Connect with us
Zona Inter

La nostra prima pagina

Zona Inter

Pubblicato

:

Il calcio per molti aspetti può essere definito una scienza. Richiede idee, studio e movimenti ben orchestrati, da sperimentare più e più volte fino a raggiungere il risultato sperato, in quel laboratorio enorme fatto dal campo verde e un pubblico sugli spalti. Ma non è sicuramente una scienza esatta. Palle inattive, errori di un avversario o di un compagno, sviste arbitrali e qualsiasi altro elemento casuale possono stravolgere l’andamento dalla partita. E lo possono fare da un momento all’altro. Ecco perché una delle caratteristiche di una grande squadra, o di una che ambisce ad essere tale, è quella di crederci fino in fondo, fino all’ultimo minuto di recupero.

L’Inter, nell’ultima settimana, si è costruita due pesantissimi successi segnando pressoché al fotofinish: martedì contro il Tottenham e, ieri sera, contro la Sampdoria. Se non ancora del tutto confortanti dal punto di vista del gioco, a tratti di gara ancora troppo impreciso e macchinoso, danno sicuramente buoni segnali dal punto di vista di spirito e mentalità. Ma i nerazzurri non sono nuovi a decidere i propri risultati in zona Cesarini: ancora prima di Brozovic, ancora prima di Vecino, l’Inter ha regalato colpi di cuore diverse altre volte. Tra le tante, ne abbiamo scelte cinque.

9/1/2005: INTER 3-2 SAMPDORIA

Quella di ieri è stata definita da Gianpaolo la “sconfitta peggiore della carriera”. Chissà cosa avrebbe dichiarato al termine di quel match della stagione 2004-2005, se fosse stato lui sulla panchina dei doriani. La Sampdoria sta per compiere l’impresa alla Scala del Calcio. Dopo il gol di Tonetto in chiusura di primo tempo, Kutuzov rincara la dose all’83’. 0-2 a meno di dieci minuti dal termine del match. I nerazzurri però sono di altro avviso: Martins, all’88’, riapre i giochi con un sinistro da calcio a 5 nei pressi dell’area di rigore; sempre il nigeriano si rende protagonista dell’azione due minuti dopo, quando tiene vivo un pallone sulla linea di fondo che trova Vieri, che non sbaglia da due passi a porta sguarnita. La rimonta, al 93′, la completa Recoba: una sponda gli fa trovare il pallone puntuale per il suo splendido sinistro, che dal limite dell’area traccia una conclusione nell’angolino basso.

11/12/2005: INTER 3-2 MILAN

Nuova stagione, qualche mese di distanza da quella partita contro la Samp. A San Siro va in scena uno dei tantissimi, combattuti derby di Milano. Quello, in particolare, deciso internante da gol da situazioni di palla ferma. Due rigori, segnati da Adriano e Shevchenko, portano il primo tempo a chiudersi sull’1-1. Martins porta nuovamente in vantaggio i nerazzurri ribattendo in rete un tentativo di Adriano su punizione, ma ad una manciata di minuti dalla fine del primo tempo Stam firma il pareggio su angolo. Ancora Adriano, su angolo, decide il match al minuto 93.

4/11/2009: DINAMO KIEV 1-2 INTER

Passiamo ad una stagione particolarmente felice per i cuori nerazzurri, quella 2009-2010. Il “Triplete” della squadra di Mourinho passò anche da un girone (oltre al Barcellona, Rubin Kazan e Dinamo Kiev le avversarie) che riservò ben più difficoltà di quelle previste. Le prime tre gare videro l’Inter raccogliere tre pareggi, deludendo soprattutto nella gara casalinga contro la Dinamo Kiev. Una situazione non certo facile da gestire in vista delle due gare in trasferta a Kiev e Barcellona. La gara di ritorno contro gli ucraini, cruciale in questa ottica, non era certo iniziata sotto migliori auspici: a Shevchenko, eterno mattatore dei nerazzurri, erano bastati 21 minuti per portare i suoi in vantaggio con un sinistro micidiale da fuori area. L’Inter non riuscì a reagire per l’intera ora seguente, ma nei minuti dall’85’ all’89’…

9/1/2010: INTER 4-3 SIENA

Si può dire che una bella fetta dello Scudetto, quell’anno, passò da Siena. Se la gara di ritorno, in Toscana, fu quella del definitivo trionfo, quella di andata lasciò presagire che nulla, neanche la sorte avversa o i limiti (pochissimi) di quella squadra avrebbero potuto impedire il compiersi di un pezzo di storia. L’Inter si trovò davanti una squadra organizzata e cinica nel punire gli errori di una retroguardia, in quel 9 gennaio, decisamente disattenta. Ma proprio la prodezza di un difensore, Samuel, decise il risultato a favore degli uomini di Mourinho. Altre parole non servono, l’atmosfera mozzafiato di quel match va vissuta con gli occhi.

20/11/2016 – MILAN 2-2 INTER

Uno dei due derby che, due stagioni fa, si decisero praticamente in fotocopia: con un gol su palla inattiva all’ultima (o quasi) azione disponibile. A dire la sua fu prima l’Inter: calcio d’angolo, situazione di 2-1 per il Milan, anche Handanovic in area di rigore rossonera. Parafrasando le ultime telecronache diremmo: “la prende Perisic“.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calciomercato

Il Milan pesca in Spagna: occhi su Chukwueze

Pubblicato

:

La decisione di Gerry Cardinale di interrompere il rapporto di lavoro con Paolo Maldini e Ricky Massara è stato un fulmine a ciel sereno per tutto il popolo rossonero. Sebbene il calciomercato non sia ancora iniziato ufficialmente, la nuova dirigenza del Milan sta comunque sondando il terreno per diversi soluzioni soprattutto nel reparto avanzato.

Per rinforzare l’attacco, i rossoneri sono interessati a Samuel Chukwueze, esterno nigeriano di proprietà del Villarreal. L’attaccante 24enne ha giocato 50 partite stagionali fra Liga, Conference League e Copa Del Rey, segnando 11 reti complessive e fornendo ben 13 assist ai propri compagni di squadra e secondo Sky Sport è un profilo seguito con interesse dal Diavolo.

La richiesta degli spagnoli è molto alta, ma il Milan c’è e ha avviato i primi contatti per provare a chiudere il primo colpo di mercato.

Continua a leggere

Calciomercato

Il Manchester City fa sul serio per Kovacic: le ultime

Pubblicato

:

Kovacic

Si accende il calciomercato del Manchester City che, a causa della probabile perdita di Gundogan a parametro zero, si starebbe muovendo per prendere Kovacic. Quello che potrebbe essere l’approdo di Kovacic alla corte di Pep Guardiola dipenderà, soprattutto, dalla decisione in merito al futuro del centrocampista tedesco. La scelta verrà presa insieme alla società solo dopo la finale di Champions League contro l’Inter.

Nel mentre però il calciatore del Chlesea sembrerebbe essere il profilo preferito dai Citizens e infatti secondo Fabrizio Romano, la trattativa per portare Kovacic a Manchester è molto concreta. Negli ultimi giorni si sono svolte discussioni positive, con i Blues che hanno aperto a una possibile cessione e con il calciatore che ha già accettato di vestire la maglia del City.

Continua a leggere

Flash News

Finisce la stagione del Pescara: il Foggia trionfa ai calci di rigore

Pubblicato

:

dichiarazioni Zeman

Il pareggio di quattro giorni ha dimostrato l’equilibrio e la sfacciataggine di due squadre capaci di offendere e trovare soluzioni di qualsiasi specie. In uno stadio Adriatico sold out (record di presenze stagionali), Pescara e Foggia si affrontano per la gara di ritorno valevole per le semifinali playoff di Serie C. Ci si gioca una finale, uno degli appuntamenti più importanti della stagione.

Zeman si presenta alla partita con una formazione rimaneggiata, facendo addirittura a meno di Plizzari (infortunato), Mesik, Palmiero e Delle Monache. Al centro dell’attacco torna Lescano con Cuppone spostato sull’esterno, mentre c’è Aloi in mezzo al campo. Tra i pali spazio al classe 2003 Andrea D’Aniello, alla seconda presenza stagionale. Per gli ospiti fuori gli squalificati Di Noia e Kontek, con Delio Rossi che può contare su una panchina cortissima causa infortuni.

PESCARA-FOGGIA: IL RACCONTO DELLA PRIMA FRAZIONE

Pronti via inizio da sogno degli uomini di casa: Rafia pennella sulla testa di Cuppone che insacca Dalmasso e porta avanti subito il Delfino. Dopo due minuti il Foggia è costretto già a inseguire, con addirittura due gol da segnare per poter passare il turno. I primi dieci minuti sono un monologo Pescara, ma i rossoneri in ben due occasioni vanno vicinissimi al gol del pareggio con Bjarkason prima e Ogunseye dopo.

Col passare dei minuti il Foggia guadagna metri, con i biancazzurri che concedono il pallino del gioco pronti a sfruttare gli spazi in ripartenza. La partita è subito caldissima, con ritmi altissimi e capovolgimenti di fronte improvvisi da una parte e dell’altra. Come sempre, a fare il bello e il cattivo tempo è Hamza Rafia: altro cross di esterno destro perfetto per Lescano che però liscia clamorosamente il pallone e manca l’appuntamento col gol del 2 a 0.

Le occasioni però arrivano a raffica: Bjarkason sbaglia ancora davanti a D’Aniello, sulla ripartenza Gozzi si fa tutta la fascia e pesca Cuppone che però sbaglia l’aggancio e getta alle ortiche un’occasione enorme. I ritmi sono frenetici, con i quinti del Foggia che fanno malissimo alla difesa abruzzese costretta a concedere qualcosa sulle discese di Costa e Bjarkason. Al 38′ arriva anche la prima ammonizione della partita, dopo un’intervento pericoloso di Di Pasquale su Merola.

Al 41′ il Pescara va a un passo dal raddoppio: calcio d’angolo perfetto per la corrente Brosco che incorna e centra in pieno la traversa. Lescano qualche minuto dopo impensierisce Dalmasso con un destro secco appena dentro l’area. Si chiude così dunque la prima frazione, con il Pescara avanti 1 a 0 ma reo di aver sciupato moltissime occasioni per chiudere la pratica.

PESCARA-FOGGIA: IL RACCONTO DEL SECONDO TEMPO

Rossi attinge subito dalla panchina, inserendo Vacca al posto di un Petermann in ombra. Il secondo tempo ripercorre il primo, con il Foggia che sfiora subito il pari con un tacco al volo: miracolo di D’Aniello, uno dei protagonisti indiscussi tra le fila casalinghe. Arrivano altre brutte notizie però per l’allenatore romagnolo, costretto a far entrare Garattoni a causa di un infortunio muscolare di Bjarkason.

A fare la partita adesso è il Foggia, cosciente che il cronometro non è suo amico, non riuscendo però mai a impensierire più di tanto la retroguardia biancazzurra. La prima vera occasione arriva al minuto 65: Boben e D’Aniello non si intendono e Garattoni tenta il pallonetto che si spegne sul fondo. Zeman si accorge della stanchezza dei suoi e opta per un triplo cambio inserendo Vergani, Mora e Delle Monache.

I cambi danno subito i suoi frutti, col Pescara che trova la rete del raddoppio al 70′ con Merola imbeccato da una giocata fantastica del classe 2005. Il direttore di gara Monaldi però interrompe i festeggiamenti annullando il gol per fuorigioco, tra i fischi dell’Adriatico. L’ex allenatore di Palermo, Bologna e Sampdoria prova il tutto per tutto, togliendo Costa e inserendo un altro attaccante come Iacoponi.

Al 78′ gli ospiti si lamentano per un contatto su Garattoni, ma il VAR non richiama l’arbitro di Macerata lasciando la valutazione del campo. La tecnologia viene interpellata nuovamente qualche giro di orologio dopo, negando il rigore agli ospiti per una posizione di fuorigioco in fase di impostazione. Zeman butta dentro anche Desogus, cambiando tutto il trio offensivo per sfruttare le possibili occasioni in ripartenza. Il Foggia però, come ci ha abituato quest’anno, non molla mai: all’ultimo minuto di gioco sponda di Ogunseye e Rizzo firma il gol del pareggio che vale i supplementari.

PESCARA-FOGGIA: I SUPPLEMENTARI

I primi 5 minuti scorrono lisci ma poi il solito Rafia decide di caricarsi il Pescara sulle spalle con una giocata al limite e cross morbido con l’esterno: Desogus mette giù, finta e piazzato che non lascia scampo a Dalmasso. Col passare dei minuti il Foggia si apre e Delle Monache sfiora il gol su un’altra invenzione di un ispirato Desogus.

Rossi rischia il tutto per tutto inserendo Odjer e Rutjens  al posto di Di Pasquale e Schenetti. Le offensive del Foggia però si fermano tutto contro la retroguardia biancazzurra, con un Brosco autore di una partita stratosferica nella sua metà campo. I rossoneri però non vogliono abbandonare il sogno Serie B e al 10′ minuto del secondo tempo supplementare trovano la zuccata vincente di Markic da calcio d’angolo che vale il 2 a 2. Si va dunque ai calci di rigore, in una vera e propria lotteria fatta di nervi freddezza dal dischetto.

Markic segna il primo con qualche brivido, stesso esito per Mora che spiazza Dalmasso. Il secondo rigore spetta a Garattoni che tira altissimo sopra alla traversa. Il Pescara ha l’occasione per portarsi in vantaggio ma Cancellotti emula l’avversario. Gli errori continuano a fare da padroni con Ogunseye che non trova la porta. Rafia invece non sbaglia e porta il Delfino sul 2 a 1. È la volta di Peralta che sceglie lo stesso angolo del tunisino e spiazza D’Aniello. Dalmasso ipnotizza Aloi e rimette tutto in bilico, mentre Vacca e Vergani non sbagliano. Si va ad oltranza e il primo a calciare è Rutjens con l’estremo difensore biancazzurro che sfiora ma non riesce a parare. L’errore decisivo è dell’uomo che aveva riacceso la partita nel supplementare: Desogus apre troppo il piattone e il Foggia vola alla finale playoff contro il Lecco.

 

Continua a leggere

La nostra prima pagina

Clamoroso al Manuzzi! Il Lecco elimina il Cesena ai rigori grazie a un super Melgrati ed è in finale

Pubblicato

:

Cesena-Lecco

La sfida di questa sera, la semifinale di ritorno dei playoff di Serie C CesenaLecco, ha emesso il suo verdetto: sono i blucelesti che, ai rigori, approdano in finale, dove dovranno contendersi la promozione in Serie B contro il Foggia (che ha anch’esso superato il Pescara dopo i calci di rigore).

Una partita emozionante che, dopo un primo tempo equilibrato ma in cui è il Cesena ad avere le occasioni più grandi per segnare, vede passare in vantaggio, al 56′, il Lecco con Buso. Il parziale, grazie ad un super Melgrati che tiene in vita i blucelesti con le sue parate, non cambia nei novanta minuti: visto il risultato della gara di andata, terminata 1-2 per i bianconeri, si va ai tempi supplementari. Niente da fare neanche nei trenta minuti addizionali: si decide tutto ai calci di rigore. Dal dischetto è decisivo l’errore di Mustacchio, ipnotizzato dal migliore in campo Melgrati, e il successivo penalty trasformato da Lepore che fa partire la festa per la squadra lombarda.

LA CRONACA DELLA PARTITA

Il primo squillo è del Cesena, che va vicino al vantaggio con una conclusione di Silvestri, respinta in corner da Melgrati. Dopo lo spavento iniziale, il Lecco comincia a creare buone trame offensive, non riuscendo però ad andare al tiro. È poi Cristian Shpendi ad avere la palla dell’1-0, ma è ancora una volta super Melgrati. Dopo pochi minuti, si accende anche l’altro gemello Shpendi, quello con il numero 11 che fa di nome Stiven, che in progressione palla al piede arriva a tu per tu con l’estremo difensore bluceleste ma allarga troppo la conclusione, con la sfera che termina a fil di palo spegnendosi sul fondo. Il primo tempo termina sullo 0-0: è il Lecco a fare la partita, senza però essere concreto davanti. Il Cesena, invece, si difende in modo ordinato e cerca di rendersi pericoloso quando recupera palla sfruttando la velocità dei “gemelli del golShpendi.

La ripresa inizia con un’occasione colossale per il Cesena. In un’azione offensiva bianconera, dopo un rimpallo la palla arriva sui piedi di Cristian Shpendi: la punta spara però clamorosamente alto da due passi, mentre i tifosi di casa stavano già liberando l’urlo di gioia per la rete dell’1-0. Gol mangiato, gol subito: su una ripartenza, Girelli mette uno splendido filtrante per Buso, che finta il tiro, supera Prestia e incrocia battendo Tozzo, per poi andare ad esultare sotto il settore dedicato agli ospiti. È un gol importantissimo, che rimette in parità la doppia sfida al 56′. Il Cesena risponde con Stiven Shpendi, ma Melgrati si supera ancora sull’attaccante classe 2003 con due autentici miracoli.

I canonici novanta minuti terminano sul risultato di 0-1, si va quindi ai tempi supplementari: le squadre, molto stanche, non riescono a schiodare il risultato dal 2-2 complessivo neanche nei trenta minuti addizionali. Si decide tutto ai calci di rigore: sotto la curva del Cesena parte a battere il Lecco, segnano Celjak, Mercadante, Zuccon, Stiven Shpendi, Bunino, Chiarello, Scapuzzi, poi sbaglia Mustacchio, ipnotizzato da Melgrati. Il Lecco ha il match-point con Lepore: il 32 non sbaglia e regala il passaggio del turno alla squadra lombarda.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969