello Lippi in panchina, non ha trovato quella continuità auspicata all’inizio del progetto. E anche la qualità dei calciatori cinesi non è mai stata così elevata, tant’è che negli ultimi giorni, a tal proposito, si è virati sulla decisione di naturalizzare alcuni giocatori, come Elkeson, attaccante brasiliano che gioca in Cina dal 2013.

CONTRO ESODO

Se da una parte è innegabile che sempre più calciatori hanno deciso di giocare in Cina, non ultimi due grandi protagonisti della Serie A come Hamšík e El Shaarawy, dall’altro lato è evidente come da un paio di mesi a questa parte si è andati incontro ad un contro esodo di calciatori che per svariati motivi hanno preferito rinunciare al “dio denaro” e di ritornare protagonisti in Europa.

Witsel in compagnia di Hakimi e di Paco Alcacer mentre festeggiano la vittoria della Supercoppa tedesca.
(Fonte: profilo Twitter Axel Witsel)

Il primo nome fra tutti non può che essere Axel Witsel. La storia del centrocampista belga è sempre stata costellata da aneddoti e colpi di scena. Nel 2016, con il contratto in scadenza con lo Zenit – che lo aveva strapagato per portarlo via dal Benfica -, Witsel fu vicinissimo alla Juventus. Poi l’affare saltò e nel frattempo spuntò il Tianjin, offrendo uno stipendio astronomico, 18 milioni a stagione. Dopo un solo anno in Cina, però, il belga decide di far ritorno in Europa. Ed è stato lo stesso Witsel a raccontare il perché ai microfoni di Dazn in Germania.

“Mia figlia aveva una malattia dolorosissima all’intestino. Non potevamo recarci a Pechino, era troppo lontana. Siamo quindi andati in uno degli ospedali cinesi locali e la situazione era davvero surreale. Abbiamo preso un numeretto come se fossimo al supermercato e abbiamo aspettato 3 ore. Dissi a mia moglie che dopo i Mondiali in Russia saremmo tornati in Europa, i soldi sono importanti ma non danno la felicità.”

Witsel è tornato, dunque, in Europa e lo ha fatto con la maglia del Borussia Dortmund. La cosa più sorprendente, però, è che il centrocampista ammirato nella scorsa stagione con la maglia giallonera pare addirittura migliorato rispetto alle sue precedenti esperienze continentali. In Bundesliga la scorsa stagione Witsel ha messo a referto 4 gol e un assist in 33 presenze, risultando tra i più utilizzati della rosa oltre che uno dei migliori per rendimento. E anche all’esordio quest’anno, contro l’Augsburg, il trentenne belga ha confezionato due assist di pregevole fattura per Jadon Sancho e Julian Brandt nel 5-1 con il quale il Borussia Dortmund ha trionfato e conquistato i suoi primi tre punti.

I numeri della prima ottima stagione con la maglia del BVB.
(Fonte: profilo Twitter Axel Witsel)

Nella Ruhr Witsel sembra aver trovato la propria dimensione ideale, piazzandosi nel duo di metà campo affiancato dal giovane Weigl. Lucien Favre, tecnico con il quale ha instaurato un gran rapporto, lo ha fin da subito fatto sentire importante e Witsel ha risposto con prestazioni all’altezza delle aspettative. Che la Cina gli abbia fatto bene? Numeri alla mano, ovunque sia andato, l’ex centrocampista di Benfica e Standard Liegi ha sempre dimostrato grande professionalità e caratura tecnica. Il ritorno in Europa è stata una decisione ovviamente delicata ma che visti i risultati ha certamente risvegliato in lui l’amore per il calcio, quello vero.

RITORNI INASPETTATI

Sulla stessa cresta d’onda possiamo parlare di altri due giocatori che hanno vissuto un passaggio simile a quello di Witsel: Gervinho e Josè Fonte. Se però Witsel, al momento del trasferimento in Cina, era ancora un giocatore ambito da molti top club europei, lo stesso non si può dire per i due calciatori di cui sopra. Gervinho, come Josè Fonte, quando fu ceduto nel 2016 all’Hebei Fortune sembrava sul viale del tramonto. Troppo incostante, poco lucido sotto porta si diceva. Quando lo scorso agosto il Parma ha annunciato il suo ritorno nel Belpaese sembrava il classico colpo di grido di poca sostanza. E invece Gervinho è ritornata quella gazzella imprendibile che avevamo già conosciuto con la maglia della Roma.

(Fonte: profilo Twitter Gervinho)

In Cina un brutto infortunio ne aveva condizionato il rendimento. A Parma, invece, ha trovato un allenatore, D’Aversa, che ha costruito una squadra e un gioco sulle ripartenze e i contropiedi. Pane per i suoi denti. Nel corso della scorsa stagione i ducali hanno raggiunto una brillante salvezza e Gervinho, con 11 gol e 2 assist, è stato il vero trascinatore della formazione emiliana. Difficile pensare che in Cina abbia fatto fatica ad ambientarsi. È più facile pensare, invece, che gli stimoli e le motivazioni del campionato italiano non potessero competere con i milioni di euro che l’Hebei Fortune gli garantiva.

Lo stesso identico discorso si potrebbe fare per un comandante della difesa quale Josè Fonte. Dopo aver giocato per circa dieci anni in Inghilterra, nel 2017 il West Ham lo cede al Dalian Yifang. Sette presenze bastano per capire che non è il calcio di cui aveva bisogno. E allora ci pensa il Lille a riportarlo in Europa. In pochi minuti Josè Fonte accetta l’offerta dei francesi e si impone perno insostituibile della difesa dei vice campioni di Francia. Il baluardo difensivo del giovanissimo Lille di Pépé – 24 gol in campionato, acquistato a peso d’oro dall’Arsenal – è proprio il trentacinquenne portoghese che a Lille vive una seconda giovinezza.

QUANTA VOGLIA DI TORNARE

Quelli sopra citati non sono, tuttavia, gli unici casi di giocatori che andati via dalla Cina sono tornati più forti di prima. Paulinho, ad esempio, nel 2015 è stato acquistato dal Guangzhou Evergrande. Due anni dopo è tornato in Europa acquistato per 40 milioni dal Barcellona: 34 partite, 9 gol e la convocazione per Russia 2018.

(Fonte: profilo Twitter Paulinho)

La cosa strana è che dopo l’ottima esperienza catalana il Barça lo cede di nuovo al Guangzhou e ci ricava pure 50 milioni. Misteri del calciomercato. Nel frattempo il centrocampista brasiliano si è riscoperto goleador: ha segnato 13 reti lo scorso anno e 15 nel 2019.

Altro giro, altra corsa. Roger Martínez, classe ’94, attaccante colombiano. Da giovanissimo era una promessa del Racing de Avellaneda ma tra lo stupore generale nel 2016 va a giocare nel Jiangsu Sainty. In due anni segna 17 reti poi ritorna nel calcio che conta: prima Villareal – malino – e ora al Club América in Messico, 10 gol lo scorso anno. In estate è stato convocato per la Copa America e con la sua Colombia ha segnato un gol bellissimo all’Argentina. Insomma, a qualcuno la Cina ha fatto bene non solo al portafoglio.

(Fonte: profilo Twitter BVB)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Coppa Italia

Barak si gode la vittoria della sua Fiorentina: “Siamo stati bravi, contava solo vincere”

Pubblicato

:

Barak

La Fiorentina supera il Torino per 2-1 e accede alle semifinali della Coppa Italia. Nel post partita, ai microfoni di Mediaset, il centrocampista dei viola Antonin Barak ha espresso tutta la sua soddisfazione per il passaggio del turno:

LA PARTITA “Abbiamo fatto molto bene. Queste sono partite secche e vanno vinte. La prestazione non conta, siamo stati bravi. Peccato solo per il gol subito ma siamo contenti di essere in semifinale”.

AMRABAT “Non voglio parlarne, sono cose di spogliatoio e non sarebbe giusto. Lui è un grande professionista ed un giocatore molto importante per noi”.

 

Continua a leggere

Generico

Zaniolo scrive una lettera ai tifosi: “Mi metto a completa disposizione della Roma”

Pubblicato

:

Il trend topic del periodo, in casa Roma, si chiama ovviamente Nicolò Zaniolo. L’ex Primavera dell’Inter ha chiesto la cessione e dopo una serie di note vicissitudini è in collisione con il club capitolino che lo ha escluso dal progetto tecnico. Per porre rimedio ad una situazione apparentemente irreparabile, Zaniolo ha scritto una lettera alla redazione dell’ANSA.

LE LETTERA

“Sono state dette e scritte molte cose che mi riguardano in queste ultime settimane e parecchie non sono veritiere. Sono arrivato a Roma da sconosciuto e Roma e i romanisti mi hanno accolto come uno di loro. Mi hanno trasmesso fiducia, coraggio e affetto nei momenti terribili e bui degli infortuni. A Tirana, con quel gol, sentivo di aver ricambiato tutto ciò che avevo ricevuto, contribuendo a regalare una gioia indimenticabile a tutti i romanisti.

A 23 anni ho vissuto esperienze che molti miei colleghi non vivono in un’intera carriera: cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, rialzarsi ancora, vincere. In questi ultimi mesi ho attraversato un periodo delicato, in cui risultava difficile capire quale sarebbe stato il mio futuro professionale. Mi sono però sempre impegnato sul campo e in allenamento con la massima professionalità”, ha aggiunto il giocatore.

Zaniolo è stato anche vittima di minacce da parte di presunti tifosi: “Per la prima volta in questi giorni ho avuto paura, per me e per la mia famiglia, e mi sono sentito abbandonato. Non mi era mai successo e mi sono spaventato molto. Il futuro è nelle nostre mani: io tendo la mia e mi metto a completa disposizione della famiglia della Roma“.

 

Continua a leggere

Generico

Corvino: “Cessioni? A Lecce rimane chi lo considera un onore”

Pubblicato

:

Janitzek

Nella mattinata di oggi, ha parlato, in conferenza stampa, il responsabile dell’area tecnica del Lecce Pantaleo Corvino. Tra le dichiarazioni rilasciate spicca il calciomercato, tra entrate e uscite. Il dirigente sportivo dei salentini, inoltre, ha commentato la “complicata” finestra invernale dei club di Serie A.

Le parole di Corvino

SERIE A –Questa è l’occasione di fare il punto della situazione. La sessione invernale, inutile negarlo, è la più complicata: in 30 giorni bisogna riparare per continuare a far bene nel campionato di A che si sta dimostrando ricco di insidie. Basti pensare che il Milan campione d’Italia è in crisi, l’Udinese non ha vinto per dieci gare di fila. Quindici punti in altrettante partite da matricola nella prima parte di stagione: c’era tanto scetticismo attorno a noi. Un punto a partita in media: aspettative sicuramente al di là di ciò che si pronosticava. Oggi, a fine mercato, abbiamo venti punti in venti gare: la nostra media è rimasta intatta. I numeri parlano chiaro: abbiamo un esterno che ha fatto già sei gol e due prime punte che, in totale, ne hanno segnati sette. Fossero giocatori di altre squadre, si avrebbe una risonanza differente“.

MERCATO LECCE – “Abbiamo mantenuto l’ossatura di questa squadra: molti calciatori sono finiti nel mirino di diversi club, ma da parte nostra abbiamo deciso di tenere il meglio. Questo è un aspetto assolutamente positivo. Tra le criticità, sicuramente, vi è il fatto di dover tenere conto di coloro che giocano poco: i cinque partenti ci hanno chiesto, a tempo debito, di trovare spazio altrove e abbiamo così deciso di accontentarli. Non volevamo tarpare le ali a nessuno. A Lecce rimane chi lo considera un onore“.

ACQUISTI –Mancava un centrocampista offensivo e abbiamo immediatamente preso Maleh al primo giorno di mercato, ci mancava un’alternativa a un terzino destro e abbiamo investito su Cassandro. Negli ultimi giorni di mercato abbiamo inoltre preso Romagnoli e Ceccaroni. Abbiamo fatto del nostro meglio: forse potevamo fare di più o di meno, ma adesso bisogna avere fiducia nei confronti di una squadra che, lo ripeto, ha fatto 20 punti in altrettante partite. Competiamo con squadre che da anni conoscono le difficoltà della A“.

HJULMAND E STREFEZZA –Hjulmand è in scadenza nel 2025 perché abbiamo diritto unilaterale di prolungare. Stesso discorso per Strefezza“.

FALCONE –Noi siamo leali con tutti: per rendere questo club sostenibile bisogna fare i conti con l’indice di liquidità. Non solo noi, ma anche altre società. Spendere due milioni federalmente non era possibile“.

TUIA –Ho fatto una premessa: era necessario che ci fosse anche una richiesta a tempo debito da parte di altre società interessate. Tuia ha manifestato la volontà di andare via nella giornata di sabato. Se abbiamo un’emergenza in quel reparto e ci viene chiesto di andare via, dobbiamo avere il tempo di rimediare. Nella vita c’è sempre chi è burattino e chi burattinaio“.

Continua a leggere

Generico

Novità in casa Adidas: presentata Predator Accuracy

Pubblicato

:

Aria di novità in casa Adidas. Ad Herzogenaurach, borgo tedesco situato nel land bavarese, l’azienda sportiva ha presentato Predator Accuracy, la new entry della prestigiosa gamma Predator.

CARATTERISTICHE TECNICHE

La nuova scarpa si rifà alle caratteristiche e al design che ha reso noti i vecchi modelli della linea Predator, promossa e sponsorizzata dai grandi campioni del presente e del passato. Come si evince da un comunicato stampa ufficiale, Predator Accuracy gode dei seguenti benefici e delle seguenti implementazioni tecniche:

  • nella parte mediana, la scarpa vanta una HIGH-DEFINITION GRIP TECHNOLOGY, con elementi di gomma dalle linee minimal posizionati strategicamente nel punto di calcio per garantire la presa sul pallone, mantenendo al contempo la morbidezza e la flessibilità della tomaia.
  • Per realizzare il modello Predator Accuracy, adidas ha riproposto la tecnologia HYBRIDTOUCH, un materiale sagomato in microfibra rivestita che assicura una vestibilità più morbida e confortevole.
  • La suola è dotata di una struttura FACETFRAME che garantisce stabilità, massima configurazione dei tacchetti è stata ottimizzata per l’uso su terreni compatti.
  • A completare il design di Predator Accuracy, la struttura senza lacci sulla linguetta è realizzata con materiale PRIMEKNIT che consente una calzata semplice e comoda e avvolge al meglio il piede durante il gioco.

MODELLI E PREZZI

Predator Accuracy sarà disponibile in nero con dettagli rosa e le inconfondibili tre strisce adidas in bianco. Calciatori del calibro di Gabriel Jesus e Alessia Russo indosseranno per il resto della stagione le Predator Accuracy, che saranno disponibili in tutto il mondo a partire da mercoledì 8 febbraio su adidas.it e presso i rivenditori autorizzati a un prezzo di €300.

page1image21748480

 

page1image21745984page1image21741760

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969