Connect with us
Un leader di nome Zlatan

Generico

Un leader di nome Zlatan

Pubblicato

:

A 39 anni si possono fare molte cose nella vita.

Si può essere all’apice della carriera in tanti settori, grazie ad opportunità colte al volo, frutto dell’esperienza maturata e delle competenze riposte gradualmente nel bagaglio personale. Le persone comuni mostrano sempre un po’ di timore nell’affermare il passaggio dagli -enta agli -anta, forse ridacchiando un po’ nel tentativo di cercare approvazione sui volti degli altri presenti.

Ecco, questa è una premessa valida per i comuni mortali, non di certo per un agglomerato di talento, strapotere fisico e mentalità vincente.

Non di certo per Zlatan Ibrahimović.

Ibrahimović e Theo Hernandez (fonte: radioradio.it)

RITORNO DA LEADER

Il ritorno di Ibra a Milano non è stato accolto subito di buon grado da parte di tifosi e addetti ai lavori. Certo, si tratta di un’affermazione da contestualizzare, per non attribuirle una connotazione alquanto banale.

Vi erano diversi dubbi a proposito dell’età e delle condizioni fisiche, perché una struttura come quella di cui Ibrahimović dispone è una vera rarità, ma bisogna considerare l’infortunio rimediato con la maglia dei Red Devils. Quando un giocatore non è solito infortunarsi, si teme sempre che al primo vero infortunio la musica possa cambiare drasticamente. Il rischio c’è stato e Ibra non lo ha mai nascosto, nemmeno nell’intervista post Milan-Verona.

“Dopo l’infortunio mi sento come un bimbo, sono contento di giocare, era possibile che non potessi più farcela.”

È un passaggio da non sottovalutare.

La forma fisica che Zlatan sta mostrando settimana dopo settimana è qualcosa di veramente unico, senza considerare il fatto che le statistiche parlano molto chiaro. 5 presenze in campionato e 8 reti messe a segno, con due turni di stop a causa del COVID-19, e una rete realizzata nei preliminari di Europa League, contro lo Shamrock Rovers. Ibrahimović ha preso il Milan, il suo Milan, per mano portandolo ad un livello superiore. Ha compreso in pochissimo tempo che si trovava nella condizione ideale per ricoprire quel ruolo di leader che, dati alla mano, non era mai riuscito a cucirsi addosso. Compagni dalla carta d’identità e dalle doti tecniche a dir poco intriganti, un allenatore che non ambiva ad imporgli regole ferree ed etichette particolari e un progetto – termine di cui si abusa spesso e volentieri – da modellare strada facendo. Dopo il lockdown in primavera, il Milan si è dimostrata la squadra con la forma migliore e dotata di un grado di fiducia che a Milanello non si vedeva, forse, dalla precedente esperienza dello stesso Ibra in maglia rossonera.

Ha cambiato tutto, senza stravolgere nulla, perché ha preso ciò che il contesto gli ha fornito e lo ha valorizzato, mettendoci gioco e faccia, in pieno stile Ibrahimović.

ZLATAN, SEI TU?

Dall’ammissione di colpa in occasione del rigore sbagliato, alla lettura lucida del suo atteggiamento in campo.

Dopo il match di San Siro contro l’Hellas Verona, l’analisi di Ibra ai microfoni ha lasciato un po’ tutti a bocca aperta, mettendo in risalto una serie di aspetti che spesso e volentieri passano in secondo piano. È difficile attribuirgli il valore dell’umiltà, anche se risulterebbe folle non definire umile un giocatore con le sue origini e che ha raggiunto traguardi di grande rilevanza attraverso il sudore e tanto sacrificio. Madre Natura è stata molto generosa con Zlatan, ma ciò che si è costruito anno dopo anno, stagione dopo stagione, non possono non collocarlo tra i più grandi giocatori di tutti i tempi. Ed ecco il collegamento con la questione Pallone d’Oro, una tematica che sembra non disturbarlo eccessivamente e che non risulta, secondo lui, una discriminante con lo scopo di farlo sentire più forte.

La rete del 2-2 contro l’Hellas Verona
(fonte: Spada/LaPresse)

“Ce l’avevo con me stesso, quando la fatica entra in testa non sei al 100%. Giochiamo tante partite in poco tempo, meno male che arriva questa sosta. Anche oggi mi mancava lucidità e cattiveria davanti alla porta, oggi non c’ero.”

Essere esigente sempre. Con sé stesso, con i compagni, con l’ambiente circostante. Zlatan è sempre stato così e dopo le partite contro Lille e Verona si è fermato a dare un giudizio sulla lucidità e sulla stanchezza. Qualcosa di nuovo? Forse sì. È sembrato contento e rinfrancato per la sosta dedicata agli impegni con le nazionali, in cui ha punzecchiato la federazione svedese, con tanto di risposta stizzita del presidente Nilsson, ma pur sempre manifestando una necessità sia personale che a livello di squadra.

Non vuole che i compagni perdano la fiducia ed esige che l’obiettivo sia quello di vincere ogni singola partita. E sì che se non considerassimo il rendimento del Milan negli ultimi mesi, penseremmo ad un Ibra che parla di fantascienza.

GOD, SUPREMACY, HUMAN

Si è detto tutto a proposito di Ibra, eppure sembra sempre che sia ancora molto da dire.

Il prossimo autunno, in Italia arriverà “I am Zlatan”, il film che racconta i primi anni di carriera di un giovane Ibra, ispirato alla biografia scritta da David Lagercrantz e dallo stesso Ibrahimović. Un personaggio e un giocatore unico, di quelli che “ne nasce uno ogni cinquant’anni”.

A fronte di tanta grandezza, deve essere però abbinata quella componente umana che è sempre sembrata un po’ nascosta, messa in un angolo per far sì che potessero prevalere altre caratteristiche. È una sensazione strana quella che Ibra ha lasciato a tutti coloro i quali si trovavano davanti allo schermo durante l’ormai chiacchierata intervista post Verona. La pausa gli servirà per riacquistare quella lucidità che probabilmente gli ha impedito di essere decisivo anche dagli undici metri, da quel dischetto dal quale Zlatan ha sempre voluto sfidare il portiere avversario. Non ha guardato Silvestri, è stato provocato e ha calciato alle stelle, ma non ne fa un dramma. Ha sbagliato complessivamente 3 rigori che avrebbero facilitato le cose ai suoi, se realizzati, qualcosa che stride se pensiamo alla sua carriera.

Pioli, Ibra e Donnarumma
(fonte: Getty Images)

Certo, non sta scritto da nessuna parte che il prossimo penalty verrà affidato al destro di Kessié, ma la sua intenzione è proprio quella, stando alle sue parole, ovvero di responsabilizzare sempre di più i compagni di squadra. D’altronde, l’ultima volta in cui ha assunto un atteggiamento di questo tipo è arrivato lo scudetto e di anni ne sono passati parecchi, ma nessuno si dimentica la stagione di Antonio Nocerino, per citarne uno, in cui arrivò la doppia cifra in termini realizzativi.

A Ibra piace così. Non gli pesa accostare la sua figura a quella di una divinità in campo, non gli pesa prendersi le critiche, purché intorno a lui il sistema funzioni. E questo Milan, con un 39enne che ha raggiunto questa maturità e un Normal One in panchina, può fare davvero grandi cose.

Parola di Zlatan.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generico

Gasperini in conferenza dopo Milan-Atalanta: “Fischiato un rigorino, conquistato un buon punto”

Pubblicato

:

Gasperini

Un pareggio che tutto sommato può star bene all’Atalanta quello conquistato a San Siro contro un ottimo Milan. Il tecnico bergamasco Gasperini ha commentato la partita in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni dopo l’1-1 contro i rossoneri.

PUNTO GUADAGNATO – “Quando esci da queste partite con un punto sei soddisfatto. È stata una partita difficile, e il pareggio premia l’attenzione e la voglia di fare risultato”.

MILAN – “Il Milan è una squadra forte, questa sera abbiamo subito la loro qualità e la loro condizione. Non abbiamo mai mollato, portiamo a casa un punto che muove la classifica”.

SCALVINI – “La spalla è uscita e rientrata, domani lo valuteremo“.

EUROPA – “Non ragioniamo sul lungo, dobbiamo lavorare sul breve periodo. Ci aspettano due settimane difficilissime e dovremo pensare partita per partita. Faccio fatica a fare delle previsioni, essere usciti stasera con un punto deve renderci felici. Per noi è importante l’Europa League come il campionato e la Coppa Italia. Cercheremo di andare fino in fondo in tutte le competizioni”.

DE KETELAERE – “Abbiamo fatto fatica sulle fasce e in attacco, abbiamo cercato di cambiare qualcosina con Lookman ed è andata un po’ meglio. In altre partite riusciremo a far di più, poche volte abbiamo subito come questa sera“.

CALCIO DI RIGORE – “Fa parte di quei ‘rigorini’. Ormai ce ne sono tanti, ci sono dei rigori che non vede nessuno e poi tira fuori il VAR. Un rigore così non lo avevamo da tanto tempo, oggi ce lo prendiamo. Vengo da una generazione per la quale il rigore deve essere una cosa seria, evidentemente alle TV piace un altro calcio. Noi siamo comunque in credito”.

SCAMACCA – “Scamacca ha dato contributi importanti, questa sera sicuramente meno ma da occasioni come queste trai gli spunti per fare meglio nelle partite successive“.

Continua a leggere

Generico

Pioli ribadisce in conferenza dopo Milan-Atalanta: “Mai rigore quello di Holm, Leao è questo”

Pubblicato

:

Pioli

Si è conclusa con il pareggio tra Milan e Atalanta la domenica della 26esima giornata di Serie A, in attesa di Roma-Torino e Fiorentina-Lazio. I rossoneri disputano una buona gara, ma vedono aumentare il gap con Inter e Juventus. Al termine della partita, Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa. Queste le sue parole raccolte dalla pancia di San Siro.

SENSAZIONI – “Quando la squadra gioca così bene deve vincere e noi purtroppo non ci siamo riusciti. C’è delusione ma anche soddisfazione per come la squadra ha interpretato questa partita. Siamo stati compatti e aggressivi, sporcando tutti i loro palloni e facilitando gli interventi difensivi. È mancata solo la vittoria“.

RIGORE – “Il rigore non c’era, ma fa la differenza. Holm si mette le mani in faccia ma il contatto era più in basso. Per il metro di Orsato questo non era e non sarà mai rigore“.

RIGORI SUBITI – “A volte siamo stati ingenui, attacchiamo tanto ma non prendiamo quasi mai rigori. Forse dobbiamo essere più scaltri”.

RIPARTIRE – “Ripartire è facile. Guarderemo insieme alla squadra la partita, ma è una questione di dettagli. Se ripeteremo prestazioni del genere probabilmente vinceremo diverse partite da qui alla fine del campionato”.

LEAO – “Credo che sia stata una delle prestazioni più belle da quando lo alleno. Ha aggredito, ha puntato continuamente. Questa prestazione per lui deve essere un punto di riferimento. Gliela farò pesare, perché lui ha questo potenziale. Parlerò con lui per capire cosa ha messo di diverso rispetto alle altre volte”.

 

Continua a leggere

Flash News

Il Cagliari si aggrappa a Luvumbo al 96′: 1-1 con un Napoli che non riesce più a vincere

Pubblicato

:

Luvumbo, giocatore del Cagliari, Serie A, Coppa Italia

Per una Juventus che torna alla vittoria, c’è un Napoli che, invece, manca ancora il ritorno al successo. Contro un Cagliari ben schierato in campo è 1-1 il punteggio finale. Incredibile l’epilogo finale, con Luvumbo che pareggia i conti al 96′ dopo il gol iniziale di Osimhen. Un pareggio amarissimo per Calzona, che nelle prime due panchine azzurre ha racimolato un pareggio col Barcellona e un pareggio in campionato che fino a un minuto dalla fine era una vittoria.

Il gol di Osimhen per il Napoli è il primo in trasferta dopo 527′ di digiuno. Tutto nasce da un errore di Augello in disimpegno: prontissimo il recupero di Raspadori e il cross dalla destra verso il nigeriano. Troppo facile, poi, per uno come lui buttare la palla in rete. Al 96′, sull’ultima palla buona per il Cagliari, ecco il lancio lungo di Dossena dalla difesa verso l’area del Napoli. Male, malissimo la difesa azzurra (in particolare Juan Jesus) che non riesce a spazzare e Luvumbo riesce poi a bucare Meret.

Niente da dire al Cagliari, che ha rischiato di perdere la partita per l’unica vera disattenzione in 90‘. La squadra di Ranieri è rimasta compatta per tutta la durata del match, ma non ha saputo pungere quando necessario. In fin dei conti il pareggio è un risultato giusto per ciò che si è visto per tutto l’arco della sfida. Ricordiamo che, però, è stato annullato un gol al Cagliari nel primo tempo per fuorigioco di Lapadula sugli sviluppi di un calcio di punizione. Rrahmani aveva involontariamente messo la palla in rete di testa.

Con questo pareggio gli uomini di Calzona rimangono molto lontani dalla zona Champions (il Bologna quarto dista undici punti), ma potranno riavvicinarsi nella sfida di mercoledì contro il Sassuolo. Il Cagliari invece rimane dentro la zona retrocessione, ma solo per gli scontri diretti. Ora Cagliari, Hellas Verona e Sassuolo sono a parimerito a 20 punti, con Sassuolo 17esimo.

Continua a leggere

Generico

[FOTO] Retegui sblocca Genoa-Udinese in rovesciata: 2-0 all’intervallo

Pubblicato

:

Retegui Genoa Gudmundsson

RETEGUI GENOA UDINESE – Primo tempo avvincente al Ferraris tra Genoa e Udinese. Occasioni, corsa e anche un gol spettacolare.

L’andazzo della gara si capisce già dal primo minuto, con Giannetti che dopo pochi secondi stende Retegui e si prende il giallo. Dopo i tentativi, vanificati, di Ehizibue e Walace, Lucca colpisce di testa in area, venendo però fermato dalla traversa. Subito dopo, al 27′, Okoye si supera sul tentativo a botta sicura di Vasquez, che dopo sei minuti, di testa, trova anche il palo a impedirgli la gioia del gol. Poi il momento della serata: cross in mezzo, Giannetti devia ma la palla s’impenna, servendo a Mateo Retegui l’occasione perfetta per coordinarsi e colpire in rovesciata. Palla sul palo e vantaggio Genoa. I rossoblu aumentano i giri e, sette minuti dopo, trovano anche il raddoppio con Bani, che devia in rete un cross perfetto di Gudmundsson.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969