Connect with us

Champions League

Van Bronckhorst in conferenza: “Napoli avversario difficile. Il Maradona è speciale per me”

Pubblicato

:

Rangers

Giovanni van Bronckhorst, allenatore dei Glasgow Rangers, ha parlato alla vigilia in conferenza stampa della sfida di domani sera che vedrà i la sua squadra di scena al Maradona nella quinta giornata del girone A di Champions League, contro il Napoli di Spalletti. van Bronckhorst ha analizzato soprattutto il difficile momento dei suoi e soffermandosi molto sull’atmosfera del Maradona e dei tifosi partenopei.

Di seguito le parole del tecnico in conferenza stampa:

Napoli squadra peggiore per uscire da questo momento?
“Naturalmente sì, hanno vinto 11 gare di fila ma questo lo sappiamo già. Ciò che possiamo fare è dare il meglio”

Come state a livello mentale? Ci saranno cambiamenti?
“Abbiamo diversi giocatori che sono fuori e che non possono essere schierati. C’è un calendario pieno, dei cambiamenti dovranno essere fatti ed effettivamente domani ne effettueremo”.

Servirà tirare fuori la personalità?
“Sì, serve una risposta sotto quello aspetto. Serve una personalità per giocare certe gare, affrontiamo una squadra forte ma dobbiamo scendere in campo senza paura. Dobbiamo giocare al nostro meglio e provare a portare a casa un risultato positivo“.

Un pensiero su Maradona…
Maradona ha un significato speciale per me. Avevo 11 anni nel mondiale del 1986, ricordo i titoli del giornale che parlavano di lui. L’ho incontrato un paio di volte, è stato il mio idolo. Ho solo bei ricordi di lui, la città lo sostiene alla grande e lo stadio porta il suo nome“.

C’è il rischio che la squadra collassi in caso di altro ko?
“Domani dobbiamo partire subito forte altrimenti rischiamo di restare indietro. Può capitare di subire un gol ma non dobbiamo calare la nostra intensità, è importante difendersi bene“.

Un aneddoto su Maradona?
“Ero in Argentina, torno in autobus con noi in una vittoria in semifinale mondiale. Si congratulò con noi e rese tutta la squadra felice”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Al-Khelaifi diretto contro Juve, Barca e Real: “Non vi piace la Champions? Non giocatela”

Pubblicato

:

PSG

Intervistato a Sky Sport UK, il presidente del PSG Nasser Al-Khelaifi si è esposto sulla questione Superlega, andando a punzecchiare le tre società fondatrici: Juventus, Barcellona e Real Madrid. Ecco le sue parole:

A Barcellona, Real Madrid e Juventus chiedo solo una cosa, ma cosa volete? Non vi piace la Champions League come è ora? E allora non giocatela, partecipate solo ai campionati. Se a me non piace una cosa semplicemente non la faccio. Lo sport deve essere così, non deve essere la vetrina per nessun politico. Io non sono un politico e non mi interessa farlo. E sono orgoglioso di quanto stiamo facendo col calcio nel mio paese, il Qatar“.

Continua a leggere

Champions League

L’Arsenal punta ancora Mudryk, presto arriverà l’offerta per lo Shakhtar Donetsk

Pubblicato

:

Mudryk

L’Arsenal vuole portare a casa Mykhalo Mudryk, il club inglese si sta preparando per presentare l’offerta allo Shakhtar Donetsk. Secondo il noto giornalistaNicolò Schira, la società londinese offrirà circa 50-60 milioni per accasarsi le prestazioni del centrocampista ucraino. Nel mese di agosto il classe 2001 aveva raggiunto un accordo con i Gunners, ma il tutto venne bloccato dalla squadra ucraina, che rifiutò la proposta degli inglesi.

Mudryk in questa stagione in campionato con la maglia dello Shakhtar ha trovato 7 reti e ha fornito anche 7 assist, ha messo la sua firma anche in Champions League, 3 reti nella fase a gironi. Insomma i numeri sono di alto livello, in Premier League avrebbe la possibilità di consacrarsi.

 

Continua a leggere

Champions League

Shevchenko: “Il gol più importante in un derby? Quello in Champions”

Pubblicato

:

Andriy Shevchenko, ospite a Milan TV, ha ripercorso le sue gesta e vittorie in rossonero, in particolare parlando dei suoi ricordi nei derby contro l’Inter.

È così venuto a galla il famoso derby di Champions del 2003, partita in cui proprio Sheva andò in gol.

Ecco le parole del bomber ucraino: (da “alfredopedulla.com“):

“I derby? Una preparazione speciale: i tifosi fanno sempre coreografie bellissime, è un qualcosa di diverso dalle partite normali. Ne ho giocati sia in campionato che in Champions League, c’era una bellissima atmosfera, soprattutto la settimana prima in città si sentiva la tensione, la gente cominciava a prepararsi. Poi prima della partita, da giocatore, hai diversi sentimenti, sai quanto ci tengono i tifosi”.

Sul suo approccio per i derby:

“I derby li approcciavo diversamente dalle altre partite, avevo qualcosa dentro che mi rendeva più concentrato. Quello che sarebbe successo dopo non mi interessava”.

E infine, sul derby di Champions:

“In quel momento era stato il gol più importante della stagione, ci ha dato la possibilità di andare in finale. Se ripenso alla mia carriera di oltre 20 anni, è basata sugli episodi, parte di questi episodi sono questi momenti decisivi: quando prendi una decisione giusta, quando fai gol o non lo fai, sono momento che formano una carriera, non solo come calciatore, ma anche del Milan come società e dei tifosi”.

Continua a leggere

Champions League

Pioli pensa alla Champions: possibili nuovi nomi nella lista europea

Pubblicato

:

Pioli

Nonostante tutti i riflettori siano puntati sul Mondiale in Qatar, i club europei pensano già alla seconda parte di stagione ricca di impegni e sfide affascinanti. Il Milan affronterà agli ottavi di Champions League il Tottenham di Antonio Conte, dunque Stefano Pioli sta valutando nuovi inserimenti nella lista per la coppa dalle grandi orecchie. Il tecnico rossonero sta seriamente pensando di inserire due calciatori giovani ma di buona prospettiva, ovvero il belga classe 2002 Aster Vranckx e il tedesco classe 2001 Malick Thiaw. I due calciatori non hanno trovato molto spazio in questa prima parte di stagione, ma la società rossonera ha dimostrato negli ultimi anni di saper attendere la crescita dei giovani calciatori. Due esempi recenti sono Tonali e Leao, i quali hanno avuto qualche difficoltà all’inizio per poi crescere gradualmente fino alla consacrazione definitiva.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969