Connect with us
Viene dal Genk il difensore del futuro

Generico

Viene dal Genk il difensore del futuro

Pubblicato

:

Genk

Forza fisica, velocità, ordine tattico e letture. 

In un contesto europeo sempre più competitivo e caratterizzato da allenatori sempre più esigenti, appare sempre più complicato trovare un difensore centrale che risponda a questi quattro punti cardinali, individuati da molti addetti ai lavori come essenziali per competere nel football degli anni venti del ventunesimo secolo.

IL FATTORE SUDAMERICA

Proprio per questa ragione, le cellule di osservatori sono sempre più stimolate ed incentivate a scandagliare tutto il mercato, anche, e soprattutto quello extraeuropeo, andando a pescare nell’America del Sud o nel continente africano, come dimostra, per esempio, l’oculato investimento estivo del Bayer Leverkusen, capace di accaparrarsi, a seguito di una lunga e avvincente asta, che ha coinvolto anche compagini italiane, Piero Hincapie.

 

Difensore centrale classe 2002, strappato al Talleres, il nativo di Esmeraldas, in Ecuador, si è messo in luce con la propria nazionale nel corso delle Olimpiadi, svoltesi a Tokyo questa estate, suscitando il vivo interesse di molte società nel panorama del Vecchio Continente, unendosi, poi, in matrimonio con i rossoneri di Germania.

 

ITALIA PROTAGONISTA

Tuttavia, la passione per i centrali difensivi sudamericani, negli ultimi tempi, non si ferma all’aneddotica di quest’ultima estate, ma ha radici profonde, seppur recenti. Non possiamo dimenticare Cristian Romero, che gli attenti scout del Grifone hanno portato a Genova nel 2018 direttamente dal Belgrano, forse immaginando che sarebbe diventato un pilastro della nazionale albiceleste e protagonista in una big Premier League come il Tottenham Hotspur.

Il passaggio all’Atalanta lo accomuna a un altro colosso difensivo, più esperto, con un percorso più atipico, ma altrettanto dotato di quelle caratteristiche che vengono richieste al centrale moderno. Stiamo parlando di Josè Luis Palomino, classe 1990, passato per la Bulgaria e per la periferia del calcio transalpino, capace di vivere una nuova giovinezza agli ordini del maestro Gasperini, che lo ha incoronato a leader della retroguardia bergamasca, perfetto interprete della filosofia difensiva del tecnico piemontese.

IL FUTURO DELL’ALBICELESTE

A proposito di filosofia gasperiniana, anche il club rivelazione di Ligue 1, ormai da due stagioni a questa parte, ovvero il Lens di Franck Haise, portatore di principi molto simili a quelli di Gian Piero Gasperini, si avvale, nella sua linea difensiva a tre, di un centrale sinistro sudamericano.

Infatti, Facundo Medina, centrale difensivo di piede sinistro, merce rara al giorno d’oggi, arrivato nel luglio 2020, a soli ventuno anni, in Francia, direttamente dal Talleres, si è imposto rapidamente come autentico faro della retroguardia “sang et or, aprendosi le porte per la nazionale maggiore argentina, in una scalata vertiginosa che lo ha portato anche ad essere accostato a club importanti di Premier League.

 

L’ASTRO CAFETERO

Tuttavia, quando si parla di difensori centrali sudamericani, oggi non si può non considerare come vero e proprio punto di riferimento il colombiano Jhon Lucumi. Strutturato, slanciato – misura 187 centimetri – dotato di forza muscolare su spalle e arti inferiori, che non lo penalizzano dal punto di vista della reattività, si è messo in luce come uno dei profili più appetibili a livello internazionale.

Dopo aver militato nelle giovanili del Deportivo Cali, squadra della città natale, Lucumi, nel luglio del 2018 viene individuato e acquistato dal KRC Genk, club storicamente dotato di una capillare struttura di scout nel continente americano, come dimostrano i vincenti innesti di Carlos Cuesta, compagno di ruolo e di nazionale di Jhon, o Angelo Preciado, terzino destro che merita attenzione.

Dopo un iniziale periodo di adattamento, il centrale colombiano si è guadagnato una maglia da titolare nell’undici biancoblù mettendo in luce le proprie caratteristiche principali, che lo hanno reso obiettivo concreto per molte big europee.

 

Un aspetto che lo rende unico nel suo genere è indubbiamente la capacità di unire fisicità e struttura a rapidità e reattività, tanto che non in pochi addetti ai lavori lo paragonano al primo Cristian Zapata, anche per la eccellente elasticità nel gioco aereo, elemento che lo rende protagonista anche nell’area di rigore avversaria.

A livello tattico e di letture, tornando al famoso incipit sul difensore contemporaneo, Jhon ha saputo da subito accantonare eccessiva irruenza e foga, palesando leadership e spiccata abilità nelle letture.

Capace di giocare in una linea a quattro, come nel 4-2-3-1 del Genk, o a tre, in quanto capace di coprire campo e di difendere aggredendo, Lucumi si presenta come un profilo versatile, moderno e anche utile nell’uscita palla, in quanto capace di orientare correttamente il controllo e verticalizzare senza esasperare eccessivamente la giocata.

 

La situazione contrattuale – scadenza nel giugno 2023 – lo rende un profilo decisamente appetibile, opportunità concreta sul tavolo di tante corazzate, che aspettano il loro nuovo leader difensivo.

Fonte immagine di copertina: diritto Google creative commons

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Nessun aumento di capitale fino al 2025 per la Juventus

Pubblicato

:

Tifosi bianconeri

Come è noto, sono giorni difficilissimi in casa Juventus. I risultati sul campo latitano, l’unica gioia in Coppa Italia, e e la situazione societaria, se vogliamo, è messa ancora peggio. Dopo i 15 punti revocati, i bianconeri temono nuove sanzioni, ma bisogna comunque rispondere sul campo e restare concentrati. Nel frattempo in casa Juve si analizza anche il capitale da investire.

Come riporta Tuttosport, nelle scorse ore la Juventus ha diffuso il documento che spiega come fino al termine della stagione 2024-2025 non siano previsti ulteriori aumenti di capitale. Piove sul bagnato a via Druento.

 

 

Continua a leggere

Flash News

Ultim’ora Milan: Ismaël Bennacer salterà il derby contro l’Inter

Pubblicato

:

Milan

Pessima notizia per il Milan. Come evidenziato dagli esiti degli esami svolti questo pomeriggio, Ismail Bennacer salterà il derby contro l’Inter. Come riportato da Antonio Vitiello, la risonanza magnetica ha evidenziato una lieve lesione muscolare al bicipite femorale della gamba sinistra.

Ora l’algerino verrà rivalutato settimana prossima e punterà a rientrare entro il match di Champions contro il Tottenham. Salgono le quotazioni di Krunic per un posto da titolare domenica sera.

Continua a leggere

Champions League

Mbappé va ko: il comunicato lo esclude dalla sfida contro il Bayern

Pubblicato

:

Mbappé

Kylian Mbappé si ferma per infortunio. Il fuoriclasse del PSG ha accusato un problema muscolare durante la sfida contro il Montpellier, da cui è dovuto uscire anzitempo. Oggi il francese si è sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato una lesione muscolare, che, di fatto, lo esclude dagli ottavi d’andata contro il Bayern Monaco in Champions League. Di seguito, riportiamo il comunicato della società parigina, che annuncia come Mbappé sarà out per tre settimane:

Dopo essere stato sottoposto ad esami, Kylian Mbappé ha riportato un infortunio alla coscia sinistra a livello del bicipite femorale. Dovrebbe restare fermo per tre settimane. Oggi verranno effettuati altri test per Sergio Ramos

Continua a leggere

Calciomercato

La Rassegna Social del Diez – Enzo al Chelsea, impresa Cremonese!

Pubblicato

:

Punto d’informazione, di impressioni e passioni condivise, i social network oggi più che mai raccontano le emozioni dei tifosi. Numero Diez vi presenta la rassegna dedicata ai più importanti messaggi della giornata di ieri.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969