Dove trovarci

Una stagione “salvata” : il Liverpool risorge e si prende il terzo posto

La stagione del Liverpool, campione in carica della Premier League di quest’anno e proveniente dallo straordinario campionato giocato la scorsa stagione, è stata una delle più complicate della gestione di Jurgen Klopp.

L’allenatore tedesco ha dovuto gestire una squadra in calo rispetto all’anno scorso, e colpita dai troppi infortuni, tra cui i difensori ( il reparto della rosa più in emergenza), con Virgil Van Dijk e Joe Gomez fuori per la rottura del crociato, ed un Joel Matip mai a disposizione con continuità in questa stagione. Nonostante la formazione condizionata dai problemi fisici e dalla sfortuna, oltre che dai tanti giocatori fuori ruolo adattati per via dell’emergenza infortuni, il Liverpool ha saputo raggiungere la qualificazione in Champions League, in una corsa vissuta sino all’ultimo turno.

https://www.instagram.com/p/CPOtIwgoIX7/

 

UN BUON INZIO ED IL CROLLO

Il Liverpool parte molto bene, sia in campionato che nelle competizione europee, con il solito 4-3-3 ormai collaudato alla perfezione da Klopp. Alisson tra i pali, Alexander-Arnold sulla destra, Van Dijk e Joe Gomez (spesso scambiato con Matip per il posto da titolare) ad occupare il centro, e sulla sinistra il solito Robertson. A centrocampo c’è il nuovo innesto Thiago Alcantara, che ha  impiegato tanto tempo prima di ambientarsi, insieme a Fabinho, Jordan Henderson e Georgino Wijnaldum.

In attacco vi è il solito il trio Salah-Firmino-Mane, insieme per la quarta stagione di fila. Le brutte notizie (ma non i risultati) arrivano dal derby del Merseyside, appena alla quinta giornata. Una brutta entrata di Pickford procura un infortunio al centrale difensivo e leader olandese Van Dijk, che esce per precauzione. Ma gli esami rivelano il peggio: rottura del legamento crociato destro e stagione finita (Euro2020 compresi).

( Fonte immagine: Instagram @liverpoolfc)

Dopo appena un mese, fuori l’altro centrale. Joe Gomez subisce infatti un gravissimo infortunio al tendine rotuleo, ed è costretto a restare fuori per il resto della stagione. Per la maggior parte dell’anno, quindi, la difesa viene affidata a Fabinho, che gioca costantemente da centrale, oppure al capitano Henderson, viste le difficoltà di Williams e Phillips. I reds, che sino alla 14 giornata di campionato stavano conducendo un ottimo campionato al primo posto, si preparano al peggio.

Nei mesi di gennaio e febbraio, fra partite di campionato e coppe, perdono 7 matches, arrivando così all’ottavo posto, ed in seguito alla sconfitta casalinga rimediata contro il Fulham, precipitano a -22 dall’irraggiungibile Manchester City. Soltanto il continuo della Champions League con il passaggio ai quarti ai danni del Lipsia porta una magra consolazione.

 

IL RUSH FINALE

 “Mi piace essere ottimista, ma in campionato sarà quasi impossibile arrivare quarti e qualificarsi per la prossima Champions League. Nel peggiore dei casi ci qualificheremo per l’Europa League. Ci saranno grandi perdite finanziarie per il club e sono consapevole che, in quasi tutte le società,le colpe ricadrebbero sull’allenatore. Lo accetterei anche io, ma al Liverpoolla situazione è diversa: nessuno dubita di nessuno, siamo uniti e combatteremo assieme”.

Jurgen Klopp

Queste le parole di Klopp, che a metà marzo preparava al peggio i tifosi del Liverpool. Nel mentre anche la corsa alla Champions League si conclude ingloriosamente. Il Real Madrid si aggiudica l’accesso alle semifinali, con il risultato totale di 3-1, dopo un’andata dominata in casa ed un buon pareggio in terra inglese.

Da quel momento in poi, i reds ingranano e danno vita ad una serie di risultati positivi in successione (10 partite senza sconfitte, di cui 4 vittorie di fila dalla 35^ alla 38^). L’immagine simbolo della stagione del Liverpool, sofferta ma comunque giocata al massimo delle proprie possibilità, è il gol di Alisson contro il West Bromwich al 94^ minuto, dal solito “benedetto” calcio d’angolo battuto da TAA.

Tuttavia a due sole partite dal termine la squadra di Klopp è ancora fuori dalla zona qualificazione, con Chelsea e Leicester ancora dentro. I blues batteranno proprio le foxes nello scontro diretto, ed entrambe le squadre perderanno l’ultima partita di campionato.
Incredibilmente, rispetto a quanto annunciato dall’allenatore tedesco due mesi prima, il Liverpool è in Champions League. Dopo una stagione pesantemente condizionata dai numerosi infortuni, i campioni di questa squadra hanno saputo sopportare la pressione dopo delle brutte prestazioni, ed a trascinare la squadra nella massima competizione europea.

 

Fonte immagine in evidenza: Twitter ufficiale del Liverpool @LFC

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Calcio Internazionale