Connect with us

Generico

Vola l’Atalanta, sprofonda il Genoa

Pubblicato

:

Come da pronostico, trionfa l’Atalanta e affonda il Genoa. Due le reti (a uno) come i punti che l’Atalanta momentaneamente guadagna, in attesa di Inter-Chievo di lunedì, sui nerazzurri di Milano. Ma se gli ultimi pass europei sembrano avere soltanto due colori – il nero e il blu – ciò che la lotta salvezza regala sono situazioni di tensione.

SPROFONDO ROSSO(BLÙ)

Dato per assodato il super-momento di forma dei nerazzurri, sembra quasi legittimo e giustificabile la sconfitta del Genoa. Ma è il come sia arrivata questa disfatta che desta preoccupazioni in casa rossoblù, ai quali mancano soltanto il Cagliari in casa (la prossima giornata) e la trasferta di Firenze per cercare di mettere in cassaforte la salvezza. Nel frattempo, le antenne restano accese su Empoli e Udinese, rispettivamente a -4 e -2, ma con una partita in meno.

Squadra che propone contro l’undici che specula. Il miglior attacco del campionato contro una poca vena offensiva. Erano queste le premesse prima del match, poi puntualmente rispettate.

Risultati immagini per atalanta

Continua la striscia positiva dell’Atalanta, che non perde dal 23 febbraio 2019 (Due a zero in trasferta con i granata)

L’ennesima dimostrazione di una scarsa vena offensiva da parte del Genoa sono le conclusioni da fuori più volte ricercate da Veloso (26’ e 44’), che in qualche caso hanno costretto Gollini a superarsi. A guardare i numeri, le colpe della mancata via del goal – i rossoblù con 37 reti sono il quartultimo attacco del campionato – verrebbe da attribuirle alle sole punte Kouame, Lapadula, Pandev. Sbagliato. La mancanza è il gioco corale, un po’ come all’ex Piatek, ora al Milan, a cui vengono assodate le uniche colpe dell’essere a secco da qualche gara.

Ma ritornando alla partita del Mapei (l’Atalanta gioca qui le ultime due della stagione, vista la ristrutturazione del proprio stadio), l’asso che sbaraglia il gioco Gasperini lo tira fuori all’intervallo: fuori Pasalic, dentro Barrow. E con la freschezza ed esplosività atletica del gambiano, l’Atalanta passa in vantaggio dopo neanche un minuto di gioco della ripresa: pallone lanciato dalle retrovie da De Roon, che viene prima addomesticato e poi ribattuto a rete da Barrow.

A quel punto il Genoa è costretto a cercare il tutto per tutto: fuori un centrocampista (Lerager), dentro estro e fantasia (Pandev). E il primo tiro pericoloso dei rossoblù nella ripresa è proprio del macedone, che però non riesce a ravvivare la squadra di Prandelli negli ultimi 40 metri, se non con un goal a portiere battuto (88’), poi rivelatosi vano in ottica risultato, che ha semplicemente addolcito il verdetto finale.

Risultati immagini per romero genoa

Limitare Zapata non è mai facile. La stazza fisica del colombiano ha difatti messo a dura prova i difensori rossoblù, tutti tranne Romero. Che la Juventus sia da mesi sulle tracce dell’argentino non è una casualità. Il difensore centrale è stato il migliore della retroguardia di Prandelli, con scivolate tanti pulite quanto essenziali per difendere la porta di Radu. Ed è stato anche l’ultimo giocatore del Genoa a sporcare le mani a Gollini, con un colpo di testa nel cuore dell’area avversaria (82’), seguito soltanto da un tentativo di Lapadula di saltare il portiere bergamasco (87’) e ribattere a rete. Vano, il tentativo.

DIFFERENZE

Ciò che il Genoa prova a fare portando palla a tutto-campo o lanciando per le punte Koaume-Lapadula, l’Atalanta ci riesce riducendo al minimo i tocchi: tre passaggi in orizzontale e l’attaccante di turno, che sia Zapata o un’incursore da dietro, è così servito davanti alla porta.

Ed eccola qui l’ennesima nota positiva del calcio “gasperiniano”: il pressing. Se i rossoblù cercano di farlo per limitare le scorribande nerazzurre, l’Atalanta lo sfrutta non soltanto in fase difensiva, ma anche attaccando: il rapido recupero del pallone porta la squadra di Gasp a riempire l’area avversaria con molti più uomini. E la testimonianza, se ce ne fosse bisogno, arriva sul raddoppio nerazzurro: il goal di Castagne (un terzino) arriva dall’assist di Djimsiti (un difensore centrale).

Risultati immagini per barrow atalanta

Toccata e fuga quella del gambiano: entra all’intervallo, schioda il match dallo zero a zero con una sua rete e poi esce, per infortunio, dopo neanche venti minuti di gioco della ripresa. Quasi a fare un favore all’Atalanta, “entro soltanto per risolvere il match”.

Sulla superiorità numerica in ogni zona del campo si chiude l’ennesima sliding doors. Come concludersi sembra la partita dopo il cambio Kouame per Sanabria (73’), dal quale escono fuori tutti i limiti rossoblù, fino a quel momento palesi, ma magari passati in secondo piano per i più disattenti: la panchina corta di buoni giocatori, addobbata soltanto da calciatori non all’altezza di entrare e cambiare le sorti dei match.

E qui entra nel discorso la gestione societaria di Preziosi, da sempre discussa dai tifosi. Svendita dei campioni a metà stagione – Piatek ha lasciato Genova a gennaio con 13 reti, numero a cui attualmente non arrivano i goal degli attuali attaccanti rossoblù nemmeno se sommati -, la parte economica sempre davanti a quella tecnica, la brutta e sbagliata gestione degli allenatori – dodici punti sono arrivati nelle prime 8 giornate con Ballardini, da lì in poi il Genoa, con una classifica avulsa, sarebbero terzultimo – e così via. In piena antitesi rispetto ai dogmi atalantini. E i risultato stanno venendo fuori ora: positivi quelli dei bergamaschi, con un pizzico di negatività quelli dei rossoblù.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

I convocati di Rastelli per Avellino-Taranto: recuperato Zanandrea

Pubblicato

:

Vergara

Massimo Rastelli, tecnico dell’Avellino, ha diramato la lista dei convocati per il match contro il Taranto, in programma domani alle 14:30 allo Stadio Partenio Lombardi.

L’allenatore biancoverde dovrà fare i conti con numerose assenze. Manuel Ricciardi e Claudiu Micovschi, così come Dall’Oglio e Di Gaudio, stanno continuando il programma di recupero mentre Aya tornerà in gruppo lunedì. L’unico recuperato è il difensore Zanandrea.

Di seguito la lista dei convocati.

Portieri: 1 Pane, 16 Pizzella, 22 Forte;

Difensori: 2 Rizzo, 3 Tito, 31 Illanes, 32 Zanandrea, 34 Auriletto, 42 Moretti;

Centrocampisti: 4 Franco, 8 Garetto, 20 Casarini, 21 Matera, 28 Maisto;

Attaccanti: 7 Kanoute, 9 Gambale, 10 Russo, 11 Murano, 18 Ceccarelli, 26 Guadagni, 29 Trotta.

Continua a leggere

Calciomercato

La Roma blinda Pisilli: rinnovo fino al 2026

Pubblicato

:

Dybala

Arriva un rinnovo importante in ottica futuro per la Roma. Secondo il noto giornalista Nicolò Schira, il giovane talento Niccolò Pisilli, classe 2004, ha prolungato il suo contratto fino al 2026.

Per il  giovane centrocampista italiano, che al momento milita ancora in primavera, si prospetta un futuro tutto giallorosso. 

Continua a leggere

Flash News

Spagna-Germania, le parole di Luis Enrique: “Sarà sfida alla pari, Gavi può segnare una nuova epoca”

Pubblicato

:

Dove vedere Spagna-Costa Rica

Alla vigilia del big match tra la Spagna e la Germania, partita valevole per la seconda giornata della fase a gironi della Coppa del Mondo di Qatar2022, il ct iberico Luis Enrique è intervenuto in conferenza stampa. L’ex allenatore di Barcellona e Roma tra i vari argomenti ha analizzato gli avversari e ha paragonato il gioco tedesco molto simile a quello delle furie rosse, ecco le sue parole: “La Germania è la squadra che assomiglia più alla Spagna, gioca sempre in attacco cercando di mettere pressione nella metà campo avversaria e avere sempre la palla. La Germania è una squadra che sa competere, ha una storia vincente e alcuni fra i migliori giocatori al mondo, ma noi siamo convinti di poter vincere, ma non dobbiamo essere troppo sicuri di noi altrimenti la fiducia può dare alla testa“.

LUIS ENRIQUE SU GAVI

Il tecnico spagnolo ha poi elogiato una delle sorprese di questo Mondiale Gavi: “La cosa più sorprendente è che qualcuno a 18 anni e 100 giorni abbia quella fiducia in s stesso, abbia l’intelligenza per posizionarsi in campo e dominare gli aspetti tecnici del calcio. Bisogna andarci piano coi giudizi, ma può segnare un’epoca”.

 

Sulla formazione che intende schierare contro la Germania: “Di solito non ripeto lo stesso undici e al momento non ho ancora fatto le mie scelte, le farò domani mattina. I cambiamenti sono fondamentali e io ragiono non sugli undici titolari, ma sui 16 che giocheranno“.

Continua a leggere

Generico

L’agente di Bayeye apre al mercato: “Al Torino non gioca, andrà via a gennaio”, poi il retroscena su Juric

Pubblicato

:

Bayeye

Tra i primi acquisti della campagna estiva, Brian Bayeye dopo le amichevoli del pre-campionato, non ha più giocato con il Torino: solo una presenza in partite ufficiali, contro il Palermo in Coppa Italia, quando è subentrato a Singo, al 37′ del secondo tempo.

A riguardo, il suo agente Vincenzo Pisacane, a TorinoGranata.it, ha parlato della situazione del suo assistito: “Il problema è alla base perché in realtà Bayeye doveva andare in prestito già quest’anno: questa era l’idea con il Torino. Avevamo Reggina, Palermo, Modena e Ternana che lo volevano, poi però purtroppo Juric gli ha detto “non andare via che mi servi qui, resta con noi e non ti preoccupare che troverai il tuo spazio”. Invece gli ha fatto perdere sei mesi. Juric dice che il giocatore non ha perso sei mesi perché Brian ha imparato molto. Ma io penso che un giovane come lui debba sempre giocare e che sia meglio andare in una categoria inferiore e giocare sempre piuttosto che stare in Serie A e non giocare mai. Quindi sicuramente Bayeye andrà in prestito da qualche parte a gennaio“.

Sulla possibile nuova destinazione, Pisacane non si è sbilanciato: “Ci sono un po’ di squadre che l’hanno visto, però il mercato è a gennaio e siamo a novembre, quindi aspettiamo un attimo e vediamo“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969