Connect with us
Venezia, il grande inizio in Serie A per riscrivere la storia

Generico

Venezia, il grande inizio in Serie A per riscrivere la storia

Pubblicato

:

venezia

Una delle sorprese meno preventivabili di quest’inizio di Serie A è sicuramente il Venezia. Il ritorno nella massima serie dei lagunari è stato accolto con un po’ di scetticismo. Le prime considerazioni sono state sulla costruzione di una rosa inesperte e apparentemente poco competitiva. A ciò va sommata anche la mancanza da questi palcoscenici da oltre 19 anni e un allenatore molto promettente ma reduce da una gavetta importante culminata con la Serie A. La risposta sul campo è stata sorprendente. Sono stati raccolti 12 punti nelle prime 12 giornate con un +3 dalla zona retrocessione.

L’APPROCCIO AL CAMBIO CATEGORIA

A queste voci che la volevano tra le favoritissime alla retrocessione ecco servita una risposta motivata e determinata. La continuità nello stile di gioco improntato da Zanetti è stata la chiave di questi primi successi. Il passaggio dalla cadetteria alla massima serie e il sostanzioso mercato estivo non hanno alterato le idee del mister. La spiccata vocazione offensiva di questo Venezia indipendentemente dall’avversario che ha di fronte è invidiabile. Il 3-2 con la Roma nell’ultimo match è il chiaro esempio della grandezza di questa mentalità.

Il lavoro dietro a questo tipo di prestazioni è costante e procede imperterrito. Anche solo dalla sconfitte di inizio stagione si è vista un’assimilazione chiara dei concetti voluti da Zanetti. Il pressing alto e feroce volto alla riconquista rapida del possesso è presente come un dogma incontestabile. L’allenatore ha, quindi, costruito un calcio moderno alla ricerca immediata della verticalità sull’attaccante fisico, sull’esterno veloce o sull’uomo di maggiore fantasia sulla trequarti.

GRANDI PREMESSE PER UN FUTURO ROSEO

Oltre a un progetto tecnico molto promettente guidato da un allenatore e uno staff capaci di portare al massimo una rosa dal grande potenziale, c’è una società solida a reggere il tutto. Il presidente Niederauer, miliardario americano, si è avvalso di persone competenti di calcio italiano e del mondo Venezia. Il ritorno dei lagunari ai fasti di un tempo va attribuito anche alla coppia Collauto-Poggi. Il direttore sportivo e il responsabile dell’area tecnica hanno dimostrato un’ottima sintonia nel costruire una rosa giovane e plasmabile secondo le volontà chiare di Zanetti.

L’aspetto da non sottovalutare e di grande interesse in laguna è quello dello stadio. Il Penzo ha radici storiche e caratteristiche uniche nel suo genere ma la proprietà americana vuole fare all-in. Da anni la questione stadio ha scosso Venezia che da molto tempo vuole provare a costruire una struttura in terra ferma. La Serie A raggiunta quest’anno potrebbe f0rnire l’assist perfetto per l’avvio dei lavori in una città dove nel calcio e nello sport in generale si vuole investire sempre di più. Il Venezia, quindi, anche come società ha ampi margini di miglioramento perché cresce su basi solide con idee chiare e decise volte a crescere anno dopo anno. La Serie A per il Venezia non è solo di passaggio ma rappresenta il primo traguardo di un progetto lungimirante e ambizioso.

(Fonte immagine in evidenza: diritto Google creative Commons)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Condò contro Pioli: “Leao va messo anche nel suo momento peggiore”

Pubblicato

:

Milan

Il grande rebus di oggi in casa Milan è legato a Leao. Prestazioni in declino rispetto a quanto visto nell’ultimo anno, ma il portoghese è sempre stato irrinunciabile negli 11 titolari di Pioli. Tuttavia, in vista del derby la possibilità per il fuoriclasse di andare in panchina è sempre più concreta. Ha parlato di questo Paolo Condò a Sky Calcio – L’originale: “Non capirei un’esclusione di Leao. Piuttosto cambio sistema di gioco e metto la coppia Giroud-Leao davanti. In questo periodo non sta giocando bene ma è sempre il tuo giocatore migliore”.

L’ultima vittoria del Milan è datata 4 gennaio e porta la firma proprio di Leao. Da quel momento solo pareggi e sconfitte di larga scala, come con il Sassuolo e la Supercoppa. Bisogna cambiare rotta, il prima possibile. Ragion per cui la scelta di Pioli che potrebbe veder Leao in panchina sembra un azzardo. Resterà da capire se da jolly da usare in pieno corso della partita potrà essere un fattore importante.

Continua a leggere

Flash News

Tifosi della Lazio sempre presenti: terza trasferta consecutiva sold-out

Pubblicato

:

Lazio

La Lazio sta vivendo un ottimo periodo sotto la guida di Sarri. I biancocelesti sono attualmente al quarto posto in classifica e possono potenzialmente raggiungere il terzo o quarto posto con una vittoria oggi contro il Verona, in base anche all’andamento del derby di Milano. La sconfitta in Coppa Italia contro la Juventus non cancella quando di buono fatto in questo periodo, con i ragazzi di Sarri in piena corsa sia per la Conference League che per la zona Champions.
L’entusiasmo si sta facendo sentire, tantissimi tifosi laziali si dicono soddisfatti del lavoro del proprio comandante. E dopo quella di Lecce e Reggio Emilia, si avvicina la terza trasferta consecutiva sold-out per i biancocelesti. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, sono al momento 1448 su 1781 i biglietti acquistati, ragion per cui nelle prossime ore ci si aspetta un acquisto di quelli rimanenti, registrando un tutto esaurito. Segno della grande fiducia verso la squadra che è competitiva su tutti i fronti.

Continua a leggere

Flash News

L’incredibile momento di Victor Osimhen: si avvicina un interessante bonus

Pubblicato

:

Dove vedere Spezia-Napoli

Osimhen è un valore aggiunto per il Napoli. Il nigeriano è sempre andato in doppia cifra da quando gioca in Italia. Il suo record personale è di 15 goal in campionato e, come riporta la Gazzetta, manca veramente poco per superarlo. In questa stagione la crescita esponenziale è dovuta anche a mister Spalletti, che ha puntato tanto sull’aspetto tecnico e mentale. Contro lo Spezia può migliorare lo score contro le squadre liguri, regione in cui ha segnato 6 goal, più di qualunque altra d’Italia (Campania esclusa).
È stato fatto notare a mister Spalletti come sotto la sua guida i goal di testa siano aumentati (12 al momento) e lui ha fatto capire come la potenzialità di Victor e della squadra è di segnare molto di più.
Ciò che impressiona di Osimhen è la sua mentalità, aspetto cresciuto molto. Nell’ultima partita, dopo una sostituzione poco gradita dal pubblico, ha accettato la decisione senza proteste ed è stato tra i primi ad esultare per il goal dell’amico Simeone, subentrato proprio al nigeriano.
Le ottime prestazioni faranno esultare Osimhen anche sul lato dei bonus: ai 20 goal segnati arriveranno 130 mila euro, poi ogni 5 altri 130 mila.

Continua a leggere

Flash News

I dubbi di Simone Inzaghi pre Inter-Milan: tentazione Lukaku?

Pubblicato

:

Lukaku

Oggi è il grande giorno, il derby di Milano sarà decisivo per l’andamento in campionato delle due squadre coinvolte. Spesso negli ultimi anni questa partita è stata uno spartiacque, che ha aperto periodi positivi o negativi per entrambe.

Lato Inter, secondo il Corriere dello Sport, Inzaghi avrebbe una tentazione per la formazione titolare. L’idea sarebbe quella di mettere in campo Lukaku dal primo minuto, ma solo questa mattina deciderà, nel corso della rifinitura. Non è più certa la titolarità di Dzeko in questo momento.

In Coppa Italia era chiaro come la titolarità Lukaku avrebbe permesso a Dzeko di partire dal primo minuto nel derby. Questo perché il belga sarebbe poi stato in grado di guadagnare minuti nelle gambe. Ma la prestazione è stata ottima e sta convincendo Inzaghi a cambiare decisione. Il giocatore è, inoltre, un incubo del Milan, con 5 goal in 5 partite giocate contro i rossoneri.
Ma dall’altro lato, Edin Dzeko è in ottima forma e ha aiutato moltissimo nella difficile prima parte di stagione. Inzaghi non dimentica la prestazione decisiva in Supercoppa del bosniaco proprio contro il Milan. La decisione arriverà proprio in queste ore.

Tra le certezze di Inzaghi troviamo Skriniar in difesa, confermato dal tecnico stesso. Nella fascia destra e in difesa sono favoriti Darmian e Acerbi. Tornano a disposizione Handanovic e Brozovic.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969