Connect with us
Udinese-Hellas Verona 1-1, le pagelle: Magnani un leone, delude Udogie

La nostra prima pagina

Udinese-Hellas Verona 1-1, le pagelle: Magnani un leone, delude Udogie

Pubblicato

:

Napoli

Udinese-Hellas Verona, l’ultima partita della ventesima giornata di Serie A, termina con il risultato di 1-1.

Succede tutto nel primo tempo con l’autogol di Becao al 4′ propiziato da una conclusione da fuori area di Lazovic e la grande realizzazione di Samardzic al 21′ su assist di Beto. Nella seconda frazione tante occasioni da gol specialmente per gli scaligeri che, però, non sono riusciti a sfruttare. Questo un pareggio tutto sommato giusto che soddisfa sicuramente più i friulani, saldi al settimo posto in classifica. Nonostante il solo punto conquistato Zaffaroni non può che essere soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi. Con questo spirito l’Hellas Verona lotterà sicuramente fino alla fine per la salvezza. Di seguito le pagelle del match.

 

LE PAGELLE DELL’UDINESE

Silvestri 6: si fa trovare pronto sulla conclusione di Ngonge, completamente esente da colpe sul gol subito.

Becao 6: autogol sfortunatissimo sulla conclusione di Lazotic. Più distratto del solito in fase di marcatura ma non fa mancare la sua proposizione in fase offensiva.

Bijol 5.5: si divora un gol già fatto sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Perde il duello aereo contro Djuric e sbava in fase d’impostazione.

Perez 6: il migliore della retroguardia difensiva, performance in linea con quelle dell’ultimo periodo.

Ehizibue 7: giocatore in piena fiducia dopo il gol match-winner del Marassi. Solido sia in fase difensiva che offensiva. Con Pereyra in scadenza di contratto, l’Udinese ha già in casa un profilo di buon affidamento. (Dall 84′ Ebosele sv).

Samardzic 7: Sottil lo conferma titolare e lo ripaga con una grande prestazione. Gol da fuoriclasse e tanta, tanta qualità.

Walace 6: muscoli in centro al campo e tanta corsa, solita gara generosa.

Arslan 6: muove e detta i ritmi della propria squadra, tecnicamente sbaglia poco o nulla. Difficile da gestire per la difesa avversaria la sua posizione sotto le punte. (Dal 65′ Lovric 6: sulla stessa linea di Arslan).

Udogie 5.5: poco incisivo palla il piede e pigro nei ripiegamenti difensivi. Quest’anno ci ha abituato a ben altre prestazioni. (Dall’84’ Ebosse sv).

Beto 6: perde un pallone sanguinosissimo che trasforma un potenziale contropiede nello 0-1 Hellas Verona ma si fa perdonare con l’assist a Samardzic.

Success 6.5: svolge un lavoro meraviglioso per la squadra con una pulizia tecnica da top del ruolo. Come dice spesso Sottil in conferenza stampa: “Gli manca solo il gol“. (Dal 90′ Vivaldo sv).

Sottil 6: la sua squadra gioca bene ma risulta leziosa sotto porta. Da rivedere anche qualche movimento difensivo.

LE PAGELLE DELL’HELLAS VERONA

Montipò 6.5: alza la saracinesca in più occasioni con interventi di livello assoluto. Incolpevole nel gol subito.

Magnani 7: salva un gol già fatto sulla conclusione a botta sicura di Udogie. Nonostante il dolore alla caviglia rimane in campo lottando come un leone, prestazione commovente.

Hien 6: prestazione senza infamia e senza lode, fa valere la sua grande prestanza fisica.

Ceccherini 5.5: Zaffaroni decide di sostituirlo a fine primo tempo avendo due centrali ammoniti. Non una prestazione da ricordare contro un cliente scomodo come Success. (Dal 46′ Coppola 6: buon impatto sul match, concentrato).

Depaoli 6: svolge un lavoro egregio nel contrastare le sgasate di Udogie, prestazione sufficiente. (Dal 58′ Terracciano 6: piedi da centrocampista imprestati alla fascia destra del campo).

Tameze 6.5: vince tanti duelli in mezzo al campo sfruttando la sua fisicità. Giocatore dai mille polmoni.

Sulemana 5.5: spesso in ritardo nelle chiusure preventive e poco lucido con il pallone tra i piedi, non una gara da ricordare. (Dal 58′ Duda 6.5: esordio di grande impatto in maglia gialloblu, ottimo nel gestire il pallone).

Lazovic 6.5: propizia l’autogol di Becao con una conclusione da fuori area. Fenomenale nel trasformare grazie ai suoi anticipi situazioni difensive in contropiedi.

Lasagna 6: molto ispirato contro la sua ex squadra nella prima frazione di gioco. Finisce il match in calo.

Braaf 5: la novità dell’ultimo momento per l’assenza causa influenza di Doig. Partita di grande sacrificio ma non sufficiente per creare pericoli alla retroguardia friulana. (Dal 73′ Ngonge 6.5: quanta personalità all’esordio! Vuole fare gol in tutti i modi ma trova un grande Silvestri nella sua strada).

Djuric 6: solito grande lavoro nel dispensare sponde aeree per i suoi compagni. L’attaccante croato ha spazzato via tutti i dubbi: è sua la maglia da titolare in attacco. (Dall’87’ Piccoli sv).

Zaffaroni 6.5: da inizio anno nuovo, gli scaligeri dimostrano ogni volta che scendono in campo di avere grande voglia di lottare. Giocando in questo modo non possono altro che arrivare risultati in futuro.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Sarri sulle polemiche post derby: “Mi estraneo da queste storie”

Pubblicato

:

Lazio-Sampdoria

Intervenuto ai microfoni del Gran Galà dello Sport, l’allenatore della Lazio: Maurizio Sarri, è ritornato a dire la sua dopo le polemiche post-derby. La gara è terminata 1-0 per i biancocelesti ma al fischio finale non sono mancati i litigi tra i vari giocatori, con Marusic e Cristante che sono stati espulsi dopo il termine della gara. Di seguito, ecco le parole dell’ex allenatore del Napoli:

SULLE POLEMICHE- Polemiche? Mi estraneo molto da queste storie. Non mi interessa quello che dicono gli avversari all’esterno, le motivazioni vanno trovate all’interno. La nostra squadra ieri era più focalizzata sull’obiettivo, questa era la sensazione. Abbiamo preso in mano la gara e giocare in superiorità numerica è stato un vantaggio. Il secondo posto lascia il tempo che trova. Nelle ultime cinque abbiamo recuperato 6/7 punti sulle squadre che avevamo davanti. Ne mancano tante alla fine e può succedere di tutto”.

Continua a leggere

Calciomercato

Inter e Milan su Okafor: trattativa a due per il gioiellino

Pubblicato

:

Salisburgo-Roma pagelle

Con la sosta per le nazionali, le squadre di Serie A possono pensare a seguire nuovi giocatori da poter acquistare nella prossima stagione. In primis sia Inter che Milan, protagoniste di una rivoluzione probabile nella prossima stagione, seguono il giovane attaccante del Salisburgo: Noah Okafor. Come riferito da Sky Sports Deutschland, il giocatore non dovrebbe rinnovare il suo contratto con gli austriaci e il suo prezzo è calato notevolmente. Il club di proprietà della Red Bull valuta l’attaccante circa 20 milioni di euro, i rossoneri seguono il giocatore da molto tempo. Anche l’Inter ha seguito proprio da vicino Okafor in occasione della sfida di Europa League tra Roma e Salisburgo, dove Ausilio è andato ad osservare le giocate del talentino classe 01′. Per lui questa stagione in 19 partite ha realizzato ben 7 reti e 3 assist, non male per uno della sua età.

 

Continua a leggere

Calciomercato

Il futuro di Lukaku è sempre più incerto: spunta anche l’Aston Villa!

Pubblicato

:

Lukaku

Quella che sarebbe dovuta essere la stagione del riscatto, per Romelu Lukaku si è trasformata rapidamente in un incubo. Dopo un anno deludente al Chelsea, il belga era tornato mestamente a Milano, pronto a riprendersi la “sua” Inter dopo il trasferimento dell’agosto 2021. A seguito di diversi infortuni e un difficile inserimento nel 3-5-2 di Inzaghi, però, i numeri di Lukaku sono quanto più lontani possibili da quelli stratosferici collezionati sotto la gestione Conte.

BUGIE BIANCHE

In 19 presenze complessive, Romelu ha realizzato appena 5 gol, di certo non il bottino che il belga e i tifosi dell’Inter speravano ad inizio stagione. Soprattutto, le cifre messe a referto sin qui non blindano il ruolo del numero 90 nel club meneghino, dal momento che – lo ricordiamo – il cartellino del giocatore è ancora tutto del Chelsea e Lukaku è tornato a Milano solo con la formula del prestito secco.

Se già questi numeri facevano presupporre ad un futuro più inglese che italiano per l’ex Manchester United, a spegnere qualsiasi dubbio chi ha pensato Marotta che qualche giorno fa ha dichiarato: “Il prestito è stato fatto per una stagione, il 30 giugno indipendentemente da quello che è il suo andamento, Lukaku torna al Chelsea”. Sembrerebbe quindi tutto definito, ma in realtà non è così. Lo stesso AD nerazzurro ha ricordato lo scorso anno come il calciomercato pulluli di bugie bianche, e soprattutto più fonti hanno riportato, in estate, come Chelsea ed Inter avessero già sul tavolo un accordo per il rinnovo del prestito dell’attaccante.

FUTURO INCERTO

Ha senso, soprattutto in questo periodo, non sbilanciarsi dunque né da un lato né dall’altro. Al momento è impossibile capire se Lukaku rimarrà a Milano la prossima stagione, ma è altrettanto improbabile affermare con certezza che il belga tornerà al Chelsea. Le parole di Marotta, in ogni caso, non sono passate inosservate e in Premier League, nel dubbio, inizia già a muoversi qualcosa.

Secondo quanto riportato da The Sun ad esempio, in caso di ritorno alla casa base, l’Aston Villa sarebbe pronta a presentare al Chelsea un’offerta per il belga a titolo definitivo. La volontà di Lukaku, comunque, è sempre quella di rimanere all’Inter, ma è chiaro che se la porta nerazzurra dovesse chiudersi tutte le offerte verranno prese in considerazione.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il The Telegraph è sicuro: “Conte lascerà il Tottenham in settimana!”

Pubblicato

:

Conte

Periodo molto complesso per il Tottenham, i londinesi dopo il pareggio contro il Southampton e le dichiarazioni dure di Conte verso la dirigenza sono pronti a cambiare drasticamente. Come confermato dal noto giornale inglese, The Telegraph, durante questa settimana l’ex allenatore dell‘Inter lascerà definitivamente la panchina degli Spurs. Si tratta per una risoluzione consensuale, infatti il tecnico leccese concluderà il suo contratto con i londinesi il prossimo 30 giugno. Alla ripresa degli allenamenti, dopo la sosta per le nazionali, sulla panchina degli Spurs si dovrebbe sedere Ryan Mason: collaboratore tecnico della squadra.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969