Dove trovarci

Un caffè per una maglietta

Scambiereste mai un caffè per ricevere una maglietta indossata da un fenomeno del calcio?

Ovviamente no, ma c’è chi l’ha fatto senza pensarci 2 volte. No, non è un brocco anzi. È un certo allenatore tedesco che solo qualche mese prima di quello scambio piuttosto enigmatico aveva raggiunto la finale di Champions League con il Borussia Dortmund dei temibili ragazzini. Avete capito bene, si tratta di Jurgen Klopp. Lo scambio ha una data: 18 Settembre 2013, si gioca Napoli-Borussia Dortmund e Klopp viene mandato fuori dal campo a seguito dell’iconica sfuriata verso il quarto uomo dopo la rete del vantaggio di Higuain.

L’allenatore tedesco si rifiuta di salire in tribuna per vedere la partita così viene dirottato verso una stanzino con un televisore, delle sedie, un tavolino ed una macchinetta del caffè. È la stanza di Vincenzo Cerrone, il custode del San Paolo. Tra i due c’erano dei difetti di comunicazione piuttosto notevoli. Il custode non parla né tedesco né inglese ed è più avvezzo al napoletano che all’italiano.

Alla fine però i due si riescono probabilmente a capire con un gesto universale: quello del caffè. Il napoletano con tanta ospitalità glielo offre e poi insieme seguono quell’accoppiata fissa della sigaretta successiva al caffè. Nella pancia dello stadio i due seguono tutto il resto della partita che poi finirà 2-1 con una punizione bellissima di Insigne, che causa la perdita di alcuni denti al portiere Langerak, e l’autogol in scorpione di Zuniga.

Il tedesco però è stato colpito da questo gesto di incredibile ospitalità di Cerrone al punto da correre negli spogliatoi a fine partita per poi tornare con un presente per il custode: la maglia indossata da Reus. Un gesto di gratitudine che ha lasciato sbalordito lo stesso Cerrone che preso dall’imbarazzo non è riuscito chiedergli di farla firmare o di farsi una foto con l’allenatore tedesco.

Domani Klopp tornerà al San Paolo con una persona pronta ad aspettarlo per concludere il ricordo di quella strana sera vissuta nella pancia dello stadio partenopeo.

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Flash News