Connect with us

Generico

Una maledizione chiamata Champions

Pubblicato

:

L’eliminazione di mercoledì contro il Tottenham è stata l’ennesima delusione europea del Manchester City, che, da quando è in mano alla proprietà emiratina (ovvero dal 2008), è tornato ai livelli degli anni ‘60/‘70, quando vinceva in patria e anche in Europa (Coppa delle Coppe 1969/70): dopo il declino degli anni ‘90, culminato con la retrocessione in terza serie, negli anni duemila il club inglese si è rialzato, tornando tra le big della Premier League (il titolo vinto nella stagione 2011/12 mancava da 44 anni) e della Coppa Campioni, che nel frattempo aveva cambiato nome diventando quella che tutti noi conosciamo come Champions League. Tuttavia, nonostante i numerosi investimenti fatti (dal 2008/09 sono stati spesi un 1 miliardo e 661,95 milioni di euro), il City non riesce ad affermarsi a livello europeo: il punto più alto mai raggiunto è stata la semifinale persa contro il Real Madrid nella stagione 2015/16; poi solo delusioni, eliminazioni clamorose e sogni infranti, nonostante tutti soldi investiti.

2012/13, L’ANNO DOPO IL TRIONFO

Ai gironi della Champions League 2012/13 il Manchester City si presenta con lo scudetto cucito sul petto e con il gol e la corsa sfrenata di Sergio Agüero ancora negli occhi, che riportava il titolo nella parte meno considerata di Manchester, quella che non aveva vissuto gli anni d’oro di Beckham, Roy Keane e Sir Alex Ferguson, quella che era passata dall’inferno della Third Division al paradiso con quel gol al 95’ contro il QPR. Massime aspettative, dunque, per questa squadra, che l’anno prima, al ritorno nella massima competizione europea, si era fermata ai gironi. Gli scogli da superare quest’anno si chiamano Real Madrid, Borussia Dortmund e Ajax: non tre squadre a caso, ma per gli uomini di Mancini l’imperativo è superare i gironi. Tutto sembra partire nel migliore dei modi: al Santiago Bernabeu, contro i Galacticos di José Mourinho, dopo un primo tempo bloccato, al 68’ Edin Dzeko sblocca la gara, facendo impazzire i tifosi inglesi; neanche dieci minuti, però, e Marcelo pareggia i conti. Poi ci pensa Aleksandar Kolarov a riportare gli ospiti in vantaggio; ma quando sembra tutto fatto, un gol all’87’ e uno al 90’ regalano la vittoria al Real, infrangendo i sogni degli Sky Blues. Le cose iniziano a mettersi male quando gli inglesi vengono sconfitti 3-1 in trasferta dall’Ajax, dopodiché il pareggio interno contro il Real non basta ad evitare l’ultimo posto nel girone e l’eliminazione da tutte le coppe, sancita dalla sconfitta per 1-0 contro il Borussia Dortmund. Il Manchester City chiuderà, quindi, questa annata di Champions con 3 punti fatti, frutto di 3 pareggi e 3 sconfitte, rispettivamente in casa e in trasferta. La rosa di quell’anno non era evidentemente ancora pronta per competere a livello europeo, anche se dalla squadra vincitrice della Premier League ci si aspettava – e ci si aspetta sempre – qualcosa di più.

2016/17, IL PRIMO GUARDIOLA

Nell’estate 2016 Pep Guardiola diventa il nuovo allenatore del Manchester City: l’allenatore catalano, dopo il successo con il Barcellona e l’esperienza al Bayern Monaco, decide di accettare l’offerta dei Citizens, che hanno deciso di puntare su di lui per imporsi anche a livello europeo. Dopo aver superato facilmente il girone alle spalle del Barcellona e davanti alle modeste Borussia Mönchengladbach e Celtic, gli uomini di Guardiola si trovano davanti il Monaco di Falcao, Bernardo Silva e Mbappé, che aveva chiuso il girone al primo posto davanti a Bayern Leverkusen, Tottenham e CSKA Mosca: la sfida sembra alla portata del Manchester City, che vince la gara di andata 5-3, punteggio che fa pendere l’ago della qualificazione dalla parte degli inglesi, che, però, al ritorno rovinano tutto, perdendo 3-1 e uscendo dalla competizione. Quella del Manchester City sembra una vera e propria maledizione, capace anche di colpire un allenatore vincente come Guardiola che non era mai uscito agli ottavi di Champions. Un’eliminazione forse figlia della troppa presunzione con cui il City è sceso in campo nella gara di ritorno, nella quale è stato in balia del Monaco per tutti i 90 minuti, non riuscendo ad esprimere il proprio calcio e le proprie qualità.

2017/18 E 2018/19, UN APPROCCIO SBAGLIATO

Le ultime due edizioni della Champions League hanno visto i Citizens uscire principalmente per un approccio sbagliato ai match di andata, giocati in entrambi i casi in trasferta: l’anno scorso, ospiti ad Anfield, gli Sky Blues erano già sotto 3-0 dopo 30 minuti, completamente incartati dal gioco del Liverpool e dalla velocità del trio Salah-Firmino-Manè. A niente servì lo spregiudicato 3-3-4 – mascherato da 3-5-2 con Sané e Bernardo Silva esterni a tutto campo – proposto da Guardiola per ribaltare il risultato: dopo il gol di Gabriel Jesus al secondo minuto che aveva fatto ben sperare i tifosi, la partita rimase bloccata fino al 56’, quando Salah pareggiò i conti e diminuì le speranze del City, demolite dal definitivo gol dell’1-2 messo a segno da Firmino. Quest’anno abbiamo assistito nuovamente ad un’andata giocata male dal City, che, dopo il rigore sbagliato da Agüero, non ha affondato il colpo – privo anche di uno dei suoi giocatori più importanti, Kevin De Bruyne, lasciato inspiegabilmente in panchina da Guardiola -, ma comunque c’era qualche possibilità di rimonta. L’allenatore del Manchester City probabilmente aveva deciso di giocarsi il passaggio del turno nella gara di ritorno, sostenuto dai propri tifosi: tuttavia, come sappiamo, il Manchester City non è riuscito a ribaltare il risultato, nonostante la vittoria per 4-3. Questa stagione sembrava quella buona per fare il salto di qualità e provare a raggiungere almeno la finale: dopo il crollo del Real Madrid privo di Cristiano Ronaldo, la vittoria della Champions League era alla portata di tutte le partecipanti, con un occhio di riguardo al Barcellona, alla Juventus e, appunto, al Manchester City, che sembrava pronto per compiere il grande salto. Tuttavia anche quest’anno i progetti europei del City sono andati in fumo, confermando l’andamento delle squadre “spendaccione” (vedi il PSG) in Champions League e quello di Guardiola che, da quando ha lasciato il Barcellona, non è mai andato oltre i quarti. Semplice maledizione, dunque, o colpevole inadeguatezza?

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

L’agente di Bayeye apre al mercato: “Al Torino non gioca, andrà via a gennaio”, poi il retroscena su Juric

Pubblicato

:

Bayeye

Tra i primi acquisti della campagna estiva, Brian Bayeye dopo le amichevoli del pre-campionato, non ha più giocato con il Torino: solo una presenza in partite ufficiali, contro il Palermo in Coppa Italia, quando è subentrato a Singo, al 37′ del secondo tempo.

A riguardo, il suo agente Vincenzo Pisacane, a TorinoGranata.it, ha parlato della situazione del suo assistito: “Il problema è alla base perché in realtà Bayeye doveva andare in prestito già quest’anno: questa era l’idea con il Torino. Avevamo Reggina, Palermo, Modena e Ternana che lo volevano, poi però purtroppo Juric gli ha detto “non andare via che mi servi qui, resta con noi e non ti preoccupare che troverai il tuo spazio”. Invece gli ha fatto perdere sei mesi. Juric dice che il giocatore non ha perso sei mesi perché Brian ha imparato molto. Ma io penso che un giovane come lui debba sempre giocare e che sia meglio andare in una categoria inferiore e giocare sempre piuttosto che stare in Serie A e non giocare mai. Quindi sicuramente Bayeye andrà in prestito da qualche parte a gennaio“.

Sulla possibile nuova destinazione, Pisacane non si è sbilanciato: “Ci sono un po’ di squadre che l’hanno visto, però il mercato è a gennaio e siamo a novembre, quindi aspettiamo un attimo e vediamo“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Haller, un passo in più verso la guarigione

Pubblicato

:

Haller

Il mondo del calcio si stringe attorno a Sebastian Haller, attaccante del Borussia Dortmund. Il giocatore francese naturalizzato ivoriano è, ormai da diversi anni, alle prese con un tumore ai testicoli e ha completato nella giornata di oggi la seconda operazione chirurgica. A rendere pubblico l’esito positivo dell’intervento è lo stesso calciatore attraverso il suo profilo Instagram.

IL MESSAGGIO

Haller, attraverso un breve messaggio pubblicato sotto ad una foto che lo ritrae sorridente sul suo letto d’ospedale, ha voluto rassicurare così i suoi tifosi e seguaci: “Completata una nuova tappa. L’operazione numero 2 è andata a buon fine! Un grande grazie al team medico per l’aiuto quotidiano, non vedo l’ora di passare allo step successivo”

Dopo un lungo calvario iniziato nell’estate dello scorso anno, Sebastian Haller sembra finalmente essere sulla strada della riabilitazione. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Due anni dalla scomparsa di Diego: il ricordo di Infantino

Pubblicato

:

Fifa, Maradona sospeso dal videogioco

Due anni fa veniva a mancare il talento più grande e cristallino che il mondo del calcio abbia mai visto. La controversa figura di Diego Armando Maradona, in un modo o nell’altro, ha conciliato tifosi e appassionati di tutto il mondo,  elevandosi a tal punto da diventare una vera e propria leggenda di questa disciplina. In occasione del secondo anniversario della morte del Pibe de Oro si è allora espresso Gianni Infantino, presidente della FIFA.

IL RICORDO DI INFANTINO

L’ho sempre detto, lo ribadisco anche ora che sono più convinto che mai: ciò che Diego ha fatto per il calcio, facendoci innamorare di questo bellissimo gioco, è unico. Maradona è immenso e merita la nostra eterna gratitudine per averci stupito con il suo incredibile talento e sì, anche per essere stato così unico a modo suo: per essere stato una leggenda, un eroe, un uomo. Per essere stato Maradona. La tua figura è in primo piano in tutte le favole del calcio, riposta in pace Diego”. 

Continua a leggere

Calciomercato

La Fiorentina ci prova per Arnautovic: secco no del Bologna

Pubblicato

:

Arnautovic

L’inizio stagionale di Marko Arnautovic è stato sensazionale. L’attaccante austriaco, capace di insaccare la rete 8 volte in 13 partite, ha confermato in questo primo segmento di campionato la sua caratura.  A mettere gli occhi sul classe ‘89 è stata, tra le altre, la Fiorentina di Rocco Commisso.

LA PROPOSTA

Per fare proprie le prestazioni del centravanti del Bologna il board del Giglio avrebbe messo in tavola un ipotetico scambio tra attaccanti. Secondo la Gazzetta dello Sport, infatti, la proposta presentata al ds rossoblu Sartori prevedeva un ipotetico cambio di casacca tra Arthur Cabral e Arnautovic. In aggiunta alla suddetta formula (regolata formalmente da un doppio prestito dei due giocatori) la Viola avrebbe offerto al Bologna 12 milioni, da riscattare eventualmente  al termine del periodo “di prova”.

LA RISPOSTA

Giovanni Sartori, responsabile dell’area tecnica del club emiliano, ha spezzato sul nascere la trattativa. Il Bologna, come dimostrato nella finestra di calciomercato estiva, non intende infatti privarsi del proprio numero 9. Così come Juventus e Manchester United (le quali hanno dimostrato interesse nei confronti dell’austriaco), la Fiorentina dovrà tenere a freno il desiderio di avere il giocatore tra le proprie fila, e di formare la pesante coppia d’attacco Jovic – Arnautovic. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969