Connect with us
Wolfsburg, una stagione da lupi in fabula

Calcio Internazionale

Wolfsburg, una stagione da lupi in fabula

Pubblicato

:

Il Wolfsburg è una delle sorprese della Bundesliga di quest’anno, forse la più grande. I lupi infatti si trovano al terzo posto, a un passo dalla qualificazione in Champions League, che manca da 6 anni al club. Sembra davvero una favola se si ripensa al passato recente di questa squadra, costellato di gioie ma anche di dolori molto intensi.

Molti si ricordano la stagione mirabolante del 2008/2009, in cui il Wolfsburg è riuscito a vincere il campionato a sorpresa, con la coppia del gol Dzeko-Grafite. Da lì in poi stagioni mediocri, fino a quando Dieter Hecking riporta il Wolfsburg in Champions League, nella stagione 2014-15. In quell’annata il club è riuscito ad arrivare addirittura secondo e ha vinto la DFB-Pokal, nonostante sia stato colpito dalla tragica morte del giovane centrocampista Junior Malanda, ai tempi 21enne belga di buone prospettive. Nel 2015 il Wolfsburg ha vinto anche la Supercoppa tedesca, poi però è ritornato in cattive acque, anche ben peggiori. Sia nel 2017 che nel 2018 la squadra bianco-verde vince gli spareggi per non retrocedere in Zweite Bundesliga. Sotto la guida di Bruno Labbadia nel 2019 la situazione migliora: sesto posto e qualificazione in Europa League. L’allenatore di origini italiane sceglie però di lasciare la panchina.

OLIVER GLASNER

Viene scelto come nuovo allenatore Oliver Glasner, austriaco semi-sconosciuto. Di lui si sa veramente poco fino a quel momento. È un ex difensore che ha giocato solo in patria, ritiratosi a 37 anni a causa di un’emorragia cerebrale. Sceglie di non riposare nemmeno un anno, e subito nel 2012 diventa il vice-allenatore del Salisburgo. Nel 2014 allena il Ried, la squadra dove ha giocato per quasi tutta la sua carriera. L’anno dopo diventa il nuovo allenatore del LASK Linz. A Linz però hanno un ottimo ricordo di Glasner, infatti grazie a lui il club bianco-nero è riuscito in solo 2 anni a passare dalla seconda divisione austriaca a giocarsi i preliminari di Champions League. Il LASK non è ancora riuscito ad entrare nella fase a gironi della coppa dalle grandi orecchie, ma grazie a Glasner è diventata ormai una realtà da Europa League. Grazie a quest’impresa compiuta in patria, arriva per l’austriaco la grande occasione, allenare in Bundesliga.

Wolfsburg

Fonte: profilo Instagram @vfl.wolfsburg

Nella prima stagione di Glasner il Wolfsburg conquista il settimo posto. Nella stagione in corso però viene eliminato nei preliminari di Europa League contro l’AEK Atene. La panchina scricchiola già, soprattutto a causa del rapporto con Jorg Schmadtke, direttore sportivo dei lupi, che era stato anche la causa delle dimissioni di Labbadia. Glasner però continua con il Wolfsburg, e cerca di sfruttare al meglio una stagione senza competizione europee, concentrandosi solo sul campionato. A mesi di distanza il Wolfsburg ha fatto oro di questa brutta batosta ed è riuscito a riscattarsi. Quali sono però i segreti di questa squadra? E chi sono i giocatori che stanno per riportare i lupi in Champions League?

COME GIOCA IL WOLFSBURG?

Il Wolfsburg di Glasner cerca di creare dei triangoli larghi. I difensori centrali giocano molto palla al piede, ldialogando con il rispettivo terzino, e una volta attirati gli avversari sono abili nel liberare il centrocampista centrale, in genere Arnold o Schlager, in grado poi di verticalizzare; cercando in avanti le due ali veloci, Steffen e Brekalo. Un’altra strategia che usa il Wolfsburg sono i lanci lunghi, spesso prede facili per la punta centrale Weghorst, che ha vinto ben 91 duelli aerei quest’anno. Risulta fondamentale poi il ruolo dei terzini, i quali giocano molto larghi e aiutano anche in fase offensiva, cercando spesso di spingere, offrendo aiuto nella fase di costruzione, per poi crossare in mezzo a cercare la testa del gigante Weghorst.

Wolfsburg

Fonte: profilo Instagram @vfl.wolfsburg

Quando invece i lupi sono senza palla pressano molto forte. Nel girone d’andata il Wolfsburg ha registrato una media di 168,5 pressioni a partita, con un tasso di successo del 33,6%. È anche leader in Bundesliga per tackle vinti, ben 319 finora. Il modulo di partenza è un 4-2-3-1, che diventa un 4-4-2 in fase difensiva, oppure in un 4-3-3 quando gli avversari cercano di costruire sulle fasce.

I GIOCATORI

In porta c’è il belga Koen Casteels, in forza ai lupi da 6 anni. I difensori centrali sono John Brooks e Maxence Lacroix. Il primo è un americano che ha militato per 10 anni all’Hertha Berlino, trasferitosi al Wolfsburg nel 2017 per 17 milioni di euro. Il secondo è un francese classe 2000, comprato nella scorsa estate dal Sochaux per 5 milioni di euro, diventato ora un titolare inamovibile, tant’è che il suo valore di mercato è salito a 25 milioni. Il terzino sinistro è Jerome Roussillon, francese di grande esperienza, ex Montpellier. Il terzino destro invece è Kevin Mbabu, svizzero di origini congolesi pagato 9 milioni dallo Young Boys. A inizio anno però il titolare era Ridle Baku, tedesco ma pure lui di origini congolesi, comprato lo scorso ottobre dal Mainz per 10 milioni di euro. Baku ha dimostrato di valere i soldi spesi, anzi ora vale 22 milioni, e continua a giocare, non più da terzino da destro ma variando tra il centrocampo e la fascia destra.

A centrocampo i titolari sono Maximilian Arnold, da sempre nei biancoverdi, e Xaver Schlager, il vero metronomo della squadra. Quest’ultimo è un austriaco classe ’97, comprato per 15 milioni di euro dal Salisburgo nel 2019.

Wolfsburg

Fonte: profilo Instagram @vfl.wolfsburg

I 3 dietro la punta di solito sono Yannick Gerhardt, Josip Brekalo e Renato Steffen. Il primo è un trequartista, ex Colonia, che all’evenienza può giocare anche tra i due centrocampisti centrali. Brekalo invece è un’ala sinistra classe 1998, preso per 10 milioni di euro dallo Dinamo Zagabria nel 2017. L’ala destra è Renato Steffen, svizzero ex Basilea. Infine la punta è Wout Weghorst, olandese alto quasi 2 metri, ex AZ Alkmaar, che quest’anno ha segnato ben 20 gol e servito 7 assist.

La panchina è composta da giocatori di livello come Paulo Otavio, Admir Mehmedi, Maximilian Philipp, Joshua Guilavogui, Marin Prongracic e Joao Victor.

LUPUS IN FABULA

I lupi sono rinati, grazie a Glasner hanno fatto un altro salto di qualità. Ora c’è da compiere un ultimo decisivo passo. Mancano 4 giornate alla fine della Bundesliga e il Wolfsburg è terzo a 57 punti, uno in più rispetto all’Eintracht Francoforte e ben 5 in più rispetto al Borussia Dortmund, che sarebbe la grande esclusa a sorpresa per un posto in Champions. I prossimi avversari non sono facili: lo stesso Borussia Dortmund, l’Union Berlino, il Lipsia e il Mainz. Bisogna vedere quindi se i lupi riusciranno a completare la favola e a tornare a giocare la Champions League, che mai è stata tanto vicina negli ultimi 6 anni.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio Internazionale

[VIDEO] – Bruttissimo fallo di IShowSpeed sull’ex Milan Kakà

Pubblicato

:

Kakà

Scene da rimanere attoniti in arrivo dal Qatar, con protagonista in negativo IShowSpeed. Lo streamer americano ha preso parte a una partita di beneficienza insieme a tanti campioni e personaggi illustri del mondo del web. L’evento ha preso il nome di “Match for Hope“, il cui obiettivo è quello di raccogliere fondi per bambini che non hanno accesso a scuole e all’educazione. Tra i calciatori che hanno preso parte alla partita troviamo due vincitori della Coppa del Mondo come Roberto Carlos e David Villa, le leggende del Chelsea Hazard e Drogba, e per chiudere, il Pallone d’Oro del 2007 Ricardo Kakà.

ISHOWSPEED ENTRA MALISSIMO SU KAKA – IL VIDEO DEL TACKLE

Minuto 27 del primo tempo, la palla rotola tra i piedi di Kakà, che la porta avanti molto lentamente verso la trequarti avversaria. IShowSpeed prende la rincorsa dalla metà del cerchio di centrocampo opposta rispetto quella da dove era passata la palla qualche istante prima, raggiugendo velocemente la posizione dell’ex 22 del Milan. A quel punto lo streamer si esibisce in una scivolata completamente sulla gamba di Kakà, che carambola a terra per fortuna senza conseguenze.

Divenuto famoso per la sua ossessione per Cristiano Ronaldo, IShowSpeed ha disputato la partita con la 7, il numero della leggenda portoghese. Certo che il gesto molto poco apprezzabile non ha reso onore al suo idolo.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Benzema si lega all’Al Ittihad: “Io in Europa? Tanti bugiardi”

Pubblicato

:

Benzema

Benzema ha giocato la seconda partita ufficiale con la maglia dell’Al Ittihad nel 2024. Il centravanti francese non ha di certo reso indimenticabile il suo match, realizzando al 25′ l’autogol che aveva portato in vantaggio gli avversari. Alla fine i suoi compagni di squadra sono riusciti a ribaltarla, portando il punteggio sul 2-1 finale, che considerando anche lo 0-0 dell’andata, ha permesso all’Al Ittihad di passare il turno.

La partita in questione era infatti il ritorno degli ottavi della Champions League asiatica, disputati dagli arabi contro gli uzbeki del Navbahor Namangan. Decisiva la rete di Hamdallah al tramonto del primo tempo, e il secondo autogol di giornata, quello di Tabatadze.

BENZEMA TORNA IN CAMPO CON L’AL ITTIHAD – LE PAROLE DELL’EX PALLONE D’ORO

Che bisognasse riequilibrare i rapporti tra Benzema e l’Al Ittihad era chiaro. Dopo il lungo periodo che lo ha tenuto lontano dai compagni, facendo venire a galla anche una sua presunta sparizione, l’ex Real Madrid ha speso parole per chiarire quale sarà il suo futuro. Benzema ha anche parlato del rapporto con Gallardo, che secondo i media era uno dei responsabili del malessere del francese verso l’Al Ittihad e l’Arabia.

Di seguito le sue parole.

SUL RITORNO IN EUROPA –Sono tornato e ora sto meglio. La storia della mia partenza non è vera e sono felice in Arabia Saudita. Non ho problemi con Gallardo, tutti quelli che dicono che voglio tornare in Europa sono bugiardi. Sono molto felice ad Al Ittihad. Da parte mia non ho problemi con nessuno. Chiedete all’allenatore della mia assenza, io ero pronto per lo stage a Dubai“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La Serie A vola nel ranking UEFA: staccata la Bundesliga di 1000 punti

Pubblicato

:

dove vedere rennes-milan in tv e streaming

Le squadre italiane continuano il loro percorso nelle competizioni europee e fanno guadagnare punti alla Serie A nel Ranking UEFA. Nella serata di ieri, sia il Milan che la Roma si sono qualificate per gli ottavi di finale di Europa League, battendo rispettivamente Rennes e Feyenoord. Entrambi sono stati match sofferti: i rossoneri, forti del 3 a 0 all’andata, passano nonostante la sconfitta per 3 a 2. I giallorossi, invece, dopo aver replicato l’1 a 1 della gara di andata hanno raggiunto gli ottavi solo ai calci di rigore.

IL RECAP SUI VARI PAESI

Mentre succedeva tutto questo, la Spagna perdeva una squadra: il Betis Siviglia è stato eliminato dalla Conference League per mano della Dinamo Zagabria. Stessa cosa per la Germania, la quale ha perso l’Eintracht Francoforte, uscito sconfitto dal doppio confronto con l’Union Saint-Gilloise. Discorso ancora peggiore per la Francia, con 3 squadre eliminate dall’Europa League: Rennes, Lens e Tolosa.

L’IMPORTANZA DEL RANKING UEFA

Fare un buon cammino europeo avrà, soprattutto quest’anno, conseguenze importanti per le prossima stagione: la Champions League, infatti, avrà enormi novità. Non ci sarà più la fase a gironi, si passerà da 32 a 36 squadre nel turno principale e la qualificazione alla competizione non arriverà solo tramite il piazzamento nel proprio campionato. Due squadre si qualificheranno in base all’andamento di questa stagione delle varie nazioni.

Il Ranking UEFA, insomma, guadagna importanza. L’Italia guadagna ancora terreno ed è in testa, motivo per il quale la Serie A, ad oggi, manderebbe 5 squadre in Champions.

IL RANKING UEFA AGGIORNATO

1. Italia 15.571 (7 squadre partecipanti su 7)
2. Germania 14.500 (5 squadre partecipanti su 7)
3. Inghilterra 13.875 (6 squadre partecipanti su 8)
4. Spagna 13.187 (5 squadre partecipanti su 8)
5. Francia 13.250 (3 squadre partecipanti su 6)

Continua a leggere

Calcio Internazionale

“Milan serve di più” – La Rassegna del Diez

Pubblicato

:

La rassegna stampa è senza alcun dubbio il miglior modo per iniziare la giornata. Ecco quindi le prime pagine dei principali quotidiani sportivi internazionali per la giornata di oggi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

CORRIERE DELLO SPORT

TUTTOSPORT

L’EQUIPE

SUN

MIRROR SPORT

DAILY EXPRESS SPORT

MARCA

SUPERDEPORTE

SPORT

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969