Dove trovarci

Townsend racconta la sua dipendenza da gioco d’azzardo

Da diverso tempo è ormai un giocatore affermato in Premier League, eppure Townsend ha diversi scheletri nell’armadio che una volta per tutte ha deciso di tirare definitivamente fuori dalla sua vita.

Nel 2013 arrivò una pesante squalifica di 4 mesi a causa di un’infrazione del regolamento, in seguito a numerose scommesse effettuate che avrebbero potuto influire sul regolare andamento delle partite. Ma Townsend non ha mai avuto cattive intenzioni, è semplicemente caduto nella trappola della dipendenza da gioco d’azzardo.

IL RACCONTO

“Non bevo, non faccio uso di droghe, non sono mai stato in un night club in vita mia, eppure sono riuscito a perdere 46.000 dollari solamente con un tocco sul telefono: non ho dovuto neanche lasciare la mia stanza. Probabilmente sono l’unico ragazzo nella storia a perdere tutti quei soldi rimanendo sdraiato a letto in un mercoledì sera. Questa non è la storia di un ragazzo d’oro e non mi piace parlarne: la racconto per coloro che si sono sentiti persi, depressi e che hanno combattuto questa dipendenza”.

Un messaggio importante che arriva da un uomo e da un esempio per i ragazzi che lo seguono. L’impatto con il mondo del calcio, quello che conta, non è mai semplice e ritrovarsi con grosse cifre nel proprio conto corrente può portare a derive pericolose. Come lo stesso Townsend ha raccontato, la scintilla che fa scoppiare la bomba può accendersi da un secondo all’altro:

 “Ricordo esattamente dove mi trovavo quando ho fatto la prima scommessa: ero annoiato in una stanza d’albergo e la sera prima avevo visto in tv una pubblicità di un’app gratuita per scommesse. L’ho scaricata e ho iniziato con una piccola scommessa: poi, nel giro di pochi mesi, ero finito fuori controllo. Mi sono ritrovato ad esserne dipendente”.

Come spesso accade però, dopo aver toccato il fondo si riparte più forti di prima. Townsend ha dichiarato di aver richiesto una consulenza medica per questo tipo di dipendenza ed è solo grazie all’intervento clinico che è riuscito a fuggire da questo terribile demone. Dopo un lunghissimo tunnel, Townsend ha finalmente rivisto la luce.

(Fonte immagine copertina: profilo Instagram Townsend)

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico