Connect with us

La nostra prima pagina

Perché Ventura non convoca Jorginho?

Pubblicato

:

I problemi di gioco della Nazionale sono evidenti, le ultime partite li hanno portati alla luce in modo lampante. Sconfitta umiliante contro la Spagna, pareggio in casa contro la modesta Macedonia, e vittorie sofferte e risicate contro Israele e Albania. Gli infortuni non aiutano, ma ciò che sembra mancare è un’identità, un’idea di quello che i giocatori devono fare in campo.

Sia chiaro, l’Italia non ha mai avuto un gioco spettacolare, ma ogni commissario tecnico ha formato la sua squadra attraverso dettami precisi. I ragazzi di Conte, ad esempio, impostavano la partita sul pressing alto ed asfissiante, sul lavoro di sponda della prima punta (e l’appoggio della seconda), sugli inserimenti degli interni di centrocampo. Il primo Prandelli aveva la fortuna di avere ancora Pirlo, che faceva giocare come vertice basso del suo rombo, equilibrando il centrocampo con un trequartista atipico, ma ordinato, come Montolivo.

E l’Italia di Ventura? L’attuale commissario tecnico ha cercato di “insegnare” ai suoi calciatori i movimenti del suo amato 4-2-4, nonostante quasi tutti gli azzurri siano abituati a pensare il calcio in modo diverso. Non esiste un vero regista, spesso è un Bonucci fuori forma a cercare l’imbucata per i due attaccanti, saltando di netto il centrocampo. Il possesso palla e il controllo della gara sono totalmente assenti, la Nazionale vive di fiammate incostanti, che portano ad azioni concrete solo quando la palla riesce ad essere controllata dagli attaccanti.

Perché, se quasi tutti gli interpreti sono abituati al 4-3-3 con il regista basso, Ventura si ostina a proporre soluzioni diverse? Perché Verratti non gioca nella posizione che gli compete e Jorginho addirittura viene lasciato a casa?

POSTMETODISMO

La risposta ce l’ha già data il ct stesso, che alla domanda sulla mancata convocazione dell’italo-brasiliano ha risposto: “Non mi serve un metodista”. Vero, nel suo gioco il regista-metodista non esiste. Peccato che esista in quasi tutte le squadre della Serie A, a partire dal Napoli di Sarri (proprio con Jorginho), proseguendo con la Roma di Di Francesco (De Rossi), fino anche alla Lazio di Inzaghi (Leiva). L’elenco continua, anche se con qualche differenza, citando la Juventus di Allegri (Pjanic) fino all’Inter di Spalletti, che ha acquistato Borja Valero proprio per avere un faro che illuminasse il gioco dei nerazzurri.

Il metodista, tanto per intenderci, non è il regista talentuoso alla Pirlo, non è il centrocampista che manda in porta gli attaccanti con una verticalizzazione improvvisa. Il metodista è colui che lega i reparti, che attraverso passaggi brevi muove il pallone da una porzione di campo all’altra. Jorginho nel Napoli fa proprio questo: non è quello che dà la svolta all’azione offensiva (Hamsik), ma è colui che raccoglie la palla dalla difesa, che “pulisce” le situazioni intricate, che rappresenta il centro strategico intorno al quale si sviluppa tutta l’organizzazione di squadra.

Si tratta di una nuova versione del metodista – una sorta di postmetodismo –  complice lo spostamento del regista in diverse zone del campo, a seconda delle situazioni (ad esempio il centro nevralgico della manovra dell’Atalanta è Gomez, che fa l’esterno).

IL CENTROCAMPO DI VENTURA

Il CT dell’Italia ha deciso di non avere questo tipo di giocatore tra i suoi convocati. O meglio, ce li avrebbe anche, ma assegna loro compiti diversi. Jorginho si può anche non chiamare, ma lasciare a case due come De Rossi e Verratti sarebbe impossibile, e quindi i due sono costretti a giocare in un centrocampo a quattro, formando una specie di diga lì in mezzo. Nelle ultime partite, causa l’assenza dei due, questo compito è stato svolto da Gagliardini e da Parolo; se l’interista in quella posizione ci può anche stare, un giocatore amante degli inserimenti come il laziale non può rimanere statico in quel ruolo per tutta la partita.

Mancanza di un’idea di gioco e calciatori fuori posizione: i due problemi principali della Nazionale, che potrebbero essere entrambi risolti adottando il 4-3-3. Aggiungendo un centrocampista infatti, oltre a creare maggiore densità in mezzo al campo, gli azzurri avrebbero la possibilità di legare maggiormente i reparti tra loro, di avere un centro nevralgico del gioco, e di costruire l’azione passando dai centrocampisti. Inoltre, inutile dirlo, Insigne tornerebbe nel ruolo che lo esalta, e Belotti e Immobile potrebbero alternarsi in modo efficace nel ruolo di prima punta.

Le indicazioni che la Serie A fornisce sono quelle del 4-3-3, del possesso palla, del regista basso con le due mezzali, degli esterni offensivi che si stringono in mezzo al campo (invece che allargarsi come nel 4-2-4).

I concetti verticali di Ventura sembrano invece legati ad un calcio un po’ vecchio, che predilige distanze lunghe e una squadra sviluppata in ampiezza, piuttosto che l’occupazione stretta degli spazi e la compattezza dei reparti (aiutata dal metodista e dalle mezzali) del calcio moderno.

JORGINHO SÌ O JORGINHO NO?

La questione sul perché Ventura non convochi Jorginho non si risolve dunque nella valutazione del calciatore, ma deve per forza comprendere una visione più ampia legata all’idea di gioco che il CT ha in testa. Dal punto di vista della coerenza dunque, il tecnico fa bene a non chiamarlo, visto che già è “costretto” a convocare due come Verratti e De Rossi, solo per certi versi adattabili in un centrocampo a due.

Se però l’idea di gioco che il ct ha in testa non funziona, sia perché i giocatori non sono abituati a quei movimenti, sia perché il calcio moderno si muove in modo diverso, forse si dovrebbe cambiare qualcosa. Forse il centrocampo a tre sarebbe la soluzione, e in quel caso Jorginho potrebbe essere la riserva di De Rossi o di Verratti, a seconda delle situazioni.

Un’identità a questa Nazionale serve come il pane, altrimenti ai Mondiali (spareggi permettendo) si rischia di fare una brutta figura. La gestione della partita passa soprattutto dal possesso palla, per due motivi principali: il più ovvio è legato all’aspetto calcistico, ovvero se tieni palla comandi anche il gioco; il secondo invece riguarda l’aspetto mentale, perché fare in modo che il pallone passi a più giocatori possibili durante l’azione, aumenta l’autostima dei singoli, e contribuisce a creare un’identità di gruppo.

Le partite quasi sempre si vincono a centrocampo, e le più grandi squadre in quel reparto hanno almeno tre uomini. Forse sarebbe meglio adattarsi, prima che alle grandi Nazionali, soprattutto alle idee del calcio moderno.

Forse, dunque, un metodista (o un postmetodista) a questa Nazionale serve.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Belgio, Martinez: “Contro la Croazia spero di avere Lukaku”

Pubblicato

:

Eriksen

Dopo la clamorosa sconfitta contro il Marocco, per il Belgio diventa cruciale la partita contro la Croazia per sperare nella qualificazione agli ottavi di finale di Qatar 2022. Il ct dei Diavoli Rossi Martinez ha bisogno che i suoi giocatori producano il massimo sforzo per raggiungere l’obiettivo.

Importante, riguardo a ciò, è il recupero a pieno regime di Romelu Lukaku, ancora alle prese con le noie muscolari che lo attanagliano da tempo e sceso in campo solo per uno spezzone nello scorso match. Ecco come si è espresso Martinez a RTBF proprio a proposito del suo attaccante:

In ogni squadra servono giocatori che influenzino maggiormente il gioco. Il Belgio è felice di poter contare ancora su Romelu Lukaku. Più opzioni ci sono, meglio è. Vedremo nei prossimi giorni se Romelu potrà partire titolare contro la Croazia, ma lo spero“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Kjaer: “Non sto bene, giusto lasciarmi fuori”

Pubblicato

:

Kjaer

Dopo la sconfitta di sabato della Danimarca, contro la Francia, per 2-1, Simon Kjaer ha concesso un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

L’ex difensore di Roma e Palermo ha parlato così nel post partita: “Non sto bene, non posso giocare 90’, giusto sia stato fuori. Mbappé è incredibile, mai visto nessuno così veloce. Non ho parlato di rinnovo con Giroud ma penso resti con noi un altro anno”.

Il classe ’89 ha subito un lungo calvario con il Milan questa stagione, giocando la metà delle gare disputate in campionato. Anche al Mondiale Kjaer non è parso molto in forma, come confermato dal diretto interessato.

Continua a leggere

Flash News

Maldini e i ricordi dei derby: “Li soffrivo molto all’inizio”

Pubblicato

:

Kerkez

Intervistato da Milan Tv, il Dt del Milan, Paolo Maldini, ha ricordato la sua esperienza nei derby contro l’Inter.
L’ex capitano rossonero, 902 presenze con la stessa maglia, detiene infatti il record di gettoni nella stracittadina contro i nerazzurri, ben 56.

Ecco quanto riferito da Maldini sul suo rapporto con i derby: “Per me è un grande onore essere il più presente nelle stracittadine, ma essendo il più presente di sempre col Milan direi che è una conseguenza diretta. Le partite contro l’Inter, così come quelle contro la Juventus, o contro il Napoli ai tempi di Maradona, avevano un carico emotivo diverso dalle altre. In particolare i derby, ad inizio carriera mi trasmettevano una pressione tale da non riuscire a fare bene in partita. Col passare del tempo, e con l’esperienza maturata, sono riuscito a trasformare la pressione in energia positiva”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Cafu sicuro su Paquetà: “Al Milan troppe responsabilità”

Pubblicato

:

Paquetà

Cafu, storico terzino e leggenda di Roma e Milan ha rilasciato un’intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport.

Il Pendolino della fascia destra ha vestito in 143 occasioni la maglia del Brasile, che attualmente conta molti giocatori provenienti dalla Serie A. A questo proposito, la domanda su Lucas Paquetà, un ex in questo caso, che ha vestito la maglia del Milan, club che lo ha portato in Europa per primo, e attualmente al West Ham.

Queste le parole di Cafu sul calciatore: Lucas era troppo giovane quando arrivò al Milan, e il Milan gli diede troppe responsabilità. Avrebbe avuto bisogno di più tempo. Adesso ha più personalità e sa come stare in campo”. Il Milan ha portato in Italia Paqueta a 22 anni per poco più di 38 milioni dal Flamengo. Il calciatore non è riuscito ad esprimere il suo pieno potenziale e a mostrale la sua piena personalità. Al Lione, in Francia, ha trovato una sua dimensione, e al West Ham il brasiliano è letteralmente esploso. Il Milan ne ha fatto a meno per 23 milioni, nel 2020, salvo essere poi stato ceduto dal Lione agli inglesi in questa sessione di mercato estiva per quasi 43 milioni di euro.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969