Connect with us

Generico

United-Chelsea, i 5 giocatori che hanno vestito entrambe le maglie

Pubblicato

:

Il fascino della Premier League è unico nell’universo calcistico: un campionato che raccoglie la maggioranza dei migliori calciatori e allenatori del continente, inseriti nel contesto del calcio inglese, ovvero il modello che tutti vogliono imitare. C’è ancora più fascino, però, quando le big si affrontano, come questa domenica: alle ore 17:30 all’Old Trafford inizierà Manchester United-Chelsea, Red Devils vs Blues.

In omaggio ad una delle classiche del calcio inglese abbiamo selezionato i 5 giocatori, più un bonus, che hanno giocato con entrambe le squadre durante le loro carriere. C’è chi è cresciuto con una maglia e poi ha indossato l’altra, chi è stato una comparsa e chi ha scritto la storia a modo proprio.

ROMELU LUKAKU

Lukaku negli ultimi anni si è affermato come uno degli attaccanti più forti del panorama internazionale, segnando gol a grappoli sia con i club che con il Belgio. Esploso in patria all’Anderlecht, è stato acquistato dal Chelsea quando aveva 18 anni per 22 milioni di euro. Ma con la maglia dei Blues ha trovato poco spazio, complice anche la presenza di un certo Drogba, finendo in prestito al West Brom prima e all’Everton poi.

I Toffees lo hanno riscattato e lui ha ripagato la fiducia del club, segnando 87 reti in 166 presenze. A quel punto il Chelsea ha provato a comprarlo di nuovo, ma alla fine dell’estate del 2017 l’ha spuntata lo United, pagando circa 85 milioni di euro all’Everton. Lukaku è riuscito a giocarsi bene le proprie carte dopo l’esperienza negativa al Chelsea, adesso è il numero 9 del Manchester United, l’attaccante chiamato a riportare i fasti di un tempo. I tifosi dei Red Devils sono pazzi di lui, tanto da avergli dedicato anche questo coro un po’ particolare. D’altronde, fare gol è la cosa che gli riesce meglio.

NEMANJA MATIĆ

Un altro giocatore che oggi indosserà la maglia dei Red Devils, ma che in passato ha vestito quella dei Blues, è Nemanja Matić. Il centrocampista serbo ha vissuto le migliori stagioni della propria carriera con il Chelsea, ma non tutti conoscono di preciso la sua storia. Acquistato giovanissimo dai Blues nel 2009, raccoglie anche due presenze in campionato, festeggiando la vittoria della Premier. Due anni più tardi il Chelsea decide di acquistare David Luiz dal Benfica, inserendo all’interno della trattativa il cartellino di Matić. In Portogallo il serbo matura definitivamente, tanto da diventare in pochissimo tempo uno dei centrocampisti più interessanti d’Europa. Il Chelsea, allora, decide di riportarlo di nuovo a Stamford Bridge nel 2014, una scelta azzeccata: Matić vince due volte la Premier e una Coppa di Lega.

Poi, un po’ a sorpresa, nel luglio 2017 passa al Manchester United, ritrovando il suo ex-allenatore José Mourinho. Conte, in quel momento tecnico del Chelsea, si confessò molto dispiaciuto per la cessione del serbo. In passato Matić è stato accostato spesso all’Italia, chissà che nella prossima estate non succeda di nuovo. Un centrocampista come lui può rivelarsi fondamentale, lo sanno benissimo sia Mourinho che Conte, non proprio due allenatori qualsiasi.

DANNY DRINKWATER

Danny Drinkwater è stato uno dei protagonisti principali nella magica cavalcata del Leicester del 2015/16, vincendo la Premier League con Ranieri in panchina. Drinkwater giocava già con le Foxes da alcune stagioni, ma prima di approdare al Leicester e affermarsi ha trovato molte difficoltà. Il centrocampista inglese è originario di Manchester ed è cresciuto proprio nel settore giovanile dei Red Devils, ma non è mai riuscito a ad esordire in prima squadra.

Allora ha giocato nelle serie minori, vestendo le maglie di Huddersfield, Cardiff, Watford e Barnsley prima di approdare al Leicester. Il turning point della sua carriera è stata la vittoria della Premier, tanto che nell’estate successiva è stato acquistato dal Chelsea per una cifra vicina ai 40 milioni di euro. In molti si aspettavano un centrocampista maturo, ormai pronto al salto in una big. Ma così non è stato: lo scorso anno Conte lo ha utilizzato pochissimo, anche a causa di alcuni infortuni, mentre con Sarri non ha praticamente mai giocato. Drinkwater ha scritto la storia con la maglia del Leicester, solo per questo se lo ricorderanno in futuro dalle parti di Old Trafford e di Stamford Bridge.

JUAN MATA

La carriera e il palmarès di Juan Mata parlano per lui: ha fatto parte del ciclo d’oro della Spagna vincendo il Mondiale del 2010 e l’Europeo del 2012, ha vinto una Champions, due Europa League e tanti altri trofei. Quello che impressiona è che ha vinto ovunque, con il Valencia, con il Chelsea e con il Manchester United, le tre maglie principali che ha vestito durante la sua carriera. Con i Blues è stato uno dei protagonisti principali dell’incredibile Champions vinta con Di Matteo in panchina, ai rigori contro il Bayern Monaco.

Poi si è trasferito allo United nel 2014, vincendo la finale di Europa League contro l’Ajax nel 2016. In Premier League ha giocato 241 partite, annotando 49 gol e 60 assist. Da titolare o da subentrato è sempre stato una pedina importante per qualsiasi allenatore, facendosi volere bene sia dai tifosi Blues che da quelli Red Devils. Un altro punto a favore di Mata è la sua fondazione, denominata “Common Goal”, dove i calciatori possono iscriversi e donare una percentuale del loro stipendio in beneficienza. Vedremo se nella partita di domani Mata sarà protagonista, per conquistare la Champions lo United non può prescindere da un giocatore come lui.

JUAN SEBASTIÁN VERÓN

Come ultimo giocatore che ha vestito entrambe le maglie durante la propria carriera ne abbiamo scelto uno di culto, ovvero Juan Sebastián Verón. La Brujita, questo il suo apodo, è stato uno dei migliori centrocampisti a cavallo tra la fine degli anni ’90 e gli inizi del 2000. È sbarcato in Italia alla Sampdoria, via Boca Juniors, e ha vinto poi con il Parma, con la Lazio e con l’Inter. Il maggior picco, quindi, della carriera Verón lo ha vissuto in Italia, e gli ha permesso di trasferirsi nel 2001 al Manchester United. Un acquisto importante, sponsorizzato in prima persona da Sir Alex Ferguson, all’epoca manager dei Red Devils. Ma l’argentino in Inghilterra non si ambientò benissimo e dopo due stagioni venne ceduto al Chelsea. Anche con i Blues i risultati furono deludenti, così Verón decise di tornare in Argentina, al suo amato Estudiantes. Adesso è presidente del club di La Plata, ma i tifosi dello United possono ritenersi fortunati di aver visto gli ultimi veri colpi di questo centrocampista fenomenale.

BONUS: JOSÉ MOURINHO

Menzione speciale, dopo i giocatori, ad uno degli allenatori più vincenti degli ultimi anni del calcio mondiale. José Mourinho ha vinto tutto quello che poteva vincere in carriera, iniziando con la Champions incredibile nel 2003/04 con il Porto. Ma il vero trampolino di lancio dello Special One è stato il Chelsea, è con i Blues di Londra che è iniziato tutto. In Inghilterra Mourinho si è affermato in quegli anni come uno dei tecnici più preparati del panorama, ha vinto due volte la Premier League e ha dato al club di Roman Abramovič quella dimensione europea che mancava. Poi è arrivato il triplete con l’Inter e l’esperienza sulla panchina del Real. Nel 2013 è tornato al Chelsea, vincendo ancora una volta la Premier, ma dopo solo due stagioni ha deciso di accettare la panchina del Manchester United, in cerca ancora di un degno erede dopo l’epopea di Ferguson.

Mourinho con i Red Devils ha vinto l’Europa League, ma non è riuscito a raggiungere i massimi risultati che ha toccato in precedenza. Pochi mesi fa è stato esonerato e adesso – come una bella donna – tutti lo desiderano di nuovo. Tutto questo è José Mourinho.

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

La Cremonese giocherà l’8 dicembre contro il Salsomaggiore: i dettagli

Pubblicato

:

Castagnetti

Tra i club di Serie A impegnati in amichevoli di vario tipo, fondamentali per non far perdere il ritmo ai calciatori, non fa eccezione la Cremonese; i grigiorossi infatti, oltre al match dal sapore natalizio contro il Torino il 23 dicembre, si starebbero muovendo per disputare qualche altro incontro. Come riportato da La Provincia, sarebbe già in programma per l’8 dicembre una partita col Salsomaggiore, militante in Serie D.

Continua a leggere

Flash News

Napoli in ritiro in Turchia: due giocatori si allenano a parte

Pubblicato

:

Pronostico Liverpool-Napoli

Approdato tre giorni fa a Belek, in Turchia, il Napoli prosegue gli allenamenti che dovranno preparare Osimhen e compagni a difendere la leadership solitaria in campionato, ottenuta nei mesi scorsi; il 7 dicembre i ragazzi di Spalletti affronteranno l’Antalyaspor, seguito dal match di quattro giorni dopo contro il Crystal Palace.

Parallelamente agli allenamenti del gruppo prosegue il piano di recupero di Amir Rrahmani Salvatore Sirigu, che si stanno allenando a parte, rispettivamente in campo ed in piscina.

Continua a leggere

Flash News

L’Empoli va a Marbella: amichevoli con Sturm Graz e Wolverhampton

Pubblicato

:

Destr

La visita dell’Empoli a Marbella ha ben poco a che fare col turismo balneare; in Andalusia, dove è approdata due giorni fa, la squadra toscana è infatti attesa da due partite amichevoli, di cui la prima si giocherà domani, contro lo Sturm Graz. Quattro giorni dopo ad affrontare i ragazzi di Paolo Zanetti toccherà al Wolverhampton; è già in programma inoltre una terza amichevole, contro il Monaco al Castellani il 16 dicembre.

Tutti test probanti per scaldare i motori in vista del ritorno in Serie A nel 2023. La prima sfida dell’Empoli sarà contro l’Udinese, in terra friulana.

Continua a leggere

Flash News

Lecce, Dermaku prosegue il lavoro differenziato: i dettagli

Pubblicato

:

Lecce

Prosegue in casa Lecce la preparazione in vista di quello che sarà un intenso 2023 di Serie A; i salentini, nonostante 8 rassicuranti punti di vantaggio sulla Cremonese terzultima, sono ancora ben lontani dal raggiungere l’obiettivo salvezza, per la quale servirà una rosa il più al completo possibile.

In questa direzione lavora dunque Kastriot Dermaku, difensore albanese che sta proseguendo il proprio programma di lavoro differenziato per recuperare dal recente infortunio al bicipite femorale della coscia (lesione di primo grado).

Nell’allenamento di ieri ha continuato a prendere confidenza con il campo, e in questo senso proseguirà la sua preparazione al primo match del 2023 del suo Lecce, in casa contro la Lazio.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969