Connect with us

Generico

Stella di Nazareth

Pubblicato

:

Focus su Moanes Dabbur, attaccante che si è messo in mostra, finora, con numeri straordinari.

DA ISRAELE AL GRANDE CALCIO

Moanes Dabbur è un giocatore isrealiano di 26 anni, di ruolo fa l’attaccante e per gli azzurri di Carlo Ancelotti rappresenterà il maggior pericolo da disinnescare in virtù del passaggio del turno di UEFA Europa League. Nato nel 1992 a Nazareth, Dabbur ha lentamente fatto passi da gigante nella sua carriera dapprima in patria – approdando al Maccabi Tel Aviv – e successivamente anche all’estero, passando per il Grasshoppers e consolidandosi, infine, al RB Salzburg.

Proprio grazie all’approdo nella compagine austriaca il potenziale della stellina di Nazareth inizia ad emergere: è però doveroso specificare come la straordinarietà dei suoi numeri non sia data in particolar modo dal rendimento avuto nel campionato nazionale quanto, piuttosto, dal repertorio messo in mostra nelle varie sfide europee. Alle diciannove presenze condite da 11 gol in Bundesliga austriaca, difatti, si aggiungono le 4 marcature in altrettante comparse ai preliminari di UEFA Champions League e le 7 reti trovate, sinora, in otto gare di UEFA Europa League; lo score complessivo, al netto di assist e marcature in coppa nazionale vede, in sintesi, 24 reti e 7 assist stagionali in 34 partite. Numeri da capogiro, soprattutto se relazionati ad un giocatore che fino a due stagioni fa non sembrava assolutamente in grado di poter raggiungere una tale costanza di rendimento nell’esibizione delle proprie performance.

Accostato in un primo momento a Fiorentina e Liverpool, Moanes Dabbur ha, in realtà, già scelto la sua prossima destinazione, ratificando il proprio passaggio al Siviglia attraverso la firma del contratto avvenuta a metà gennaio: il trasferimento si realizzerà a partire dal primo luglio mentre, per ora, il ragazzo è completamente concentrato sui suoi ultimi mesi con i rot-weiß. Acquistato per 15 milioni di euro dalla società spagnola, l’israeliano è stato – qualche mese fa – vicino al trasferimento ad Anfield non concretizzatosi, a detta dei media, per la volontà del già presente Mohamed Salah, il quale avrebbe minacciato l’addio in caso di approdo del forte centravanti…

DABBUR-SERIE A

Un binomio che torna di moda e che avrebbe potuto vedere il ragazzo già protagonista in Italia qualche anno fa, come affermato dal procuratore del calciatore, Milos Malenovic:

“In passato abbiamo ricevuto un’offerta dal Palermo, lo confermo, ma alla fine abbiamo deciso di firmare col Red Bull Salisburgo. La Serie A annovera tanti top team e la Fiorentina è sicuramente uno di questi”.

Ora, però, il focus è sul presente e l’antagonista sarà proprio il Napoli che quest’anno pare più deciso che mai a giocarsi tutte le proprie fiches sul trionfo in Europa League. La banda di Insigne & co. è consapevole di dover fronteggiare una squadra che l’anno scorso ha abbandonato la competizione solo ai minuti supplementari della semifinale di ritorno, ma il 26enne ha studiato l’ultima gara di Serie A dei partenopei e si è costruito un’idea precisa di loro…

“Ho visto la partita contro la Juventus. Il modo in cui il Napoli ha giocato è stato impressionante: sono di alta qualità in tutte le aree della squadra e non possono essere scoraggiati da una sconfitta. Dovremo fare due eccellenti prestazioni per poter resistere contro di loro”.

UN ATTACCANTE MODERNO

Alto 182 cm e di piede destro, il centravanti classe 1992 rappresenta in maniera abbastanza esauriente il tipico profilo di centravanti che si sta sviluppando negli ultimi anni: l’attaccante moderno, come vediamo sempre più spesso, emerge per rapidità e tecnica piuttosto che per fisicità e Dabbur altri non è che un esponente emergente della nuova scuola; nato come attaccante esterno o seconda punta, il ragazzo ha conservato negli anni le peculiarità che gli consentivano di disimpegnarsi in quei ruoli, unendole ad una crescita costante che lo ha visto migliorare notevolmente nella freddezza sotto porta e nei movimenti senza palla.

Da ciò ne è scaturita una frizzante miscela che lo ha reso il pericoloso attaccante che è oggi: il ragazzo – in campo – non concede grossi punti di riferimento, svaria spesso sul fronte offensivo e non appare assolutamente estraneo alla manovra d’assedio; anzi, è spesso Dabbur stesso a guidarla tramite le sue doti tecniche e fisiche che gli consentono di portare palla, di superare in velocità il diretto marcatore o di ricercare il gesto tecnico: i sette assist messi a segno in poco più di metà stagione, d’altronde, non fanno altro che evidenziare questo aspetto.

https://gph.is/g/EG5RLnZ

Le qualità del promettente attaccante di Nazareth, comunque, sono indubbiamente esaltate da un assetto di squadra che gli permette di sfruttare al meglio il suo potenziale: possiamo definire il ragazzo come un efficacissimo contropiedista ed osservandone le marcature messe a segno appare impossibile non notare lo scenario che fa da sfondo a gran parte dei suoi goal; transizioni veloci, dribbling secchi, smarcamento immediato ed attacco della profondità. Il giocatore giusto nel posto giusto. Dabbur, come affermato poc’anzi, ha fatto tesoro dell’esperienza in ruoli diversi da quello del centravanti e non ha mai abbandonato il bagaglio d’esperienza collezionato, mostrando come un pizzico d’anarchia tattica renda il suo gioco imprevedibilmente letale. Un po’ come Timo Werner dell’altra squadra di RedBull (RB Leipzig, ndr), il 26enne ama addentrarsi sulla fascia sinistra, dove, con il classico movimento a rientrare tenta la finalizzazione, l’assist o il dribbling, talvolta risultando prevedibile, talvolta pescando il jolly.

Un meccanismo spesso riproposto nel suo gioco, inoltre, è la ricerca del dialogo coi compagni di squadra attraverso gli uno-due per andare in porta.

Le sue debolezze sono da ricercarsi nella fisicità: l’ex-Grasshoppers non è dotato di una grande elevazione, né di un potente colpo di testa e ciò rende il suo gioco – per quanto efficace – limitato, tanto da costringere la formazione austriaca a giocare prevalentemente a palla a terra o, comunque, in contropiede, al fine di esaltarne le peculiarità. La sua abilità nell’utilizzo del piede sinistro è limitata mentre, con il piede preferito, appare piuttosto raro vederlo segnare dalla lunga distanza o con conclusioni ad effetto, mostrando un repertorio di possibilità non così vasto per una prima punta.

https://gph.is/g/aXNYoe4

I numeri, tuttavia, danno ragione al ragazzo, il quale si è conquistato sul campo in trasferimento in Liga dove, grazie alla grande qualità tecnica di cui dispone, sarà sicuramente in grado di trovare spazio e modo di togliersi qualche soddisfazione proseguendo, così, una vertiginosa ascesa che potrebbe portarlo ancora più in alto.

https://gph.is/2RhhGuC

A Napoli, intanto, studiano le contromisure per fermarlo…

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Cairo sugli aiuti al mondo del calcio: “Serve un sostegno ai club”

Pubblicato

:

Torino, Cairo parla sulle condizioni di Juric

Il presidente del Torino Urbano Cairo ha espresso il suo parere sugli emendamenti presentati in Parlamento per sostenere il mondo del calcio.

Il governo avrebbe infatti deciso di dilazionare in 5 anni il pagamento dei 480 milioni di euro che i club avrebbero dovuto versare nelle casse del fisco.

Cairo si è espresso così ai microfoni dell’ANSA:

Premesso che come molti sanno spesso mi capita di non essere d’accordo con Lotito, stavolta la pensiamo alla stessa maniera. La situazione è sotto gli occhi di tutti: il nostro è un mondo che vive da tempo difficoltà, molto aggravate negli ultimi anni dalla pandemia. Certo, sono stati fatti sbagli, ma errori di gestione se ne fanno anche in altri settori della società, che pure ricevono aiuti rilevanti dallo stato. Ad esempio penso al tax credit per il cinema”.

Continua a leggere

Flash News

Turris-Avellino 1-3, le pagelle del match: Fabio Tito devastante!

Pubblicato

:

Modena

L’Avellino passa 1-3 contro la Turris e ottiene il terzo risultato utile consecutivo. I lupi, cinici e compatti, giocano una buona gara, trascinati da un devastante Fabio Tito, autore di una doppietta. Nel primo tempo meglio la Turris, che però all’intervallo si trova sotto 1-2. Tito apre le danze al ventottesimo, con un sinistro chirurgico da fuori area. Pochi minuti dopo, Gambale raddoppia di testa. I padroni di casa non mollano e al 37esimo Maniero accorcia le distanze con un colpo di testa che si insacca alle spalle di Pane. Nella ripresa l’Avellino addormenta la partita e colpisce al momento giusto; al 64′ Tito realizza un gol fotocopia del primo. I lupi sorpassano i corallini in classifica e si avvicinano alla zona playoff.

TURRIS

Perina 6: Incolpevole sui gol subiti. Compie delle parate importanti che evitano un passivo più pesante.

Manzi 5: I due gol di Tito arrivano sulla sua fascia. Non riesce a contenere Russo e sul terzo gol dei lupi è a dir poco disastroso.

Boccia 4,5: Il peggiore dei suoi. Mai in partita, si addormenta sul gol di Gambale e, insieme al sopraccitato Manzi, combina un pasticcio in occasione della terza rete dell’Avellino.

Frascatore 5: Nella giornata disastrosa della difesa corallina, non si salva neanche lui.

Contessa 5: Beccato dai suoi stessi tifosi, gioca male, tanto da apparire svogliato. Lo si nota dalle innumerevoli palle perse e dai primi controlli quasi sempre sbagliati.

Vitiello 5,5: Poco attento e quasi mai coinvolto nella costruzione del gioco. Nel primo tempo svirgola all’interno dell’area di rigore sprecando una buona occasione da rete. (Dal 57′ Haoudi 6: entra bene in partita e si mette in mostra con qualche dribbling e giocate interessanti).

Acquadro 6,5: Centrocampista totale. Corre, imposta, recupera palloni ed è sempre in partita. Realizza l’assist per la rete di Maniero. (Dal 82′ Ardizzone s.v.)

Gallo 6: A centrocampo fa quel che può. Nulla di più, nulla di meno. Sufficiente. (Dal 75′ Longo 6: prova a dare vitalità al reparto offensivo, ma il tempo a disposizione è davvero poco).

Ercolano 6: Disputa una gara discreta. Corre tanto ed effettua qualche percussione interessante. (Dal 57′

Giannone 6: Entra e prova a dar manforte a Maniero. Si fa vedere al limite dell’area con un paio di conclusioni dal limite).

Maniero 7,5: In questa categoria conta l’esperienza. E lui ne ha da vendere. Da ex di turno gioca una gara perfetta; difende e spazia su tutto il fronte offensivo creando non pochi pericoli alla retroguardia avellinese. Il gol è la ciliegina sulla torta.

Leonetti 5: Sbaglia un gol clamoroso che, a 5 minuti dall’inizio del match, avrebbe potuto cambiare le sorti dell’incontro. Anche a fine partita spreca la palla del 2-3 calciando addosso a Pane.

AVELLINO

Pane 6,5: Sempre attento nelle uscite, incolpevole sul gol subito. Compie un grande intervento su Leonetti a tempo quasi scaduto.

Rizzo 6: Attento in fase difensiva, non si sbilancia più di tanto perché alla fase offenisiva ci pensa Fabio Tito.

Moretti 6,5: Compie un miracoloso salvataggio sulla linea a inizio partita, per il resto normale amministrazione.

Auriletto 5,5: Il peggiore dell’Avellino. Nel complesso non gioca male ma si fa sovrastare da Maniero in occasione del gol.

Tito 8: Attento in difesa, letale nella trequarti avversaria. Due conclusioni a incrociare sulle quali Perina non può nulla. Devastante. (Dal 73′ Zanandrea 6: Normale amministrazione, come è normale che sia al rientro dall’infortunio).

Maisto 6: Il classe 2003 gioca una buona gara. Sempre attento in fase di copertura, ogni tanto rischia anche giocate dal più elevato coefficiente di difficoltà. (Dal 77′ Illanes s.v.)

Matera 6,5: Anche lui interpreta benissimo le due fasi. Ottimi i tempi di inserimento e soprattutto le cavalcate palla al piede. (Dal 83′ Franco s.v.)

Casarini 6,5: Ottimo sia in fase di costruzione sia in fase di non possesso. Si conferma ancora una volta il faro del centrocampo dei lupi. (Dal 73′ Garetto 6: normale amministrazione).

Russo 7: Ancora una volta, dimostra di essere, qualitativamente parlando, il migliore dell’Avellino. Gli stop a seguire, così come i passaggi per i compagni, sono giocate sopraffine. Spazia su tutto il fronte d’attacco e serve a Gambale l’assist per lo 0-2.

Trotta 6: Non segna ma si sacrifica per la squadra. Sempre il primo a difendere, ottimo nel pressing.

Gambale 6,5: Ciò che tocca, diventa oro. Alla prima occasione è cinico e con un colpo di testa manda il pallone alle spalle di Perina. Re Mida.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram Us Avellino

 

Continua a leggere

Flash News

Bayern Monaco, De Ligt chiarisce: “Mai vicino al Chelsea”

Pubblicato

:

de Ligt

Mattijs De Ligt, ex della Juventus, ora in forza al Bayern Monaco, ha parlato dai Mondiali in Qatar delle voci circolate circa un possibile interessamento in estate da parte del Chelsea:

LE DICHIARAZIONI DEL DIFENSORE

Il difensore olandese conferma di essere concentrato sul Bayern Monaco e respinge altre voci:

“Sapevo che il Chelsea era interessato ma con me non hanno mai parlato. Io stavo pensando al Bayern. Non sono mai stati vicini, forse si sono parlati con la Juventus. Onestamente non ho mai avuto contatti con loro in via personale”.

Continua a leggere

Generico

Inghilterra – Senegal: Sterling fuori a sorpresa

Pubblicato

:

Pronostico Inghilterra-Senegal

Il Mondiale entra nel vivo e dopo la vittoria contro la Polonia per 3-1, stasera la Francia conoscerà chi tra Inghilterra e Senegal sarà la propria avversaria ai quarti. A sorpresa sarà assente Raheem Sterling che, come spiegato dalla FA, non sarà a disposizione per motivi familiari.

Di seguito le formazioni ufficiali.

Inghilterra: Pickford, Walker, Stones, Maguire, Shaw; Bellingham, Rice, Henderson; Saka, Kane, Foden.

Senegal: Edouard Mendy, Sabaly, Koulibaly, Diallo, Jakobs, Ciss, Nampalys Mendy, Ndiaye, Diatta, Ismaila Sarr, Dia.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969