La quarta giornata della serie A 2021/2022 si chiude con una festa, tutta napoletana, alla Dacia Arena. I partenopei surclassano con un secco 4-0 l’Udinese che subisce la prima sconfitta stagionale. In gol Osimhen e Lozano , alle prime gioie in campionato, e la coppia difensiva Koulibaly-Rrahmani. Vediamo le pagelle.

UDINESE: 5

Napoli troppo superiore ai friulani che comunque scendono in campo schierati secondo una logica tattica ben delineata. Il 4-0 finale è un risultato tanto pesante quanto meritato, decisivi alcuni svarioni difensivi. La classifica, comunque, rimane molto positiva e 7 punti in 4 partite sono una solida base dalla quale ripartire.

SILVESTRI: 6 – Prende quattro gol sì, ma di certo non è colpa sua se Koulibaly e Lozano decidano di inventarsi i gol del lunedì sera, e se i suoi si dimentichino di marcare sui calci piazzati. Lui cerca di salvare il salvabile, respinge, al quarto d’ora, un proverbiale destro a giro di Insigne, para in controtempo un tiro cross di Politano e impedisce a Rrahmani di siglare un’improbabile doppietta. Trova anche il tempo di compiere un mezzo miracolo su Zambo Anguissa, lasciato colpevolmente solo nel cuore dell’area di rigore. Se il parziale non è più pesante il merito è tutto del portiere ex Verona.

BECAO: 5 – Per sua fortuna Osimhen bazzica poco dalle sue parti, ma va comunque in difficoltà contro Politano. Compie uno sciocchissimo fallo che regala al Napoli la punizione del 2-0. Nell’occasione bastava temporeggiare, Insigne era spalle alla porta e al massimo poteva scaricare.

SAMIR: 5 – Sbaglia il posizionamento, non tiene la linea e i partenopei fanno 1-0. Dovrebbe essere il leader difensivo, ma è il peggiore del pacchetto arretrato. Si fa anche ammonire.

NUYTINCK: 5.5 – Osimhen lo fa diventare pazzo attaccandolo sulla profondità, le cilindrate dei loro due motori sono decisamente diverse, e infatti l’olandese passa tutti i 90 minuti ad arrancare dietro al nigeriano.

MOLINA: 5 – Male male. Dovrebbe essere la spina nel fianco per la retroguardia partenopea, e invece è troppo timido. Nullo in fase offensiva, sempre in ritardo in quella difensiva. Si perde Koulibaly in occasione del 2-0. Dal 86′ Soppy: s.v.

ARSLAN, WALLACE, PEREYRA: 5.5 – Per loro tre va fatto lo stesso discorso: tanta legna, discreta intensità e grande spirito di sacrificio; c’è solo un problema, i tre centrocampisti del Napoli gli sono di gran lunga superiori e li sovrastano. Dal 64′ Makengo per Pereyra: 6-; dal 73′ Samardzic per Arslan: 6.

STRYGER LARSEN: 6 – Uno dei più presenti a se stesso, ci mette intensità in entrambe le fasi e risulta uno dei migliori dei suoi. Ad ogni modo non va oltre una sufficienza striminzita. Dal 72′ Zeegelaar: s.v.

DEULOFEU: 6 – Ci prova tanto e si impegna lì davanti, ma sbatte più volte contro il granitico muro partenopeo. Per poco non fa lo scherzetto ad Ospina scippandogli il pallone da sotto al naso, poi però non sfrutta. Dal 64′ Beto: 5.5

PUSSETTO: 6+ – Corre, crea spazio e dribla. Autore dell’unico tiro in porta della partita bianconera, è per distacco il migliore dei friulani.

NAPOLI: 8

Quattro partite, quattro vittorie, dieci gol fatti, due subiti e primo posto in solitaria. Quella andata in scena ad Udine è una bellissima sinfonia partenopea e ora Napoli, calcio e città, può sognare cullata dai suoi eroi.

OSPINA: 6 – Quando vinci 4-0, salvo cataclismi, non puoi prendere un’insufficienza. Lui però sembra quasi che questi cataclismi se li voglia andare a creare da solo, rischia tantissimo con un paio di palloni giocati in uscita. Per sua fortuna l’Udinese non sfrutta, attento su Pussetto al novantesimo.

DI LORENZO: 6 – In una partita dove tutti eccellono, lui si limita al compitino. Si butta in avanti, senza successi, solo negli ultimi minuti della gara.

RRAHMANI: 7 – Dite a Manolas che può iniziare a temere per il suo posto da titolare. Il difensore ex Verona inanella la seconda ottima prestazione di fila dopo quella di Leicester e si arrampica nelle gerarchie spallettiane. Trova anche il 2-0 a conclusione di uno schema stupendo.

KOULIBALY: 8 – Quello visto finora è un Koulibaly totalmente nuovo. Oltre ad essere la solita montagna invalicabile, si conferma goleador. Fa gol e assist da difensore centrale, è umano?

MARIO RUI: 7 – Trova l’assist per Lozano, ma la sua partita la inquadriamo in due palle morbide sopra la linea difensiva avversaria nel primo tempo. Con la prima libera Insigne al tiro a giro, con la seconda mette il capitano del Napoli faccia a faccia con Silvestri, pallonetto e gol. Spesso criticato troppo aspramente, adesso si sta prendendo le sue rivincite.Dal 86′ Zanoli: s.v.

ZAMBO ANGUISSA: 6.5 – Rompe il contachilometri e recupera quantità industriali di palloni, il suo impatto con la serie A, per il momento, è devastante.

RUIZ: 7.5 – Per mettere quella palla sul sinistro di Koulibaly che poi assiste Rrahmani serve qualità sopraffina e, di sicuro, quella a Fabian non manca. Azzecca anche l’assist vincente per il siluro del 26, per il resto è il solito meraviglioso centrocampista, ruba l’occhio. Dal 81′ Ounas: s.v.

ELMAS: 6.5 – Comincia mezz’ala e termina esterno d’attacco, è un giocatore eclettico, sempre utile alla causa.

POLITANO: 6.5 – Vorrebbe il gol ma non ci va nemmeno troppo vicino. Svaria per tutto il fronte e mette in difficoltà la retroguardia friulana, non compare a tabellino, ma in fondo, quando si vince 4-0, che importa? Dal 71′ Lozano: 7

OSIMHEN: 7.5 – Ha una voglia pazza di segnare, a testimoniarlo è la rabbia con la quale si butta sul lob di Insigne già destinato in porta. Trova il terzo gol nel giro di 96 ore. Per il resto mette in crisi i tre centrali bianconeri che, probabilmente, lo sogneranno stanotte. Dal 81′ Petagna: s.v.

INSIGNE: 7 – Facciamo che il primo gol è per tre quarti suo. Prova ad aggiungere il quarto mancante con una punizione che, però, fa la barba al palo e finisce larga. Solito trascinatore, esce all’80esimo perchè al Napoli spettano sfide ben più dure. Dal 81′ Zielinski: s,v,