Connect with us

Generico

Vlahovic, le prime parole da bianconero in conferenza

Pubblicato

:

vlahovic

Prime parole di Dusan Vlahovic in bianconero. Il colpo del mercato invernale, da 90 milioni complessivi, si presenta oggi in conferenza stampa.

“Vorrei ringraziare la Fiorentina. Tutta la gente che era li. La squadra della primavera e i miei compagni. Vorrei ringraziare tutti da Corvino ai presidenti Della Valle e Commisso. I mister Italiano e Prandelli”.

Che sensazioni hai?
“Sono emozionato e orgoglioso che ho firmato con la Juventus questa società gloriosa. Sono pronto a tutto per arrivare a grandi risultati. Voglio ringraziare il presidente della Juve che mi ha portato qui”.

Come mai hai scelto la Juventus?

Si parlava tanto di altre offerte estere, ma la scelta è stata facile. Nel Dna della Juve c’è la vittoria e il non mollare mai, andare fino alla fine. Anche la mia mentalità è questa.

Come hai vissuto gli ultimi giorni a Firenze e qual è il primo obiettivo alla Juve?
Voglio entrare negli schemi del mister il prima possibile ed entrare nel gruppo, diventando amico dei miei compagni. Voglio trovarmi in una famiglia con anche lo staff e la dirigenza della Juventus, penso sia fondamentale avere uno spogliatoio unito per arrivare ai risultati.

Quanto ti alleni anche in privato?
Il calcio oggi è a un livello in cui ogni dettaglio fa la differenza. Io sto cercando di migliorarmi sotto tutti i punti di vista e quando è possibile. Sto cercando anche di lavorare mentalmente, non dico che mi alleno 24h al giorno ma penso al calcio tantissimo.

La Juve ti ha sempre affascinato?
E’ il club più grande in Italia e sono felicissimo di essere qui. La voglia di migliorarsi sempre con obiettivi altissimi mi ha sempre attirato dei bianconeri e per questo sono contento di essere qui.

Il 7 che era di Cristiano Ronaldo porta pressione?
Tutte le maglie della Juve pesano. Io sono qui per aiutare la squadra e mettermi a disposizione per raggiungere gli obiettivi. Il numero della maglia non è importante, come scendiamo in campo sì e con quale determinazione lo facciamo. Il resto non mi interessa tanto.

Hai sentito qualche compagno prima di fare questa scelta?
Sì ho sentito Chiesa, ho un bellissimo rapporto con lui. Mi dispiace che si sia fatto male, ma lo aspetteremo e non vedo l’ora di giocare con lui e con tutti i compagni.

Ti senti a livello di Mbappé e Haaland?
Sarà una emozione unica giocare in Champions League e mi farò trovare pronto se il mister mi farà giocare. Io voglio avere un mio percorso senza guardare quello degli altri, lo faccio attraverso il lavoro e la concentrazione. Non so dove arriverò, ma voglio arrivare lontano.

Le responsabilità ti stimolano o preoccupano?
Io sono alla Juve e qui non aspettano nessuno. Devo farmi trovare pronto da subito, non ho scuse perché qui conta solo vincere.

Che impressione ti ha fatto Allegri?
Ho fatto un allenamento ma non abbiamo parlato di tattica. Mi ha accolto benissimo e non vedo l’ora di giocare.

A chi ti sei ispirato?
Non è il momento di avere idoli a cui ispirarsi, ma di avere un mio percorso per diventare un grande giocatore. Con il duro lavoro posso farlo.

In quale modulo ti trovi meglio per giocare?
Io sono a disposizione del mister e faccio quello che mi chiederà di fare nelle due fasi. Non ho problemi o preferenze, mi adatto agli schemi che chiederà l’allenatore.

Pensi di poter diventare leader di questa squadra?
Ce ne sono già tanti in questa squadra. Io voglio solo entrare il prima possibile nelle dinamiche di spogliatoio. L’unica cosa che conta è vincere.

Come pensi di trovarti con Dybala?
Non l’ho ancora incontrato perché è in Nazionale. E’ un grandissimo giocatore, ma toccherà al mister scegliere come giocheremo. Io sono pronto e disposto a tutto, qui ci sono tanti campioni anche in attacco.

Che effetto ti fa essere un modello per tanti giovani calciatori? Ti aspettavi questa accoglienza?
Sono ancora un ragazzo e non sono ancora consapevole di quanto sta accadendo intorno a me. Sono arrivato a un livello altissimo qui alla Juventus e sto provando emozioni grandissime.

Ti sei fatto un’idea dei problemi della Juve? Sei qui per risolverli?
Non esiste un giocatore al mondo che possa risolvere le partite da solo. Non voglio neanche pensare di essere qui per risolvere da solo dei problemi, è la squadra che lavorando insieme può fare bene e vincere.

Andrai a vivere nella ex casa di Ronaldo?
Sto cercando una casa, ma non sarà la sua. Io non devo pensare alle cose fuori dal campo, ho voglia solo di giocare e di migliorare.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

L’Italia scopre Buchanan: tre italiane si fanno sotto

Pubblicato

:

Una delle nazionali che maggiormente si è guadagnata la simpatia e gli apprezzamenti di tifosi e addetti ai lavori nel corso di Qatar 2022 è stata senza dubbio quella del Canada; nonostante gli zero punti conquistati dai nordamericani nel girone possano far pensare il contrario, Davies e soci hanno infatti messo in mostra un calcio audace e propositivo, peccando probabilmente di ingenuità contro squadre ben più esperte ed attrezzate come Croazia Belgio, che al Mondiale precedente avevano addirittura raggiunto il podio finale.

Tuttavia, come di consueto, la rassegna iridata è stata un’ottima occasione per diversi talenti in rampa di lancio di mettersi in mostra; tra di essi spicca il nome di Tajon Buchanan, ala classe ’99 attualmente in forza al Club Brugge, che in Qatar ha impressionato per la sua facilità nel saltare l’uomo e per la sensibilità del suo piede destro. Tali doti non sono sfuggite solo alla dirigenza del Napoli, al cui interessamento si era già accennato nei giorni scorsi, ma neanche a quelle di Milan e Juventus, che secondo alcune indiscrezioni provenienti dal Belgio avrebbero deciso di iniziare a monitorare il 23enne canadese.

Continua a leggere

Flash News

Il Barcellona è pronto a farsi avanti per Martinelli dell’Arsenal

Pubblicato

:

Il Barcellona sta preparando il colpo di gennaio per assicurare a Xavi un nuovo innesto in zona offensiva.

Il nome è quello di Gabriel Martinelli, attualmente in forza all’Arsenal. Il giovane talento brasiliano sta partecipando al mondiale in Qatar con la nazionale verdeoro e si sta mostrando una valida alternativa la davanti nonostante gli svariati fuoriclasse che ha il Brasile in attacco.

Per il classe 2001 questo è l’anno dell’esplosione definitiva, al momento in Premier League ha già collezionato 5 gol e 2 assist in 14 partite, ovvero la sua squadra parte 1-0 una partita su due.

Potrebbe quindi essere il profilo giusto per il Barcellona attualmente primo in classifica e con un’Europa League da vincere a tutti i costi.

 

 

Continua a leggere

Flash News

Inzaghi esalta il Frosinone: “Per batterlo servirà la miglior Reggina”

Pubblicato

:

Brescia Lopez

Scontro ad alta quota in Serie B, dove si affrontano Reggina e Frosinone. Nella conferenza della vigilia Filippo Inzaghi, tecnico dei calabresi, ha presentato così la sfida contro la capolista:

“A inizio ho sempre detto che Genoa, Cagliari e Parma hanno squadre superiori rispetto alle altre, ma non scopriamo il Frosinone. Noi siamo un po’ il Frosinone dello scorso anno. Hanno azzerato, hanno lottato e così si ritrovano ai vertici”.

Entrando nei particolari del match:

” A loro piace comandare la partita, esattamente come noi, credo che sarà una bella partita. Non mi preoccupo degli avversari, penso alla grande occasione che abbiamo davanti al nostro pubblico. Per vincere servirà la miglior Reggina“.

Ha poi parlato anche del possibile 11 titolare:

” Ci attendono due gare ravvicinate, 4-5 giocatori tra domani e il fine settimana li cambierò, ma ho ancora questa notte per pensarci. Menez? Ha lavorato bene e si merita quello che ha. Ho un gruppo fantastico, mi si spezza il cuore a lasciare qualcuno fuori“. Infine un’ultima battuta anche sulla classifica: “Si sta chiudendo il girone di andata e, nonostante qualche battuta d’arresto non mi sono mai scoraggiato. Servono solo stimoli ulteriori per mantenere la classifica che, se abbiamo, è perché ce la siamo meritata”.

Continua a leggere

Generico

Salernitana, Iervolino a sorpresa: “Saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato”

Pubblicato

:

Salernitana

Ospite della trasmissione Si gonfia la rete su Radio CRC, è intervenuto il presidente della Salernitana Danilo Iervolino. Il patron dei campani, tra le varie domande, riportate da SalernoSport24, ha espresso il proprio parere sul cammino della squadra e sul campionato di Serie A.

Sulla Salernitana

“Non vorrei essere troppo mieloso, ma penso che il nostro campionato sia straordinario, ricordo che quando ero piccolo vi era un grande dislivello mentre oggi anche le squadre meno facoltose si scontrano a viso aperto con le prime della classe. Dobbiamo continuare su questa strada, cercando di ottenere punti anche con le big”.

Sul campionato

“Penso che non si debba perdere la concentrazione e l’impegno, e al riguardo la sosta sicuramente non avrà tale effetto. Le squadre che hanno fatto bene continueranno a fare bene. Noi saremmo contenti come Salernitana, di avviare il progetto della città della Sport a Salerno. L’obiettivo è quello di creare una vera e propria cittadella dello sport salernitano. Non ci cambierebbe l’entusiasmo, arrivare decimi o dodicesimi, ci importa fare bel gioco e saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969