Connect with us

La nostra prima pagina

Un’ala per decollare

Pubblicato

:

Focus su Maximilian Philipp. 

CHI È

Maximilian Philipp è un calciatore tedesco di 23 anni (classe 1993) che milita nel Borussia Dortmund dalla stagione 2017/2018. Il nazionale tedesco è sbarcato al Signal Iduna Park in seguito alla trattativa che ha visto BVB e Friburgo trovare un accordo economico per il cartellino del ragazzo su una base di 20 milioni di euro complessivi; il giovane calciatore nato a Berlino ha stupito gli addetti ai lavori durante la stagione precedente e ciò ha convinto la società della Ruhr a puntare immediatamente su di lui, acquistandolo prontamente già nei primi giorni di giugno.

Si tratta di un calciatore dalla spiccata verve offensiva che è in grado di occupare pressoché tutte le caselle del reparto offensivo: Philipp è difatti una seconda punta, un’ala sinistra o, all’occorrenza, un’ala destra. Alto 1.83cm e di piede destro, l’ex-Friburgo eccelle in rapidità e controllo palla, caratteristiche che lo rendono temibile anche per le più arcigne difese avversarie.

LE CARATTERISTICHE

Le posizioni occupate da Philipp durante la sua avventura al Friburgo

Maximilian Philipp, nonostante si sia adattato ormai a giocare da ala sinistra, conserva con cura quanto appreso negli anni a Friburgo, dove veniva schierato principalmente da seconda punta nello scacchiere tattico; osservandolo giocare, difatti, si ha la sensazione che non si tratti di un ala qualunque, abile nel saltare l’uomo e nel crossare in mezzo; il giovane 23enne tedesco, infatti, oltre alle già sopracitate doti da velocista e di dribbling, è molto abile a ritagliarsi lo spazio in zona offensiva, segue la manovra d’attacco dettata dalla squadra ed è abile a tagliare all’interno dell’area, arrivando spesso per primo sui cross dei compagni o sulle seconde palle. È inoltre un giocatore imprevedibile che ama utilizzare il piede sinistro – con una certa efficacia – e la testa, sfoggiando un repertorio che lo rende una mina impazzita per le difese ed un giocatore su cui puntare sempre nel momento del bisogno. Quest’anno, difatti, ha già messo a segno 4 reti e 3 assist; 1 gol realizzato con il piede destro, 2 con il piede mancino ed 1 attraverso un colpo di testa. Se Philipp dovesse continuare a seguire questo trend, i numeri dell’anno scorso verrebbero pesantemente bruciati in nome di un’annata che avrebbe il sapore di una vera e propria esplosione di talento.

Le posizioni occupate da Philipp durante la sua avventura al Borussia Dortmund

NUMERICAMENTE PARLANDO

I numeri di riferimento da cui partire sono quelli degli anni scorsi:

Durante la stagione 2015/2016 arrivano 33 presenze condite da 8 gol e 13 assist; il ragazzo gioca prevalentemente da seconda punta e lì dà il meglio di sè; da segnalare le buone prestazioni sfornate anche quando spostato sull’out di sinistra;

Durante la stagione 2016/2017 le presenze sono 27 e tra un infortunio e l’altro le prestazioni non possono che risentirne: l’annata, però, è comunque discretamente positiva e si conclude con un bottino di 9 reti e 5 assist; gli inviti ai compagni diminuiscono ma, in rapporto ad un minor numero di presenze, aumenta lo score di reti. Inizia a delinearsi, piano piano, il suo profilo tecnico futuro.

Esordisce con i gialloneri di Bosz il 19 agosto, giocando 90 minuti nella gara che sancirà la vittoria per 3-0 sul Wolfsburg; bisognerà solamente attendere la gara seguente per vederlo siglare il suo primo assist – contro l’Hertha BSC – e la quarta giornata di campionato per emozionarsi dinnanzi alla sua prima doppietta, realizzata contro i rivali del Colonia.

http://gph.is/2gdedsp

http://gph.is/2gbLT9D

FUTURO

Maximilian Philipp, insieme a Dahoud, Goretzka, Kimmich, Sané e Werner rappresenta il futuro del calcio tedesco che, effettivamente, sembra essere più roseo che mai date lo scenario delle brillanti premesse a cui si affaccia. Il ragazzo, difatti, attraversa un processo di crescita esponenziale che procede positivamente da anni e l’approdo al Borussia Dortmund, noto per le sue straordinarie qualità di approccio ai giovani, non potrà che favorire il suo percorso di maturazione.

Il 23enne, in particolare, avrà da lavorare sulle sue abilità sotto porta: la sua evoluzione, difatti, tende verso la metamorfosi in un attaccante intelligente e spietato che, tuttavia, non ha ancora affinato il suo senso del gol: urge migliorare la precisione del tiro e la potenza stessa, di modo da poter aggiungere al suo arsenale un’altra – ennesima – abilità pericolosa. La precisione delle sue conclusioni, infatti, per ora si attesta sul 40%; si può fare di meglio.

Nel complesso, poi, non si ravvisano enormi lacune nel suo profilo tecnico-tattico; certo, l’ex-Friburgo dovrà crescere mentalmente e fisicamente, ma ciò avverrà soprattutto attraverso tempo ed esperienza…

Per ora, intanto, in Germania si godono i primi passi di una futura stella del calcio tedesco.

 

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Obiettivo 60 milioni per l’Inter: gli indiziati verso la cessione

Pubblicato

:

Dumfries

L’obiettivo dell’Inter è di trovare una cifra complessiva di 60 milioni, entro il 30 giugno. Secondo Tuttosport, questo tesoretto sarebbe fondamentale per la dirigenza, che sta giocando ad un puzzle dove tutto deve combaciare. Sì, perché la situazione legata alla cessione dei big non è definita. Il prescelto, stile Hakimi, per la cessione, è Denzel Dumfries. Il Mondiale ha fatto ciò che l’Inter sperava: mettere in mostra le qualità dell’olandese. Ma l’agente del giocatore Pimenta ha fatto presente che l’aumento della sua valutazione porterebbe ad una maggiore difficoltà per la cessione.

Una dichiarazione diretta, che fa capire come ad Appiano Gentile è stato messo in chiaro che l’olandese deve trovare una sistemazione che lo paghi a fior di quattrini. Ma parlavamo di un puzzle, perché il tassello Skriniar potrebbe cambiare la situazione relativa alla cessione di Dumfries, perché il rinnovo non arriva e il PSG spinge. Un mancato rinnovo obbligherebbe i nerazzurri a cedere lo slovacco a gennaio, con conseguente permanenza dell’Orange.

Non basterebbe la cessione di uno dei due per far quadrare i conti: l’obiettivo è anche cedere giocatori come Lazaro e Sensi, investimenti onerosi senza un ritorno adeguato.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

5 top club su Vlahovic: la risposta della Juve

Pubblicato

:

Juventus

L’avventura ai Mondiali di Vlahovic, così come la prima parte della stagione vissuta in maglia bianconera, è stata caratterizzata dalla pubalgia che ormai lo affligge da mesi, che da uno stato d’animo inquieto. In Qatar il serbo ha giocato solo 66 minuti realizzando solo un gol, alla Svizzera.

Lunedì, dopo dieci giorni di vacanza post Qatar 2022 Vlahovic sarà di nuovo a Torino, per riprendere la preparazione in vista del 4 gennaio. Il serbo vuole rimettersi in carreggiata per dimenticare questa prima fetta di stagione.

IL MERCATO CHIAMA

Seppur il giocatore sia un punto fermo della rosa di Max Allegri, non sono mancati i tanti sondaggi dei club esteri in particolare. Come riporta Tuttosport, infatti, cinque top club esteri si sarebbero informati sul serbo: nello specifico, si tratterebbe di Chelsea, Manchester United, Arsenal, Bayern Monaco e PSG. La decisione della Juve sarebbe quella di non lasciarlo partire né oggi né in futuro, ma se arrivasse l’offerta giusta il club potrebbe vacillare.

 

 

Continua a leggere

Calciomercato

Luis Alberto potrebbe rimanere in biancoceleste: il motivo

Pubblicato

:

Lazio

La situazione Luis Alberto ha tenuto per diversi mesi i tifosi biancocelesti sulle spine. Le dichiarazioni sia della società che dell’entourage del giocatore hanno fatto comprendere che ormai il rapporto è complicato. Tuttavia, il giocatore si sta allenando con costanza a Formello, sotto gli occhi di mister Sarri, a differenza dei mesi precedenti fatti di “mal di pancia”.

Stando a quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, lo spagnolo sarebbe ormai conscio che la Lazio non ha nessun accordo con possibili acquirenti. Il problema sta nella formula richiesta da Lotito, 20 milioni e a titolo definitivo. I soldi andrebbero subito su Ilic, giocatore del Verona richiesto da Sarri per sostituire Luis Alberto. Le società interessate, quali Valencia, Villarreal e Atletico, mettono come condizione il trasferimento a titolo temporaneo. A queste condizioni non si lavora, Lotito avvisa, e il giocatore avrebbe ripreso gli allenamenti proprio perché sta prendendo sempre più forma la clamorosa riappacificazione con Sarri, dopo la guerra di questo inizio stagione.

Continua a leggere

Calciomercato

Il Torino segue Parisi per gennaio: il piano della dirigenza

Pubblicato

:

Lazio

A meno di un mese dall’apertura del mercato invernale, il Torino di Ivan Juric inizia a muoversi sul mercato per cercare di fare quel salto di qualità che possa portare i granata nella parte sinistra della classifica.

Il D.S. Vagnati è alla ricerca del giocatore giusto da regalare ad Ivan Juric. Come riporta La Stampa, il nome sul taccuino della dirigenza del Torino risponderebbe al profilo di Fabiano Parisi, terzino sinistro in forza all’Empoli. L’ex Avellino è molto seguito sia in Italia (sponda Lazio) che all’estero (Wolfsburg, Everton).

IL PIANO

Parisi potrebbe approdare in Granata grazie ai buoni rapporti tra le società, come si può vedere dal trasferimento di Ricci. Il piano della dirigenza piemontese prevede 2 milioni di euro immediati ed ulteriori 8 a giugno.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969